Archivi tag: The Hollywood Reporter

Notizie del giorno attraverso i tweet

Notizie del giorno attraverso i tweet

Notizie del giorno attraverso i tweet
Anche oggi vi riporto le notizie del giorno attraverso i tweet del profilo ufficiale del blog su Twitter. Non son riportate in ordine cronologico, ma di importanza. Anche oggi molte notizie sul coronavirus che sta bloccando il cinema e creando problemi di ogni tipo. Vorremmo non parlarne più ma tutte le notizie nel mondo son condizionate dal Covid-19. Buona lettura.

#JaredLeto ha saputo che era in corso una pandemia di #coronavirus dopo 12 giorni di isolamento nel deserto. L’attore e amante della natura e dei luoghi isolati, aveva trascorso 12 giorni in isolamento prima di venire a conoscenza di ciò che sta accadendo nel mondo. continua…

“12 giorni fa ho intrapreso una meditazione silenziosa nel deseerto. eravamo totalmente isolati. Nessun telefono, nessuna comunicazione. Non avevamo idea di cosa stesse accadendo fuori dal nostro rifugio. Ieri ho camminato in un mondo diverso, cambiato per sempre…. continua..

…. Mi sembra folle. Sto ricevendo messaggi da amici e dalla mia famiglia sparsa nel mondo e sto cercando di capire che sta succedendo. Spero che voi e i vostri cari stiate bene. Mando energia positiva a tutti. State al riparo, state in salute”.

Contro il #coronavirus arriva anche l’iniziativa di #OnePiece che, con uno spot andato in onda sulla TV giapponese, ha lanciato un appello a tutti i fan, in cui richiama al rispetto delle norme vigenti e alla massima attenzione. “Lavate bene le mani e fate attenzione”

Notizie del giorno attraverso i tweet, oggi sono molte, di seguito altri tweet, quasi tutti purtroppo legati all’emergenza coronavirus come ormai da alcune settimane

La pandemia di #coronavirus ha causato una grave crisi al mercato azionario, in questo quadro le azioni #Disney continuano a calare. Dopo aver colpito gravemente la Cina e l’Italia, il coronavirus ha provocato il caos in America colpendo anche l’industria dell’intrattenimento. continua..

Secondo quanto riportato da The Hollywood Reporter, i ritardi delle uscite di film come Mulan per via della pandemia da #coronavirus hanno messo #Disney a dura prova e c’è la possibilità di un acquisto da parte di un colosso come #Apple. continua..

L’analista Bernie McTernan della Rosenblatt Securities, ritiene che possa essere una soluzione perché Disney ha perso circa 85 miliardi di dollari nelle ultime 3 settimane, circa un terzo della sua capitalizzazione. Negli USA si parla di #Apple temendo la scalata di colossi cinesi.

#Uncharted ha dovuto posticipare le riprese a causa del #coronavirus, che sta causando un’emergenza sanitaria internazionale. Le riprese del film con #TomHolland sarebbero dovute iniziare ad aprile a Berlino, tuttavia la produzione ha bloccato temporaneamente il lungometraggio.

#TomHanks e sua moglie Rita Wilson sono stati dimessi dall’ospedale australiano in cui erano ricoverati e continueranno la loro convalescenza a casa. Buona notizia che rassicura i fan in apprensione per i due coniugi, che erano stati trovati positivi al #coronavirus.

L.M.

South Park vuole cancellare i Simpson

South Park vuole cancellare i Simpson

South Park vuole cancellare i Simpson e lancia provocatoriamente lʼhashtag #cancelthesimpsons

South Park vuole cancellare i SimpsonSouth Park vuole cancellare i Simpson, ma si tratta di una burla. Anche i Simpson sono finiti nel mirino di South Park, null’ultima puntata: la serie animata ha infatti lanciato una frecciatina ai colleghi gialli di Springfield.

I Simpson sono stati accusati negli ultimi anni di razzismo per la versione troppo stereotipata del personaggio indiano di Apu Nahasapeemapetilon. Nella terza puntata della ventiduesima stagione di South Park Mr Hankey viene esiliato in un posto “che accetta le persone razziste e orribili come lui” e viene accolto proprio dai Simpson.

L’episodio si conclude poi con l’hashtag #cancelthesimpsons. A quanto pare, però, l’accusa non era rivolta alla serie animata ma a chi la definisce razzista. Al Jean, uno dei creatori dei Simpson, ha infatti chiarito la questione a The Hollywood Reporter:

In realtà South Park è dalla nostra parte e l’episodio in questione è una critica aperta alle accuse che abbiamo ricevuto precedentemente. Io stesso ho risposto su twitter con l’ hashtag #pleasedontcancelsouthpark.

South Park vuole cancellare i SimpsonSouth Park vuole cancellare i Simpson con un hastag, ma in realtà è un modo per dare il loro sostegno alla serie animata

La polemica su Apu si era accentuata dopo che il comico Hari Kondabolu ha realizzato il documentario The Problem With Apu in cui sottolineava come la serie proponesse degli stereotipi razziali attraverso il personaggio doppiato da Hank Azaria. Il documentario ha scatenato tanto scalpore che Hank Azaria ha successivamente dichiarato di essere disposto a dire addio ad Apu o di rimanere a bordo dello show se gli autori decidessero di modificarlo in qualche modo, ma per ora gli sceneggiatori non hanno ancora ad oggi annunciato le possibili decisioni.

Lo show di Comedy Central suggerendo di cancellare la storia della famiglia di Springfield dal palinsesto televisivo ha voluto dimostrare il suo sostegno verso la serie avversaria e la ridicolaggine della polemica su Apu. Un bel gesto davvero da parte di South Park.

L.M.

Better Call Saul vicina alla conclusione

Better Call Saul vicina alla conclusione

Better Call Saul vicina alla conclusione, il finale della quarta stagione di Better Call Saul ha quasi concluso la trasformazione di Jimmy McGill in Saul Goodman

Better Call Saul vicina alla conclusioneBetter Call Saul vicina alla conclusione. Queste quattro stagioni ci hanno fatto fare moltissime ipotesi su come Jimmy McGill si sarebbe trasformato nell’amorale Saul Goodman. Dopo aver visto la puntata (4×10) che conclude la quarta stagione gli sceneggiatori ci hanno quasi dato completamente la risposta.

Alla fine  di questo episodio infatti Jimmy rivela di voler usare di nuovo la sua licenza da avvocato ma non con il suo vero nome perchè ha intenzione di cambiarlo. E’ prevedibile quale possa essere. Per riottenere la licenza ha ingannando la commissione, ma quel che è ben più grave è arrivando addirittura a mentire a Kim Wexler, la donna che lo ha sempre sostenuto nel bene e nel male.

Peter Gould co-creatore assieme a Vince Gilligan ha rivelato a The Hollywood Reporter che la serie è ormai quasi alle battute finali:

la serie è conclusa e, nel bene o nel male, raccontiamo una storia con un inizio, uno sviluppo e una conclusione. Sembra davvero che siamo molto più vicini alla fine che all’inizio. Non so quante stagioni avremo ancora per certo e ovviamente ciò dipende da quanto ancora abbiamo da raccontare. Contiamo molto sui nostri fan che ci permettono di andare avanti e staremo a vedere. Prima che la quinta stagione sia finita, credo avremo una chiara idea di quanto ancora potremo proseguire. Gould ha anche ammesso che è già avvenuta una discussione in merito al futuro della serie. La AMC e la Sony hanno supportato il progetto, ma come ricordato dal co-creatore tutto dipenderà da quanta storia c’è ancora da raccontare. Stando a quanto dichiarato da Peter Gould Better Call Saul è quindi molto vicino alla sua conclusione. Si sta avvicinando al punto di arrivo e ciò è stato dimostrato anche dalle ultime parole pronunciate da Saul nel finale di stagione: It’s all good, man!

Better Call Saul vicina alla conclusioneBetter Call Saul vicina alla conclusione, probabilmente si concluderà con la quinta stagione come Breaking Bad

La battuta finale di Jimmy, “It’s All Good, Man” è il definitivo salto verso Saul Goodman, il segnale di una trasformazione che sarà oggetto della prossima quinta stagione, già confermata da AMC e Sony.

I produttori della serie hanno inoltre precisato in più di un’occasione che Better Call Saul non avrà vita più lunga della serie madre: dal momento che Breaking Bad è composto da sole cinque stagioni è quindi probabile che quello sarà il limite massimo anche per il suo prequel.

Questo finale ci fa ancora comprendere di più perchè Guillermo Del Toro preferisca Better Call Saul a Breaking Bad.

L.M.