Archivi tag: streaming

Mano mozzata di Jaime riappare in Game of Thrones 8×05

La mano mozzata di Jaime riappare in Game of Thrones 8×05

La mano mozzata di Jaime riappare in Game of Thrones 8×05, un miracolo del Signore della Luce

Mano mozzata di Jaime riappare in Game of Thrones 8×05La mano mozzata di Jaime riappare in Game of Thrones 8×05, no non si tratta di una miracolo del Signore della luce, ma di un altro errore, dopo l’ormai famosa tazza di Starbucks. L’errore ha di nuovo scatenato le reazioni dei fan, alcuni stupiti e divertiti, altri indignati di fronte all’ennesimo errore di un finale di stagione sotto le aspettative di molti. .

Nella puntata Game of Thrones 8×05 Jaime Lannister e la sorella gemella Cersei si abbracciano prima di affrontare insieme il loro tragico destino. Al personaggio interpretato dall’attore Nikolaj Coster-Waldau era stata amputata la mano nelle stagioni precedenti, ma nell’episodio Game of Thrones 8×05 questo dettaglio sembra essere stato dimenticato: la mano di Jaime sembra infatti essere ricresciuta improvvisamente.

Ecco in cosa consiste questo errore, piuttosto veniale rispetto a quello dello scorso episodio in cui è apparso un bicchiere di caffè di Starbucks

In un’immagine di The Bells la mano destra dell’attore è infatti visibile sulla schiena di Lena Headey, la stampa ha ricevuto la foto dalla HBO stessa,che però in poco tempo si è resa conto dell’errore. Nessuno nella fase di editing della foto promozionale si è ricordato sistemare la mano dell’attore Nikolaj Coster-Waldau. L’attore per interpretare Jaime Lannister infatti indossa sempre una mano finta.

Mano mozzata di Jaime riappare in Game of Thrones 8×05 erroreLa HBO ha rimediato il più velocemente possibile al suo errore, ma l’immagine aveva già fatto il giro del web condiviso sui social. L’errore non figura nel corso dell’episodio Game of Thrones 8×05, ma solo nella foto promozionale, nella puntata Jaime Lannister porta infatti regolarmente la mano dorata finta.

Game of Thrones si concluderà domenica prossima con la sesta puntata dell’ottava stagione, un episodio che i fan attendono con ansia, i più ansiosi addirittura andando a leggere spoiler e leak in rete. L’adattamento per il piccolo schermo dei romanzi scritti da George R.R. Martin nessuno pensava avrebbero potuto avere un successo simile. Il prossimo weekend potrete vedere l’ultimo episodio su Sky Atlantic HD, Sky Atlantic ed in streaming legale su Now Tv.

Luca Miglietta

Perchè ridoppiano i film su Netflix

Perchè ridoppiano i film su Netflix

Perchè ridoppiano i film su Netflix, vi siete accorti che ogni tanto il doppiaggio è diverso?

Perchè ridoppiano i film su NetflixVi siete mai chiesti perchè ridoppiano i film su Netflix? Vi capita spesso di sentire un doppiaggio diverso da quello che avevate imparato a conoscere ed apprezzare? Ora vi spieghiamo perchè questo accade sempre più di frequente sulla famosa piattaforma digitale di film in streaming. L’ultimo che è stato ridoppiato ed ha fatto storcere il naso ai fan è stato Pirati dei Caraibi – La vendetta di Salazar.

Era accaduto in passato con molte altre pellicole e questo accade per una semplice ragione economica: Netflix per risparmiare acquista i diritti sull’opera originale e non sulla versione già doppiata in italiano. Ha un costo minore ridoppiare una pellicola che pagare tutti i diritti del film. In molti casi poi, poichè i doppiatori originali sono morti o semplicemente non esercitano più, ripiegano su chi hanno a disposizione in quel momento. I risultati però alcune volte sono pessimi.

Perchè ridoppiano i film su Netflix 2Perchè ridoppiano i film su Netflix ed il futuro del doppiaggio in Italia

C’è chi ritiene addirittura che Netflix, altre piattaforme concorrenti come Amazon Prime Video e le case produttrici delle pellicole che escono in sala potrebbero in futuro possano sostituire i doppiatori di professione con l’intelligenza artificiale. Alcuni doppiatori italiani temono anche che, senza scomodare un futuro fantascientifico, l’industria del settore possa affidarsi a società la cui sede non è in Italia. Società che si avvalgono di persone che non conoscono l’italiano in tutte le sue sfumature non essendo madrelingua, abbassando sì i costi di produzione ,ma avendo anche un effetto molto negativo sulla qualità del lavoro. Ovviamente questo creerebbe anche la perdita di opportunità di lavoro per i doppiatori italiani, oppure costringerli a paghe da fame per combattere ad armi pari con la concorrenza.

Perchè ridoppiano i film su NetflixI casi di ridoppiaggi nella storia sono tanti ed in molti casi non hanno solo peggiorato la qualità della traduzione in italiano, ma anche dell’interpretazione del doppiatore. Dagli anni 2000 si è cominciato a ridoppiare pellicole senza alcun motivo apparente se non anche in questo caso probabilmente per motivi economici. Tra i film ridoppiati di cui non c’era alcun bisogno ricordo “Lo Squalo”, “Il Padrino” e “C’era Una Volta in America”. In quest’ultimo caso appare ancora più stucchevole se si pensa al fatto che Sergio Leone seguito personalmente con attenzione il cui doppiaggio in italiano.

L.M.

Beverly Hills 90210 torna in tv trent’anni dopo

Beverly Hills 90210 torna in tv trent’anni dopo

Beverly Hills 90210 torna in tv trent’anni dopo, Tori Spelling ha confermato di stare lavorando al sequel della serie culto degli anni 90

Beverly Hills 90210 torna in tv trent’anni dopoBeverly Hills 90210 torna in tv trent’anni dopo: poco prima di Natale era emersa la notizia che la CBS Tv era al lavoro su un “nuovo Beverly Hills 90210” nel quale dovrebbe essere presente la quasi totalità del cast originale. Si sapeva solo questo, ma lo scorso primo febbraio Tori Spelling, famosa per aver interpretato nella serie Donna Martin, lo ha confermato aggiungendo alcuni dettagli: “non si tratterà tecnicamente di un reboot, perché secondo me tutti hanno già visto un reboot. Non vogliamo essere gli ultimi a salire sul treno dei reboot e nessuno vuole vedere le versioni più vecchie di noi stessi; ma tutti vogliono vederci interpretare i nostri vecchi personaggi”.

Il cast sarà quasi al completo, perché mentre Luke Perry (Dylan McKay) ha confermato la sua disponibilità, nonostante i suoi impegni in Riverdale, Shannen Doherty (Brenda Walsh) non ci sarà, ha raccontato la Spelling: “ci sarebbe piaciuto coinvolgerla ma non c’è nulla di concreto al momento”. Confermati quindi Jennie Garth (Kelly Taylor), Jason Priestley (Brandon Walsh), Ian Ziering (Steve Sanders), Brian Austin Green (David Silver) e Gabrielle Carteris (Andrea Zuckerman).

Beverly Hills 90210 torna in tv trent’anni dopo 2Beverly Hills 90210 torna in tv trent’anni dopo, ecco come dovrebbe essere strutturato

Il nuovo Beverly Hills 90210 sarà infatti una sorta di mockumentary, un falso documentario come The Office o Modern Family, con episodi di un’ora nella quale gli attori protagonisti dello show saranno se stessi mentre si calano, sul set, nei panni dei personaggi. Tori Spelling accenna la possibilità che la nuova serie abbia anche un intento parodico delle performance degli attori. Secondo Deadline la serie dovrebbe essere ufficialmente acquistata a breve da un network o da una piattaforma di streaming come Netflix. Per ora si parla di Fox (su cui andava in onda la serie originale), ABC, CBS e il servizio streaming CBS All Access.

Beverly Hills 90210 torna in tv trent’anni dopo 3Beverly Hills 90210 raccontava le vicissitudini dei ragazzi del West Beverly High School ed ha lanciato un genere, il teen drama, aprendo la strada a Dawson’s Creek, che ha a sua volta ispirato The O.C., One Tree Hill, Gossip Girl e tante altre successivamente. Secondo i rumors lavoreranno al progetto Mike Chessler e Chris Alberghini, autori e produttori esecutivi di 90210 per la rete The Cw e dello show di Tori Spelling, So Notorious. Un’operazione nostalgia che a vedere le reazioni sul web può essere destinata ad avere successo, vedremo.

L.M.