Archivi tag: Variety

Javier Bardem re degli incassi nelle serie tv

Javier Bardem re degli incassi nelle serie tv

Javier Bardem re degli incassi nelle serie tv assieme a Reese Witherspoon, Jennifer Aniston e Norman Reedus

Javier Bardem re degli incassi nelle serie tvSecondo Variety, che ha pubblicato una lista degli stipendi degli attori televisivi, Javier Bardem re degli incassi nelle serie tv sta portando a casa $ 1,2 milioni per episodio per la sua serie senza titolo di Amazon. Reese Witherspoon e Jennifer Aniston stanno guadagnando $ 1,1 milioni per episodio per il loro imminente spettacolo teatrale mattutino su AppleNorman Reedus sta guadagnando $ 1 milione per episodio per “The Walking Dead“, mentre Hulu sta pagando Elisabeth Moss $ 1 milione per “The Handmaid’s Tale“.

L’articolo fa notare anche che alcune celebrità, come Aniston, Witherspoon e Bardem, potrebbero incassare di più perché sono elencate come produttori esecutivi nei loro spettacoli.

Javier Bardem re degli incassi nelle serie tv 2Javier Bardem re degli incassi nelle serie tv, ecco altri colleghi che incassano molto

Nella categoria unscripted, Kelly Clarkson sta portando a casa circa $ 560.000 per episodio di “The Voice“, Kevin Hart arriva a $ 500.000 per “TKO” e Dwayne The Rock Johnson ottiene $ 450.000 per “Titan Games“.

Per quanto riguarda la commedia, Variety riporta che in “The ConnersJohn Goodman, Laurie Metcalf e Sara Gilbert ottengono 375.000 dollari per episodio. Candice Bergen e Tim Allen guadagnano $ 250.000 un episodio per “Murphy Brown” e “L’uomo di casa” (Last Man Standing).

Ecco altri salari ad episodio per alcuni attori:

Jennifer Garner – $ 150.000 per “Camping”

Brad Garrett – $ 100.000 per “Single Parents”

Alec Baldwin – $ 300.000 per “Alec Baldwin Show”

Drew Barrymore e James Corden – $ 350.000 per “World’s Best”

Julia Roberts – $ 600.000 per “Ritorno a casa”

Sandra Oh – $ 100.000 per “Killing Eve”

Sean Penn – $ 500.000 per “The First”

Winona Ryder, David Harbour e Millie Bobby Brown – $ 350.000 per “Stranger Things”

Benicio Del Toro – $ 400.000 per “Escape at Dannemora”

KJ Apa, Lili Reinhart, Camila Mendes e Cole Sprouse – $ 40.000 per “Riverdale”

L.M.

Ragazze a Beverly Hills (Clueless)

Ragazze a Beverly Hills

Ragazze a Beverly Hills, chi sarà nel cast del remake e chi interpreterà Cher e Dionne?

Ragazze a Beverly Hills (Clueless) Ragazze a Beverly Hills è un classico degli anni ’90 con Alicia Silverstone, Paul Rudd e Stacey Dash che sta per avere un rebbot da parte di Paramount, secondo Variety.
Tracy Oliver, che ha scritto Girls Trip (Il viaggio delle ragazze), sarà il produttore e Marquita Robinson, che ha lavorato nella serie Glow di Netflix scriverà la sceneggiatura.

Ragazze a Beverly Hills (Clueless) è un film del 1995, scritto e diretto da Amy Heckerling, parzialmente ispirato da Emma, romanzo del 1815 scritto da Jane Austen. Si concentra su una ragazza ricca di nome Cher Horowitz e i suoi alti e bassi che affronta in amore e popolarità del liceo.

Ragazze a Beverly Hills (Clueless) 2Ragazze a Beverly Hills secondo voi è giusto fare un remake? I fan intanto si dividono, come del resto fanno anche sul cast

Il cast del remake di Clueless non è ancora stato annunciato. Tuttavia, giornali, tv e fan sui social hanno già cominciato a fare delle ipotesi su quali attori possano prendere parte al film senza sfigurare di fronte al cast originale. Cher potrebbe essere interpretata da Saoirse Ronan o dalla star di Riverdale, Lili Reinhart mentre Zendaya potrebbe interpretare Dionne. Il protagonista maschile potrebbe essere interpretato da Adam Driver o Nick Robinson e il ruolo di Tai potrebbe andare ad Alyson Stoner.

Intanto i fan si interrogano se sia giusto fare un roboot di una pellicola di soli 23 anni fa, cosa che purtroppo è già avvenuta per moltissime pellicole, addirittura si parla di un remake di tutta la serie de I Pirati dei Caraibi iniziando da La maledizione della prima luna. Nelle scorse settimane la voce aveva iniziato a girare, ma da ieri pare abbia trovato conferma che Johnny Depp non sarà più Jack Sparrow nella celebre saga, forse per questo si parla di reboot, ma c’è proprio la necessità di farlo?.

Ragazze a Beverly Hills (Clueless) 3Il cast dell’originale Ragazze a Beverly Hills (Clueless) vede Alicia Silverstone nel ruolo di Cher e Stacey Dash nei panni di Dionne. Brittany Murphy interpretava Tai e Paul Rudd era Josh. Ragazze a Beverly Hills ha coniato lo slogan “As If” e reso popolare lo stile preppy e gli abiti a quadri.

Parlando con NME del film Paul Rudd ha detto:

è stato toccato un accordo, credo, con quella generazione. Quando uscì, erano passati diversi anni da quando c’era un film per adolescenti. Non ha parlato con loro e in qualche modo ha catturato il loro mondo.

It just struck a chord, I think, with that generation. When it came out, it had been several years since there was a movie for teenagers. It didn’t talk down to them and it kind of captured their world in some ways.

L.M.

Post addio Fiona a Shameless

Post addio Fiona

Post addio Fiona su Facebook

Post addio FionaPost addio Fiona. Shameless è ormai giunta negli Stati Uniti alla terza puntata della nona stagione senza nè alti nè bassi. L’addio di Emmy Rossum, che interpreta Fiona è ormai ufficiale da settimane.

L’addio era nell’aria da moltissimo tempo ma è stato annunciato a fine agosto dall’attrice americana con una lunga lettera ai fan condivisa via Facebook. Questa quindi sarà l’ultima stagione con Fiona Gallagher e questo significa che, se Showtime (come pare) deciderà di proseguire Shameless con altre nuove stagioni lei non ne sarà coinvolta. Certo molto dipenderà dagli ascolti della nona stagione e soprattutto dall’inizio della decima stagione di Shameless senza Fiona.

Post addio FionaVi riportiamo una parte della lettera di addio di Emmy Rossum tradotta in italiano:

So che continuerà senza di me. Ci sono ancora molte storie da raccontare sui Gallagher e io farò sempre il tifo per la mia famiglia. Cercate di pensare che non me ne sia andata del tutto, ma che sia ancora lì, come se fossi in fondo all’isolato. Prima che Shameless entrasse nella mia vita, otto anni fa, ho vissuto la meravigliosa vita transitoria di un attore. Non mi ero mai resa conto di quanto realmente desiderassi quel tipo di continuità che questa serie tv mi ha dato. E ha dato a tutti noi. Stagione dopo stagione sono contenta che la nostra troupe ritorni. E non è solo perché è uno show tv meravigliosamente scritto e meravigliosamente complesso. Ci sono connessioni reali, amicizie vere che ci riportano sul set stagione dopo stagione dopo stagione. Nella vita reale, differentemente da Fiona, sono figlia unica. Non ho mai avuto una grande famiglia. Essere immersi nell’amore un po’ complicato della famiglia Gallagher è qualcosa che ho sempre sognato. Ma anche fuori dal set, sembra reale. Abbiamo visto i bambini diventare gli esseri umani forti, talentuosi e indipendenti. Ho insegnato ad Emma (Kenney) a radersi le gambe. Ero lì quando Ethan (Cutkosky) ha imparato a guidare. Shanola (Hampton) e Jeremy (Allen White), Joan (Cusack) e Bill (William H. Macy) hanno ballato al mio matrimonio a New York l’anno scorso. Sembra davvero una famiglia. L’opportunità di interpretare Fiona è stata un regalo. Ci sono pochi personaggi, femminili o meno, così stratificati e dinamici. Lei è una madre leone, feroce, imperfetta e sessualmente liberata. È ferita, vulnerabile, ma non si arrende mai. Sta vivendo una depressione economica, ma si rifiuta di essere depressa perché è piena di risorse. Lei è fedele. Lei è coraggiosa. Lo sapevo nel momento in cui leggevo la sceneggiatura del pilot. Era un qualcosa di diverso. Era speciale.

Post addio FionaPost addio Fiona, Emmy Rossum lascia Shameless dopo 9 stagioni

Ecco la lettera originale:

It’s a hard thing to put into words, feelings. But I’m going to try. This business is always an adventure, full of travel and opportunities to tell stories. Usually as an actor, every few months, you travel to a new place, start a new project, build a new character, learn new rhythms, new inside jokes with your crew, make new friends. Until “Shameless” came into my life 8 years ago, I led that kind of transient wonderful life of an actor. And I never realized how much I actually craved the kind of continuity that this show has given me. And given all of us in the crew. Season after season I’m amazed that our same crew comes back. And it’s not just because it’s a wonderfully written, wonderfully layered show. There are these real connections, real friendships that bring us back season after season after season. See, in real life, unlike Fiona, I’m an only child. I never had a big family. Being ensconced in that messy Gallagher family love is something I’d always dreamed of. But even off set, it feels real. We’ve watched the kids grow up into the strong, talented, independent human beings that they are. I taught Emma to shave her legs. I was there when Ethan learned to drive. Shanola and Jeremy and Joan and Bill danced at my wedding in New York last year. Our fearless leader John Wells thankfully held Sam and me up on those rickety chairs during the hora. I’ve spent the Jewish holy days in temple with David Nevins and his wonderful wife and kids. It really feels like a family. This kind of stability, this family, has nurtured me and made feel safe enough to stretch and grow creatively. The way John Wells has shepherded me as an actress, and more recently how he’s encouraged me wholeheartedly as a director and a writer, has been an honor and a privilege. We have made over 100 hours of television. That’s no small feat. There’s a new study that says it takes 100 hours to become friends with someone. The Gallaghers have been in people’s living rooms for 100 hours. So, it makes sense. We can feel your connection to us, to these characters. In the airport, in restaurants, on the street, when people call out “Hi Fiona” “Oh my god, it’s Lip” or “Screw you Frank!”… it feels good. The opportunity to play Fiona has been a gift. There are few characters — female or otherwise — as layered and dynamic. She is a mother lion, fierce, flawed and sexually liberated. She is injured, vulnerable, but will never give up. She is living in an economic depression, but refuses to be depressed. She is resourceful. She is loyal. She is brave. I knew it the second I read the pilot script, this was different, this was special. I tirelessly prepped the audition with my coach Terry Knickerbocker. I walked to the appointment in the rain so I looked disheveled. During my third audition, when I got the part IN the room, I literally jumped up and down screaming in joyous relief and disbelief. Quite simply, the last eight years have been the best of my life. Malcolm Gladwell says it takes 10,000 hours to become truly good at something. To become world class. Well by my calculation, 100 episodes, 7 days per episode (plus Chicago weeks), 12 hour days, we’re just at about 10,000 hours. So I guess we’re finally good at this. I can say for certain that this cast and crew, who I’ve been have truly honored to work alongside, are world class. I am proud and I’m filled with gratitude. I know you will continue on without me, for now. There is much more Gallagher story to be told. I will always be rooting for my family. Try not to think of me as gone, just think of me as moving down the block. With love, always.

Post addio FionaIn una dichiarazione rilasciata a Variety, Gary Levine, il responsabile della programmazione di Showtime, ha confermato l’uscita di Rossum:

Siamo stati rattristati quando Emmy Rossum ci ha fatto sapere che la prossima nona stagione di Shameless sarebbe stata l’ultima. Ma noi siamo veramente grati per il lavoro ispirato che Emmy ha dato alla nostra serie, non solo davanti, ma anche dietro la telecamera. Fiona Gallagher sarà sempre uno dei personaggi iconici di Showtime e applaudiamo Emmy per averle dato vita attraverso una performance naturale, toccante e senza paura. A nome di tutti a Showtime e ai suoi milioni di fan, ti ringraziamo Emmy!.

Post addio FionaL.M.

Dustin Hoffman è sempre più nella bufera

Dustin Hoffman è sempre più nella bufera

Dustin Hoffman è sempre più nella bufera: altre tre donne lo accusano di molestie sessuali

Dustin Hoffman è sempre più nella bufera, nuove accuse di molestie sessuali

Dustin Hoffman è sempre più nella bufera, tra di loro una ex compagna di scuola della figlia dell’attore, all’epoca dei fatti minorenne

Dustin Hoffman è sempre più nella bufera dopo le accuse di altre tre donne di aver subito molestie sessuali. Tra di loro c’è anche Cori Thomas, una ex compagna di scuola della figlia dell’attore, che, all’epoca dei fatti, era minorenne. A riportare le nuove denunce è stato questa volta il magazine hollywoodiano Variety, precedentemente erano stati colleghi dell’Hollywood Reporter.

Sale così a sei il numero delle donne che negli ultimi mesi hanno accusato il due volte premio Oscar di molestie sessuali.

La replica del legale di Dustin Hoffman è stata: “Accuse false e diffamatorie”

La prima testimonianza risale a fatti accaduti nel 1980 ed ha come vittima Cori Thomas, la ragazza all’epoca 16enne. Cori Thomas era una compagna di classe di Karina, la figlia dell’attore. All’epoca dei fatti l’attore stava divorziando dalla madre di Karina, l’attrice Anne Byrne e si ritrovò a cena con le due bambine in un ristorante di New York. Finito di mangiare Hoffman avrebbe invitato la figlia ad andare a letto perché all’indomani sarebbe dovuta svegliare presto per andare a scuola, mentre avrebbe atteso la madre di Cori nella sua camera d’albergo. Approfittando della mancanza della figlia Dustin Hoffman avrebbe, secondo la testimonianza, invitato la ragazzina a salire nella sua stanza. Mentre attendevano la madre, l’attore si sarebbe fatto una doccia, sarebbe uscito dal bagno nudo, ed infine si sarebbe sdraiato in abito adamitico sul letto chiedendo alla Thomas di massaggiargli i piedi.

“Era davanti a me nudo. Sono quasi collassata. Ero mortificata”, ha raccontao la donna a Variety. Nel frattempo Hoffman avrebbe anche telefonato a qualcuno raccontando all’interlocutore di essere lì nudo con una 16enne che gli massaggiava i piedi.

Poco dopo però a mamma di Cori è arrivata nella hall e la ragazzina è subito scesa.

La seconda testimonianza risale a fatti avvenuti nel 1985 ed è Melissa Kester, una montatrice video allora ventenne. La ragazza avrebbe incontrato Dustin Hoffman in uno studio di registrazione di Malibù dove lui e Warren Beatty stavano registrando le canzoni del film Ishtar, che erano state scritte con la collaborazione del fidanzato della ragazza. Il primo incontro tra lei e l’attore, secondo la Kester, era avvenuto in presenza della crew del film.

La ragazza allora avrebbe affermato di amare Arthur Miller e di avere diversi progetti di scrittura in atto. Alcuni giorni dopo, la Kester si ritrovò nuovamente negli studi di registrazione di Malibù. In una delle stanze c’era pure Lisa Gottsegen, la seconda moglie di Hoffman ed i loro bimbi piccoli Jake e Max, quindi secondo la Kester la situazione era tranquilla. Ad un certo punto l’attore avrebbe però detto ai suoi assistenti: “Mi sto annoiando. Fate entrare Melissa”. Poco dopo Hoffman si sarebbe ritrovato nella sala di registrazione da solo con la ragazza ed a separare i due dai tecnici audio e dal ragazzo della Kester ci sarebbe stata la classica lastra insonorizzata di vetro. L’attore approfittando della situazione avrebbe infilato due dita nella vagina della ragazza: “Il mio ragazzo era lì davanti e lui mi ha violentata per 30 secondi”, ha spiegato la testimone.

La terza testimone è invece rimasta anonima ed ha accusato Hoffman di averla aggredita durante le riprese del film Ishtar.   Dustin Hoffman è sempre più nella bufera

Dustin Hoffman era già stato accusato di molestie sessuali nelle settimane scorse: dall’attrice Kathryn Rossetter, che ha dichiarato di essere stata vittima nel 1983 di numerosi palpeggiamenti e violenze sia in camere d’albergo come dietro le quinte dei teatri mentre andavano in scena; dall’attrice Anna Graham Hunter che all’epoca dei fatti, nel 1985, aveva 17 anni e che ha accusato l’attore di averla molestata e di aver fatto allusioni sessuali nei suoi confronti mentre lavorava come stagista sul set di Morte di un commesso viaggiatore; Infine è stato accusato dalla produttrice e sceneggiatrice tv, Riss Gatsiounis, che ha denunciato fatti accaduti nel 1991 quando lei era una giovane autrice di teatro.             Dustin Hoffman è sempre più nella bufera

L.M.