Alien: Covenant

Alien: Covenant

Alien: Covenant, il ritorno degli xenomorfi

Alien Covenant Ridley Scott, Michael Fassbender, Katherine Waterston, Billy Crudup, Danny McBride, Callie Hernandez, Carmen EjogoAlien: Covenant, diretto da Ridley Scott, è il secondo episodio della trilogia di prequel di Alien (1979) iniziata nel 2012 con Prometheus.

Siamo nel il 2104, dieci anni dopo che il malvagio androide David e l’archeologa Elizabeth Shaw sono partiti verso il pianeta dei misteriosi creatori della vita sulla terra.

Alien: Covenant vede l’equipaggio dell’omonima nave stellare in viaggio verso una galassia che abbia condizioni favorevoli alla vita umana. La sua destinazione è il pianeta Origae-6 ed ospita 2000 coloni ibernati, alcuni embrioni ed infine l’equipaggio della nave.

Alien: Covenant Ridley Scott, Michael Fassbender, Katherine Waterston, Billy Crudup, Danny McBride, Demián Bichir, Carmen Ejogo 2Il sintetico Walter si trova ai comandi della enorme nave coloniale Covenant. Quando una tempesta di ioni  colpisce la nave, Walter, è costretto a svegliare l’equipaggio sette anni prima che si possa raggiungere la destinazione. Durante la riparazione dei danni causati dalla tempesta, la nave capta uno strano segnale proveniente da un pianeta distante solo qualche settimana di viaggio. Il pianeta in questione sembra avere delle condizioni perfette per la vita umana, è immerso nel verde, ricco d’acqua e sembra essere un paradiso inesplorato.

Alien: Covenant Ridley Scott, Michael Fassbender, Katherine Waterston, Billy Crudup, Danny McBride, Demián Bichir, Carmen Ejogo 4L’equipaggio decide di dirigersi su questo pianeta e su di esso fondare la nuova colonia umana, per evitare di tornare nelle capsule del sonno criogenico per i 7 anni necessari a raggiungere Origae-6.

Ma come è possibile che questo pianeta, più facile da raggiungere, non sia stato misteriosamente preso in considerazione per ospitare una nuova colonia umana?

Ridley Scott aveva promesso ai molti fan rimasti delusi da Prometheus che Alien: Covenant avrebbe avuto più sangue, Xenomorfi e un legame molto più profondo con la storica saga iniziata nel 1979.

Alien: Covenant Ridley Scott, Michael Fassbender, Katherine Waterston, Billy Crudup, Danny McBride, Demián Bichir, Carmen EjogoVi sono molti elementi che ricordano le dinamiche del primo Alien, pensate ad esempio al segnale radio o all’astronave abbandonata. C’è una protagonista femminile Daniels (la brava Katherine Waterston) che, pur con uno spessore minore, rievoca la leggendaria eroina Ellen Ripley interpretata da Sigourney Weaver. Vi sono molti altri elementi comuni, ma non possiamo farvi spoiler.

Dopo il discusso Prometheus Ridley Scott sceglie di riproporre in Alien: Covenant il mistero della creazione, in maniera però meno esasperata che nel precedente film. La pellicola infatti da questo punto di vista è una sorta di ibrido tra il misticismo di Prometheus e l’orrorifico essenzialismo di Alien.

Pensate al prologo filosofico di Alien: Covenant nel quale l’androide David e il suo creatore Peter Weyland discutono sul rapporto fra creatore e creato, una tematica cara a Prometheus.

Questo rapporto causerà in David una forte frustrazione ed un profondo risentimento nei confronti della razza umana che lo ha creato. Sentimenti che porteranno l’androide a desiderare di creare a sua volta la vita ed a compiere gesti atroci.

Gli androidi nella saga di Alien del resto hanno sempre rappresentato una costante minaccia per chi gli stava intorno, a causa della loro perenne inaffidabilità, non siamo mai stati in grado di capire se siano buoni o cattivi e David è perfetto nel mostrare questa loro intrinseca ambiguità. Un degno erede dei suoi predecessori insomma.

Alien: Covenant Ridley Scott, Michael Fassbender, Katherine Waterston, Billy Crudup, Danny McBride, Demián Bichir, Carmen Ejogo 5Alien: Covenant può contare su un ottimo cast, ma Michael Fassbender ruba la scena agli altri interpretando in maniera perfetta i due androidi David e Walter. L’attore si divide tra due personaggi apparentemente simili, ma molto diversi, sia nei pensieri che nelle azioni: Walter, un fedele servitore degli esseri umani e David, un genocida che crede di essere Dio.

I puristi forse storceranno il naso per alcuni dettagli della pellicola, come la tempistica dell’incubazione degli alieni, più veloce rispetto a quanto visto in Alien, il diverso aspetto dello Xenomorfo appena uscito dal corpo che lo ospita o il fatto che l’acido che l’alieno ha per sangue sembra meno devastante.

Alien: Covenant Ridley Scott, Michael Fassbender, Katherine Waterston, Billy Crudup, Danny McBride, Demián Bichir, Carmen Ejogo 10Un film dal forte impatto visivo, pensate alla scena dove gli esploratori della nave scoprono che sul pianeta è stato piantato del grano. A proposito di situazioni pregnanti, se avete visto il trailer di Alien: Covenant e vi state chiedendo se la scena di sesso nella doccia è efficace come sembra, la risposta è sì.

Alien: Covenant è un film carico di suspense che segna il ritorno in grande stile delle creature xenomorfe e finalmente si scopre qualcosa in più su di loro, non possiamo però anticiparvi troppo. Insomma, una ragione per andarlo a vedere subito.

Alien: Covenant Ridley Scott, Michael Fassbender, Katherine Waterston, Billy Crudup, Danny McBride, Demián Bichir, Carmen Ejogo Shower scene scena doccia nakedTitolo originale:  Alien: Covenant
Lingua originale: inglese
Paese di produzione: Stati Uniti d’America
Anno: 2017
Durata: 122 min
Dati tecnici: rapporto 2,35 : 1
Genere: azione, fantascienza, thriller, orrore
Regia: Ridley Scott
Soggetto: Jack Paglen, Michael Green
Sceneggiatura: John Logan, Dante Harper
Produttore: Ridley Scott, Mark Huffam, Michael Schaefer, David Giler, Walter Hill
Casa di produzione: Brandywine Productions, Scott Free Productions
Distribuzione (Italia): 20th Century Fox
Fotografia: Dariusz Wolski
Montaggio: Pietro Scalia
Effetti speciali: Dan Oliver
Musiche: Jed Kurzel
Scenografia: Chris Seagers
Costumi: Janty Yates
Trucco: Tess Natoli

Alien: Covenant Ridley Scott, Michael Fassbender, Katherine Waterston, Billy Crudup, Danny McBride, Demián Bichir, Carmen Ejogo 8Interpreti e personaggi:

Michael Fassbender: David / Walter
Katherine Waterston: Daniels
Billy Crudup: Christopher Oram
Danny McBride: Tennessee
Demián Bichir: Lope
Carmen Ejogo: Karima Oran
Amy Seimetz: Faris
Jussie Smollett: Ricks
Callie Hernandez: Upworth
Nathaniel Dean: Hallett
Alexander England: Ankor
Benjamin Rigby: Ledward
Tess Haubrich: Rosenthal
James Franco: Branson (non accreditato)

Trailer italiano Alien: Covenant: streaming youtube 1
Trailer in lingua originale: streaming youtube 2

Alien: Covenant Ridley Scott, Michael Fassbender, Katherine Waterston, Billy Crudup, Danny McBride, Demián Bichir, Carmen Ejogo 9Frasi e citazioni:

Questo è grano! Che probabilità ci sono di trovare colture umane così lontane dalla Terra?
Chi lo ha seminato?

Lo senti? Cosa? Il niente. Niente uccelli. Nessun animale. Niente.

Questo equipaggio è formato di coppie. E’ la prima missione di colonizzazione su larga scala. E tutti sulla Terra vi sono grati per il vostro duro lavoro e per il vostro coraggio. Stiamo facendo la storia. (Daniels)

La maestosità della creazione ora giace dinnanzi a noi. Sta a noi scoprirla. Potremo ammirare meraviglie finora inimmaginabili. (Christopher Oram)

Luca Miglietta

Alien: Covenant Ridley Scott, Michael Fassbender, Katherine Waterston, Billy Crudup, Danny McBride, Demián Bichir, Carmen Ejogo 7

Alien 5 di Neill Blomkamp non si farà mai

Alien 5 di Neill Blomkamp non si farà mai

Ridley Scott: “Alien 5 di Neill Blomkamp non si farà mai”

Alien 5 di Neill Blomkamp non si farà maiRidley Scott, il regista del primo Alien e dell’attesissimo Alien: Covenant, che uscirà delle sale tra pochi giorni, ha affermato che Alien 5 di Neill Blomkamp non si farà mai. Il regista sudafricano (District 9, Elysium) alcuni anni fa aveva annunciato un reboot della saga di Ellen Ripley, con Sigourney Weaver nuovamente protagonista.

Nel progetto di Neill Blomkamp il nuovo Alien avrebbe dovuto annullare gli eventi di Alien 3 e Alien: La clonazione in modo da concludere diversamente la storia di Ripley. Il progetto aveva subito entusiasmato James Cameron, regista di Aliens – Scontro finale e si era così pensato che il film avrebbe potuto vedere la luce. Ridley Scott però in qualità di produttore ora ha deciso di chiudere definitivamente con la possibilità di un reboot:

non penso che si farà mai. Non ci è mai arrivata una sceneggiatura, solo un’idea di una dozzina di pagine. Io ero coinvolto come produttore ma il progetto non è andato avanti perché la Fox ha abbandonato l’idea. Per quanto mi riguarda, poi, avevo fatto Prometheus e stavo lavorando su Alien: Covenant.

Scott ha anche annunciato che è già pronta una sceneggiatura per il sequel di Alien: Covenant, che sembra che debba intitolarsi Alien: Awakening. Il film entrerà in pre-produzione nel 2018.

Alien: Covenant sarà distribuito nelle sale italiane l’11 maggio e vedremo tra gli attori Michael Fassbender, James Franco, Katherine Waterston, Billy Crudup e Noomi Rapace.

Breve sinossi:

Mentre è in viaggio in direzione di un remoto pianeta sull’altro lato della galassia, l’equipaggio della nave colonia Covenant scopre che quello che ritengono essere un paradiso lontano, in realtà è un luogo oscuro e minaccioso, che nasconde una minaccia terribile. L’unico abitante del pianeta è il droide David, sopravvissuto alla spedizione Prometheus. Presto l’equipaggio dovrà iniziare una lotta disperata per resistere a terrificanti e pericolose creature aliene.

Alien 5 di Neill Blomkamp non si farà mai, che delusione per i fan!

Alien 5 di Neill Blomkamp non si farà mai

I gatti al cinema

I gatti al cinema

Vi ricordate quante volte sono comparsi i gatti al cinema? Ricordate di che film si tratta? Jonesy, G.G. o Church vi sono familiari?

I gatti al cinema Tom e Jerry William Hanna, Joseph BarberaI gatti al cinema. I gatti sono diventati nel corso degli anni i protagonisti indiscussi di internet. Si possono trovare moltissimi video, meme o semplici fotografie di questo buffo animale, che fa sorridere e suscita simpatia e tenerezza. E’ diventato un vero e proprio business sulla rete, basta fare un giro su Facebook o altri social per farsi un’idea.

Quella dei gatti non è comunque una moda nata negli ultimi anni se pensate a Il libro dei gatti tuttofare (Old Possum’s Book of Practical Cats), pubblicato nel 1939 dal poeta Thomas Stearns Eliot. Da questo libro è stato tratto Cats, il famosissimo musical composto da Andrew Lloyd Webber. I gatti hanno fatto la loro comparsa molti anni fa anche nei cartoni animati, basti pensare al cartone Tom e Jerry creato da  William Hanna e Joseph Barbera o Gatto Silvestro, il felino dei cartoni animati Looney Tunes, ossessionato dalla voglia di catturare Titti e Speedy Gonzales. Alti gatti famosi dei cartoni animati sono Gli Aristogatti (The Aristocats) e Garfield.

I gatti al cinema sono comparsi moltissime volte, fin dagli anni cinquanta, nonostante farli recitare non sia una cosa semplice, perché difficilmente si riesce ad addomesticare un gatto a differenza del cane. Vi ricordate quali sono i gatti più famosi del cinema? Qui sotto vi presentiamo tutti i felini comparsi al cinema in ordine cronologico.

I gatti al cinema Gatto Silvestro, Speedy Gonzales Sylvester (Looney Tunes)I gatti al cinema

Cagliostro, Una strega in paradiso

Cagliostro è il gatto che compare nel film Una strega in paradiso (1958), diretto da Richard Quine.

Il gatto siamese, che divide la scena con Gillian ‘Gil’ Holroyd  (Kim Novak), non è un semplice animale, ma un vero e proprio stregone. Si tratta infatti dell’incarnazione di un avo della bella strega di cui s’innamora Shepherd ‘Shep’ Henderson (James Stewart). Tra gli attori anche Jack Lemmon.

I gatti al cinema Cagliostro, Una strega in paradiso Bell, Book and Candle James Stewart, Kim Novak gatto, CatLo stregatto, Alice nel paese delle meraviglie

Si tratta del gatto che compare nel film d’animazione prodotto dalla Walt Disney Productions, Alice nel paese delle meraviglie (1951).

Il cartone è diretto da Clyde Geronimi, Hamilton Luske e Wilfred Jackson ed è basato principalmente sul libro di Lewis Carroll Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie.
Lo Stregatto compare anche nel film diretto da Tim Burton Alice in Wonderland (2010).

I gatti al cinema Stregatto Cheshire Cat Alice nel Paese delle Meraviglie (Alice in Wonderland) Clyde Geronimi, Hamilton Luske, Wilfred Jackson Lewis CarrollGatto, Colazione da Tiffany

Il felino è il confidente di Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany (1961), diretto da Blake Edwards e tratto dall’omonimo romanzo di Truman Capote.

Il gatto non ha un vero e proprio nome perché come recita la protagonista: “io penso che non ho il diritto di dargli un nome… perché in fondo noi due non ci apparteniamo, è stato un incontro casuale”.  Il gatto che abita con Holly ha un ruolo fondamentale in Colazione da Tiffany, pensate anche solo all’ultima scena in cui Holly Golightly (Audrey Hepburn) e il suo innamorato vanno alla ricerca del gatto smarrito sotto la pioggia. Tra gli attori anche George Peppard, Martin Balsam e Mickey Rooney.

I gatti al cinema Gatto, cat Colazione da Tiffany (Breakfast at Tiffany's) Blake Edwards, con Audrey Hepburn, George PeppardG.G., F.B.I.: Operazione gatto

G.G. (Darn Cat o DC nella versione originale) è il gatto di F.B.I.: Operazione gatto (That Darn Cat!),  un film Disney del 1965 diretto da Robert Stevenson.

G.G. è un furbo e smaliziato gatto siamese, che diventa fondamentale in un’operazione condotta dall’FBI, che ha lo scopo di liberare una donna. Tra gli attori Hayley Mills, Dean Jones e Dorothy Provine.

I gatti al cinema F.B.I. Operazione gatto (That Darn Cat!) Hayley Mills, Dean Jones, Dorothy ProvineTonto, Harry e Tonto

Tonto è il nome del gatto protagonista di Harry e Tonto (1974), un film di Paul Mazursky, con protagonisti Art Carney e Ellen Burstyn.

Tonto è il soriano rosso che accompagna il protagonista Harry Coombes in un lungo viaggio on the road attraverso gli Stati Uniti, dopo che l’uomo è rimasto senza casa.  Art Carney vinse l’Oscar per il miglior attore grazie all’interpretazione di Harry.

I gatti al cinema Harry e Tonto (Harry and Tonto) Paul Mazursky, Art Carney, Ellen Burstyn setJake, Il gatto venuto dallo spazio

Il gatto venuto dallo spazio (The Cat from Outer Space) è una divertente commedia del 1977 diretta da Norman Tokar e distribuito dalla Walt Disney Pictures Home Entertainment.

Il gatto venuto dallo spazio vede protagonista un soriano alieno Zunar-J-5/9 doric-4-7, che viene ribattezzato Jake dai suoi padroni adottivi sulla Terra. Tra gli attori Sandy Duncan e Hans Conried.

I gatti al cinema Il gatto venuto dallo spazio (The Cat from Outer Space) Zunar-J-59 doric-4-7 Sandy Duncan, Hans ConriedJonesy, Alien

E’ il gatto di Alien (1979), uno dei capolavori del regista Ridley Scott. Jonesy è il soriano rosso dell’ufficiale della USCSS Nostromo Ellen Ripley (Sigourney Weaver), l’eroina che combatte gli Xenomorfi nella fortunata serie di pellicole dedicate al predatore alieno.

Non vi possiamo spiegare il perché, altrimenti rovineremo la trama di un film fantastico, ma Jonesy ha un ruolo importante nella trama di Alien. Jonesy, sopravvissuto nel primo Alien, tornerà e se la caverà anche nel sequel, Aliens – Scontro finale, questa volta diretto da James Cameron, non compare invece in Alien³ – (1992) e Alien – La clonazione – (1997). Oltre a Sigourney Weaver, tra gli attori di Alien anche Ian Holm, John Hurt, Veronica Cartwright, Yaphet Kotto, Tom Skerritt.

I gatti al cinema Jonesy, Alien Sigourney Weaver, Ian Holm, John Hurt, Veronica Cartwright, Yaphet Kotto, Tom Skerritt USCSS Nostromo Ellen RipleyGenerale, L’occhio del gatto

L’occhio del gatto (1985) è un film del diretto da Lewis Teague, basato su due storie di Stephen King  (Quitters, Inc. e Il cornicione) e un soggetto originale scritto per il film. Il film vede tra i protagonisti Drew Barrymore, James Woods, Alan King, Kenneth McMillan e Robert Hays.

L’occhio del gatto è diviso in tre episodi collegati dalla presenza di un gatto, che si muove sullo sfondo nei primi due, e diventa protagonista principale nell’ultima storia. Il gatto protagonista dell’ultima storia si chiama Generale.

I gatti al cinema L'occhio del gatto (Cat's Eye) Lewis Teague Drew Barrymore, James Woods, Alan King, Kenneth McMillan e Robert Hays Generale, GeneralRufus, Re-Animator

Re-Animator (1985) diretto da Stuart Gordon, è un film horror fantascientifico tratto dal racconto del 1922 Herbert West rianimatore, dello scrittore statunitense Howard Phillips Lovecraft.

La pellicola racconta le vicende dello studente di medicina Herbert West, che inventa un siero per resuscitare i morti. I cadaveri ritornano in vita, ma non sono controllabili e diventano mostri che iniziano a uccidere. West riporta in vita con il suo fluido sperimentale fluorescente anche Rufus, il gatto nero di Dan che aveva ritrovato morto ammazzato. Tra i protagonisti Jeffrey Combs, Bruce Abbott e Barbara Crampton.

I gatti al cinema Re-Animator (1985) Stuart Gordon Howard Phillips Lovecraft Jeffrey Combs, Bruce Abbott, Barbara CramptonChurch, Cimitero vivente

Church è il gatto della piccola Ellie Creed in Cimitero vivente (1989), horror diretto da Mary Lambert e tratto dal romanzo Pet Sematary di Stephen King.

Nella pellicola Church è un gatto Certosino. Tra gli attori: Denise Crosby, Fred Gwynne e Dale Midkiff.

I gatti al cinema Church Cimitero vivente Pet Sematary, Stephen King Mary Lambert, Denise Crosby, Fred Gwynne, Dale MidkiffFiocco di Neve, Stuart Little

Fiocco di neve è gatto persiano bianco che cerca di catturare il topolino Stuart nel film Stuart Little – Un topolino in gamba (1999) di Rob Minkoff.

Sfigatto, Ti presento i Miei

Sfigatto (Mr. Jinx) è il nome del felino di casa Byrnes nel film Ti presento i Miei (2000) di Jay Roach. Nella pellicola compaiono Robert De Niro, Ben Stiller, Teri Polo, Blythe Danner e Owen Wilson.

I gatti al cinema Ti presento i miei (Meet the Parents) Jay Roach Robert De Niro, Ben Stiller, Teri Polo, Blythe Danner, Owen Wilson Sfigatto Mr. Jinx Ulisse, A proposito di Davis

Ulisse (Ulysses) è il gatto di A proposito di Davis (Inside Llewyn Davis), un film del 2013 diretto e sceneggiato da Joel ed Ethan Coen.

Ulisse è un bellissimo soriano rosso, che smuove il protagonista Llewyn Davis dalla sua inerzia esistenziale. A proposito di Davis vede tra i protagonisti: Oscar Isaac, Carey Mulligan, Justin Timberlake e John Goodman.

I gatti al cinema A proposito di Davis (Inside Llewyn Davis) Joel, Ethan Coen Oscar Isaac, Carey Mulligan, Justin Timberlake, John Goodman Ulisse UlyssesI gatti al cinema però non sono finiti qui:

Il gatto bianco di Ernst Stavro Blofeld

Il misterioso gatto bianco di Ernst Stavro Blofeld, acerrimo nemico dell’agente 007 nella serie di film dedicati a James Bond. Il suo nome però non lo conosciamo perché in nessuna delle sue apparizioni cinematografiche viene chiamato per nome. Gatto che viene parodiato in Austin Powers – Il controspione diretto da Jay Roach e con protagonista il comico canadese Mike Myers. Il felino del villain di 007 diventa il Signor Bigolo (Mr. Bigglesworth), lo Sphynx del Dottor Male.

I gatti al cinema Ernst Stavro Blofeld cat, gatto 007 James BondCatwoman

Impossibile non citare Catwoman (all’anagrafe Selena Kyle o anche Selina Kyle), un personaggio dei fumetti creato da Bob Kane e Bill Finger nel 1940 e pubblicato dalla DC Comics. Il personaggio è apparso anche nei cartoni animati, nelle serie TV ed infine al cinema. Catwoman è comparsa al cinema in Batman – Il ritorno (1992), diretto da Tim Burton, dove viene interpretata da Michelle Pfeiffer, nel 2004 è Halle Berry a vestire i panni di Catwoman, ed infine il personaggio è presente ne Il cavaliere oscuro – Il ritorno, terzo e ultimo capitolo della saga di Christopher Nolan dedicata a Batman. In quest’ultimo film è Anne Hathaway ad interpretare l’eroina con l’agilità e le movenze di un gatto.

I gatti al cinema Catwoman Halle Berry Sharon Stone sexyIn conclusione come si possono non menzionare, la signora dei gatti di Arancia Meccanica, il gatto di Don Vito Corleone nel Padrino, il felino de Il lungo addio o quello di Millennium – Uomini che odiano le donne. Si può anche citare Baby, il leopardo domestico di Katharine Hepburn in Susanna!. Non lo è ma viene trattato come se fosse un gatto, con grande meraviglia del dottor David Huxley (Cary Grant).

I gatti al cinema non sono finiti qui perchè prossimamente faremo un nuovo articolo.

Luca Miglietta

I gatti al cinema Il padrino (The Godfather) cat, gatto Marlon Brando Francis ford coppola

Die Hard – Trappola di cristallo (curiosità ed errori)

Die Hard – Trappola di cristallo (curiosità ed errori)Die Hard – Trappola di cristallo di John McTiernan con Bruce Willis, Alan Rickman, Bonnie Bedelia, Reginald Vel Johnson 00 curiosità ed errori streaming

Errori presenti in Die Hard – Trappola dicristallo:

Dopo l’uccisione del terrorista biondo, John McClane rovista nella sua borsa, intanto il morto sbatte le ciglia un paio di volte.Die Hard – Trappola di cristallo di John McTiernan con Bruce Willis, Alan Rickman, Bonnie Bedelia, Reginald Vel Johnson 5 curiosità ed errori streaming

Hans Gruber ordina ai suoi uomini di sparare sui Federali usando un razzo e questo colpisce e manda in frantumi la finestra del palazzo. Poco dopo un secondo razzo viene lanciato rompendo sempre la stessa finestra.

Nella scena in cui Willis spara all’auto della Polizia, il poliziotto neesce con una ferita alla testa. Poco dopo lo stesso poliziotto non ha nemmeno un graffio nel punto in Die Hard – Trappola di cristallo di John McTiernan con Bruce Willis, Alan Rickman, Bonnie Bedelia, Reginald Vel Johnson 111 curiosità ed errori streamingcui doveva essere stato ferito.

Quando John McClane esce dai condotti del condizionatore, la sua maglietta è cambiata di colore: da bianco a verde.   

 All’inizio del film, in una di quelle inquadrature della città, si vedono riflesse sia la telecamera che l’asta Die Hard – Trappola di cristallo di John McTiernan con Bruce Willis, Alan Rickman, Bonnie Bedelia, Reginald Vel Johnson 6 curiosità ed errori streamingcol microfono prima su di un autobus e poi su di un’automobile.

Quando John McClane si toglie un pezzo di vetro dal piede su di un lavandino, parla a Powell tenendo la radio a distanza, ma come faceva a parlare se non premeva il pulsante dell’apparecchio?

Il presidente della Nakatomi viene chiamato Takagi, ma sul computer risulta chiamarsi Akagi.Die Hard – Trappola di cristallo di John McTiernan con Bruce Willis, Alan Rickman, Bonnie Bedelia, Reginald Vel Johnson 3 curiosità ed errori streaming

Alla fine del film, quando Holly e John entrano nella limousine e si baciano, non si nota più l’orso di peluche che fino a qualche minuto prima si trovava sul sedile posteriore dell’auto.

Nella scena in cui la moglie di John McClane va a chiedere uDie Hard – Trappola di cristallo di John McTiernan con Bruce Willis, Alan Rickman, Bonnie Bedelia, Reginald Vel Johnson 33 curiosità ed errori streamingn divano per la donna incinta e la possibilità di andare in bagno, quando ritorna verso l’uscita del suo ufficio, sulla porta c’è scritto “H.M. Gennero” e non “Gennaro”.

Mentre si lava nell’ufficio del collega della moglie, John McClane ha una grossa cicatrice sulla spalla sinistra. Quando assale il primo uomo con il mitra la cicatrice è sulla spalla destra. Nella scena sul tetto, laDie Hard – Trappola di cristallo di John McTiernan con Bruce Willis, Alan Rickman, Bonnie Bedelia, Reginald Vel Johnson 04 curiosità ed errori streaming cicatrice è quasi sparita.

Alla fine del film quando a causa dell’esplosione i titoli al portatore rubati nel caveau svolazzano giù dal grattacielo si vede che si tratta di fogli bianchi da ambedue le parti.

Ad un certo punto sparano una pallottola alla spalla destra di John McClane e per tutto il resto del film il poliziotto muove il braccio senza il minimo pDie Hard – Trappola di cristallo di John McTiernan con Bruce Willis, Alan Rickman, Bonnie Bedelia, Reginald Vel Johnson 11 curiosità ed errori streamingroblema.

Il piano dei terroristi è quello di fuggire con un’ambulanza che era all’interno del furgone con il quale erano entrati nel garage del grattacielo. All’inizio del film si nota però che, quando i criminali escono dal camioncino, non può esserci spazio per un’ambulanza al suo interno.
Die Hard – Trappola di cristallo di John McTiernan con Bruce Willis, Alan Rickman, Bonnie Bedelia, Reginald Vel Johnson 72 curiosità ed errori streaming
Curisità presenti in Die Hard – Trappola di cristallo:

Bruce Willis è stata la quinta scelta considerata per il ruolo di protagoDie Hard – Trappola di cristallo di John McTiernan con Bruce Willis, Alan Rickman, Bonnie Bedelia, Reginald Vel Johnson 2 curiosità ed errori streamingnista, prima di lui erano stati presi in considerazione Arnold Schwarzenegger, Sylvester Stallone, Burt Reynolds, e Richard Gere.

Anthony Peck, che qui interpreta un giovane poliziotto, rivestirà poi il ruolo di Ricky Walsh, capitano di McClane, nel terzo capitolo della saga, Die Hard – Duri a morire.Die Hard – Trappola di cristallo di John McTiernan con Bruce Willis, Alan Rickman, Bonnie Bedelia, Reginald Vel Johnson 8 curiosità ed errori streaming

La musica della scena in cui Al Powell uccide l’ultimo terrorista alla fine del film porta la firma di James Horner, ed è un brano originariamente composto per la battaglia finale tra Sigourney Weaver e la regina madre in Aliens – Scontro finale.

Il sergente Al Powell, il poliziotto che Die Hard – Trappola di cristallo di John McTiernan con Bruce Willis, Alan Rickman, Bonnie Bedelia, Reginald Vel Johnson curiosità ed errori streamingdall’esterno aiuta McClane contro i terroristi, è interpretato dall’attore Reginald VelJohnson, che diventerà famoso qualche anno dopo per l’interpretazione di un altro poliziotto, Carl Winslow, nella sitcom Otto sotto un tetto. Lo stesso attore, in un episodio della serie Chuck, torna a interpretare un poliziotto alleDie Hard – Trappola di cristallo di John McTiernan con Bruce Willis, Alan Rickman, Bonnie Bedelia, Reginald Vel Johnson 02 curiosità ed errori streaming prese con una crisi con ostaggi. Curiosamente il nome del personaggio è nuovamente Al Powell.

Il film viene citato nell’episodio Mia madre la fuggiasca de I Simpson, in una lettera di Homer indirizzata al film stesso: «Cara Trappola di cristallo, sei mitica. Specialmente quando quello ti stava sul tetto. P.SDie Hard – Trappola di cristallo di John McTiernan con Bruce Willis, Alan Rickman, Bonnie Bedelia, Reginald Vel Johnson 14 curiosità ed errori streaming. – Conosci Mad Max

Il film viene parodiato nell’episodio Poco duri a morire della terza stagione della serie animata The Cleveland Show

Recensione trama: Die Hard – Trappola di cristalloDie Hard – Trappola di cristallo di John McTiernan con Bruce Willis, Alan Rickman, Bonnie Bedelia, Reginald Vel Johnson 22 curiosità ed errori streaming

Citazioni e dialoghi: Die Hard – Trappola di cristallo (citazioni e dialoghi)

Die Hard in 60 secondi: Die Hard in 60 secondi

Colonna sonora: N.P.
Die Hard – Trappola di cristallo di John McTiernan con Bruce Willis, Alan Rickman, Bonnie Bedelia, Reginald Vel Johnson 71 curiosità ed errori streaming

Quando gli attori sbagliano e rifiutano i ruoli importanti

Quando gli attori sbagliano e rifiutano i ruoli importantiTanti attori nel corso degli anni hanno rifiutato parti importanti non ritenute adatte alla loro bravura oppure per motivi legati al personaggio che dovevano interpretare. Sovente è poi accaduto che le bizzose star di Hollywood si siano mangiate le mani per aver clamorosamente sbagliato la loro scelta e fatto la fortuna dei colleghi. C’è chi ha commesso più errori, come nel caso di Warren Beatty o Michelle Pfeiffer e chi meno, ecco una ricca lista di attori con accanto i loro sbagli più grandi:

Al Pacino ha rifiutato il ruolo di Han Solo in Guerre Stellari, anchQuando gli attori sbagliano e rifiutano i ruoli importanti Al Pacinoe se questo non si può certo dire che gli abbia precluso la sua straordinaria carriera. 

Alec Baldwin fu scelto per interpretare il ruolo di Richard Kimball in Il Fuggitivo. Rinunciò e subentrò Harrison Ford.

Bette Davis rifiutò il ruolo di Rossella O’Hara in Via col Vento poi andato a Vivien Leigh. Bette Davis aveva detto no alla parte perché pensava che Errol Flynn avrebbe recitato nella parte di Rhett. L’attrice aveva rifiutato di lavorare con lui anche in precedenza.

Bill murray rifiutò il ruolo di Forrest Gump. Tom Hanks fu ben lQuando gli attori sbagliano e rifiutano i ruoli importanti bill murray rushmore streaming  Wes Andersonieto di accettarla.

Brad Pitt poteva interpretare Jason Bourne in The Bourne Identity ma uscì dal progetto per vestire i panni di un altro agente segreto in Spy Game. Matt Damon è poi diventato Jason Bourne.

Bruce Willis ha rifiutato il ruolo di Sam in Ghost perché pensava che la trama non avrebbe funzionato e che la parte di un fantasma avrebbe potuto mettere a repentaglio la sua carriera. Il ruolo è poi andato a Patrick Swayze.Quando gli attori sbagliano e rifiutano i ruoli importanti Cary Grant

Cary Grant ha rifiutato il ruolo di 007 perché non voleva essere legato ad una serie di film. Il ruolo è andato a Sean Connery anche se Ian Fleming aveva dichiarato: “Non è esattamente quello che avevo in mente”

Chevy Chase rifiutò la parte di Forrest Gump.

Daryl Hannah ha rifiutato il ruolo della prostituta Vivian in Pretty Woman sostenendo che era umiliante per le donne. Julia Roberts grazie a questa pellicola è diventata una star.

Denzel Washington ha rifiutato il ruolo di Curtis in Dreamgirls poi andato a Jamie Foxx, la parte principale in Io Robot e sembra pure la parte di Ray Charles in Ray.

Gillian Anderson disse rifiutò il ruolo di Bethany Sloane in Dogma. La parte andò a Linda Fiorentino.Quando gli attori sbagliano e rifiutano i ruoli importanti Gwyneth Paltrow

Gwyneth Paltrow rifiutò la parte di Rose in Titanic di James Cameron, come pure Claire Danes che aveva appena finito di lavorare con Leonardo DiCaprio in Romeo + Giulietta. Kate Winslet chiese la parte e fu accettata.

Jennifer Jason Leigh rifiutò la parte di Vivian in Pretty Woman. Julia Roberts la ringrazia ancora adesso.

John Travolta rifiutò il ruolo di Forrest Gump.

Julia Roberts rifiutò Basic Instinct, il ruolo di Mary CorleQuando gli attori sbagliano e rifiutano i ruoli importanti keanu reeves point break punto di rottura streaming Bigelowone in Il Padrino 3, la parte di Annie in Insonnia d’amore, il ruolo principale in Shakespeare in Love ed infine il ruolo di Lucy in Un amore tutto suo.

Keanu Reeves non accettò la parte in Platoon di Oliver Stone che poi andò a Charlie Sheen.

Kevin Costner ha rifiutato il ruolo di Bill in Kill BillQuando gli attori sbagliano e rifiutano i ruoli importanti DJANGO UNCHAINED con Leonardo DiCaprio, Samuel L. Jackson, Christoph Waltz, Jamie Foxx di Quentin Tarantino streaming di Quentin Tarantino. Il ruolo è poi andato a David Carradine.

Leonardo DiCaprio rifiutò di interpretare Dirk Diggler in Boogie Nights ed il ruolo principale in Matrix.

Mark Wahlberg disse no al ruolo di Linus in Ocean’s eleven, poi accettato da Matt Damon.

Mel Gibson ha rifiutato il ruolo nel Gladiatore, con Quando gli attori sbagliano e rifiutano i ruoli importanti Tequila connection streaming con Mel Gibson, Michelle Pfeiffer, Kurt Russellmolta gratitudine da parte di Russell Crowe. Mel ha inoltre rifiutato anche la parte in Robin Hood Principe dei Ladri che poi fu interpretato da Kevin Costner.

Melanie Griffith ha rifiutato il ruolo di Thelma in Thelma e Louise e fu sostituita da Geena Davis. Inizialmente per la parte di Thelma e Louise erano prima state scelte molto prima Michelle Pfeiffer, Jodie Foster, Meryl Streep e Goldie Hawn che rifiutarono tutte.

Michelle Pfeiffer rifiutò nell’ordine: la parte di Thelma in Thelma & Louise di Ridley Scott, ruolo poi assegnato a Geena Davis; la parte di CatherinQuando gli attori sbagliano e rifiutano i ruoli importanti Tutto in una notte (Into the Night) streaming con Michelle Pfeiffer e Jeff Goldblum di John Landis Recensione trama 12e Tramell in Basic Instinct di Paul Verhoeven, ruolo per il quale è poi stata scelta Sharon Stone ; la parte di Clarice Starling  ne Il silenzio degli innocenti di Jonathan Demme, sostituita da  Jodie Foster; il ruolo di Annie Reed in Insonnia d’amore di Nora Ephron, per il quale fu poi scelta Meg Ryan; la parte di Vivian Ward in Pretty Woman di Garry Marshall, che poi fu affidata a Julia Roberts; il ruolo di Jadis La Strega Bianca in Le cronache di Narnia – Il leone, la strega e l’armadio di Andrew Adamson, che poi ottenne Tilda Swinton. Quasi un record di rifiuti!

Molly Ringwald ha avuto la poca lungimiranza di rifiutare diverQuando gli attori sbagliano e rifiutano i ruoli importanti Nicole Kidmanse parti importanti, prima Vivian in Pretty Woman, poi Molly in Ghost ed infine ruolo in Scream.

Nicole Kidman era pronta per girare The Reader ma si ritirò dal cast quando rimase incinta lasciando la parte a Kate Winslet.

Richard Grieco  rifiutò il ruolo da protagonista in Speed, che ha fatto la fortuna di Keanu Reeves.

Sarah Michelle Gellar rifiutò il ruolo di Cher Horowitz in Ragazze a Beverly Hills e la parte andò ad Alicia Silverstone.Quando gli attori sbagliano e rifiutano i ruoli importanti Highlander - L'ultimo immortale streaming con Christopher Lambert, Roxanne Hart, Clancy Brown e Sean Connery 02

Sean Connery ha rifiutato il ruolo di Gandalf ne Il Signore degli Anelli dicendo di non aver mai letto niente di Tolkien. Il ruolo è andato poi a Ian McKellen.

Sigourney Weaver rifiutò la parte di Ada in Sotto Accusa, ruolo che poi andò a Kelly McGillis.

Tom Cruise rinunciò a Donnie Brasco e a Footloose.Quando gli attori sbagliano e rifiutano i ruoli importanti Jack Reacher - la prova decisiva con Tom Cruise, Rosamund Pike e Robert Duvall

Tom Hanks rifiutò la parte di Ray in L’uomo dei sogni, quella di Andy in Le ali della Libertà ed il ruolo principale in Jerry Maguire.

Warren Beatty rifiutò: la parte di Jack Horner in Boogie Nights, ruolo che andò a Burt Reynolds, il ruolo da protagonista in Misery non deve morire, accettato poi da James Caan, la parte di Gordon Gekko in Wall Street, interpretata poi da Michael Douglas e il ruolo poi andato a Robert Redford in La Stangata. Delle scelte davvero pessime.

Will Smith rifiutò il ruolo di Neo in Matrix, che ha reso una star Keanu Reeves ed il ruolo di Stu per In linea con l’assassino accettato poi da Colin Farrell.

Quando gli attori sbagliano e rifiutano i ruoli importanti star hollywoodQuando gli attori sbagliano e rifiutano i ruoli importanti

Quella casa nel bosco

Quella casa nel bosco con Richard Jenkins, Bradley Whitford, Jesse Williams, Kristen Connolly di Drew Goddard streaming recensione trama 14Richard Sitterson e Steve Hadley sono due tecnici di un sofisticato impianto segreto che si stanno preparando per eseguire una procedura sconosciuta.  Questa operazione è simile a tante altre che si stanno compiendo in tutto il mondo. Intanto cinque studenti universitari, Dana, Curt, Jules, Marty e Holden, decidono di passare il fine settimana in una casa isolata nel bosco. Partono così in camper verso la loro meta . Dopo aver fatto rifornimento in una pompa di benzina, gestita da uno strano e inquietante uomo, giungono a destinazione.Quella casa nel bosco con Richard Jenkins, Bradley Whitford, Jesse Williams, Kristen Connolly di Drew Goddard streaming recensione trama 6
Una volta arrivati sono isolati e senza mezzi di comunicazione con il mondo esterno. Poco dopo essere entrati ed essersi sistemati nella casa, mentre stanno giocando ad obbligo o verità, si apre una botola che porta in cantina. I cinque ragazzi così scendono a dare un’occhiata di sotto. Qui trovano degli strani oggetti e Dana leggQuella casa nel bosco con Richard Jenkins, Bradley Whitford, Jesse Williams, Kristen Connolly di Drew Goddard streaming recensione trama 05e una frase in latino su di un vecchio diario che risveglia una famiglia di zombie assassini.
Come se non bastasse i cinque ragazzi sono osservati attraverso delle telecamere da parte di tecnici appartenenti ad una strana organizzazione.

Quella casa nel bosco con Richard Jenkins, Bradley Whitford, Jesse Williams, Kristen Connolly di Drew Goddard streaming recensione trama 07Quella casa nel bosco, del 2012, è diretto dal regista esordiente Drew Goddard, anche sceggiatore del film con la collaborazione di Joss Whedon, famoso per essere il creatore di Buffy l’ammazzavampiri oltre che regista di The Avengers.
Il film parte in sordina e il regista gioca con gli stereotipi del classico film horror americano con protagonisti un gruppo di giovani: c’è l’immancabile la bionda svampita, il quarterback palestrato, l’intellettuale, la secchiona affascinante ed infine il simpQuella casa nel bosco con Richard Jenkins, Bradley Whitford, Jesse Williams, Kristen Connolly di Drew Goddard streaming recensione trama 10atico fattone. Ben presto però si capisce che non è una pellicola come tante altre e Quella casa nel bosco diventa surreale, ironico, bizzarro e molto originale, a volte quasi al limite dell’assurdo. Una pellicola dove si fondono in un mix vincente più generi cinematografici, in particolare l’horror, la  commedia e la fantascienza.
Si possono notare molte citazioni e riferimenti a precedenti film, parrebbe banale pensare solo a  La Casa e La Casa 2, perché ce ne sono pure a Non aprite quella porta, The Truman Show e La Quella casa nel bosco con Richard Jenkins, Bradley Whitford, Jesse Williams, Kristen Connolly di Drew Goddard streaming recensione trama 12Casa dei 1000 Corpi.
“Metterà la parola fine a tutti gli altri horror sulle case stregate”aveva detto orgoglioso Joss  Whedon presentando il suo ultimo sforzo e vedendo Quella casa nel bosco non gli si può certo dare torto. Da vedere, non ne rimarrete sicuramente delusi.

Titolo originale: The Cabin in the Woods

Lingua originale: ingleseQuella casa nel bosco con Richard Jenkins, Bradley Whitford, Jesse Williams, Kristen Connolly di Drew Goddard streaming recensione trama 11     Quella casa nel bosco con Richard Jenkins, Bradley Whitford, Jesse Williams, Kristen Connolly di Drew Goddard streaming recensione trama 15 Quella casa nel bosco con Richard Jenkins, Bradley Whitford, Jesse Williams, Kristen Connolly di Drew Goddard streaming recensione trama 8 Quella casa nel bosco con Richard Jenkins, Bradley Whitford, Jesse Williams, Kristen Connolly di Drew Goddard streaming recensione trama 4 Quella casa nel bosco con Richard Jenkins, Bradley Whitford, Jesse Williams, Kristen Connolly di Drew Goddard streaming recensione trama 04 Quella casa nel bosco con Richard Jenkins, Bradley Whitford, Jesse Williams, Kristen Connolly di Drew Goddard streaming recensione trama 01

Paese di produzione: USA

Anno: 2012

Durata: 95 min

Colore: colore

Audio: sonoro

Rapporto: 2,35:1

Genere: horror, thriller

Regia: Drew Goddard

Attori: Richard Jenkins, Bradley Whitford, Brian J. White, Kristen Connolly, Chris Hemsworth, Anna Hutchison, Fran Kranz, Jesse Williams, Amy Acker, Tim De Zarn, Jodelle Ferland, Tom Lenk, Patrick Gilmore, Tyler Onassis, Sigourney Weaver, Dan Payne, Dan Shea e Maya Massar

Sceneggiatura: Joss Whedon, Drew Goddard

Produttore: Joss Whedon

Produttore esecutivo: Jason Clark

Casa di produzione: Metro-Goldwyn-Mayer, AFX Studios, Mutant Enemy, United Artists

Distribuzione (Italia): M2 Pictures

Fotografia: Peter Deming

Montaggio: Lisa Lassek

Effetti speciali: Joel Whist

Musiche: David Julyan

Scenografia: Martin Whist

Colonna sonora: N.P.

Curisità ed errori: Quella casa nel bosco (curiosità)

Citazioni e dialoghi: N.P.

Trailer in italiano: Quella casa nel bosco ita

Trailer in lingua originale: The Cabin in the Woods eng

Luca Miglietta

Quella casa nel bosco con Richard Jenkins, Bradley Whitford, Jesse Williams, Kristen Connolly di Drew Goddard streaming recensione trama 0

Quella casa nel bosco (curiosità)

Quella casa nel bosco con Richard Jenkins, Bradley Whitford, Jesse Williams, Kristen Connolly di Drew Goddard streaming Curiosità ed errori  6Le riprese del film si sono svolte tra marzo e maggio del 2009 a Vancouver in Canada.     Quella casa nel bosco con Richard Jenkins, Bradley Whitford, Jesse Williams, Kristen Connolly di Drew Goddard streaming Curiosità ed errori 12

Il film è diretto e co-sceneggiato da Drew Goddard, già sceneggiatore di Lost, Alias e Cloverfield.

Quella Casa nel Bosco stava per diventare un gioco, ma poi MGM è Quella casa nel bosco con Richard Jenkins, Bradley Whitford, Jesse Williams, Kristen Connolly di Drew Goddard streaming Curiosità ed errori 10andata in bancarotta, quindi il ritardo l’ha annullato.

Drew Goddard e Joss Whedon si sono conosciuti sul set di Buffy l’ammazzavampiri, dove Quella casa nel bosco con Richard Jenkins, Bradley Whitford, Jesse Williams, Kristen Connolly di Drew Goddard streaming Curiosità ed errori 04  Quella casa nel bosco con Richard Jenkins, Bradley Whitford, Jesse Williams, Kristen Connolly di Drew Goddard streaming Curiosità ed errori 07 Quella casa nel bosco con Richard Jenkins, Bradley Whitford, Jesse Williams, Kristen Connolly di Drew Goddard streaming Curiosità ed errori 01 Goddard era stato assunto come sceneggiatore.

Il film doveva inizialmente uscire nella sale italiane il 20 aprile, ma l’uscita fu poi rimandata al primo maggio. L’uscita è stata nuovamente posticipata al 18 maggio a causa dell’uscita di due blockbuster come The Avengers e The Hunger Games,.

Whedon e Goddard hanno dichiarato che il film vuole rendere omaggio al genere horror e in particolare ad alcuni classici come La casa di Sam Raimi e Suspiria di Dario Argento.

Chris Hemswoth e Joss Whedon hanno lavorato insieme anche in The Avengers: l’attore nel film diretto da Whedon interpreta il personaggio di Thor.

Subito dopo una proiezione speciale del film Quella casa nel bosco, dedicata ai fans, al regista Drew Goddard è stata fatta la seguente domanda: “Ci sarà un sequel?”. A questa domanda, Goddard ha risposto con un’altra: “Ma l’hai visto il finale del film?”

Vi è un piccolo cameo di Sigourney Weaver

Recensione trama: Quella casa nel bosco

Citazioni e dialoghi: N.P.

Colonna sonora: N.P.

Quella casa nel bosco con Richard Jenkins, Bradley Whitford, Jesse Williams, Kristen Connolly di Drew Goddard streaming Curiosità ed errori 05

Avatar

Avatar

Nel 2154, Jake Avatar streaming Sam Worthington, Sigourney Weaver, Michelle Rodriguez James Cameron recensione tramaSully  un ex marine costretto a vivere sulla sedia a rotelle,  viene mandato sul pianeta Pandora, in una missione di esplorazione in sostituzione del fratello morto. Pandora si trova a 44 anni luce dalla Terra è un mondo primordiale, ricoperto da foreste pluviali, l’atmosfera sul luogo è irrespirabile, così sono stati creati degli avatar, pilotati da esseri umani e identici alla popolazione dei Na’vi, gli umanoidi che vivono su Pandora. La missione è finanziata dalla RDA, una compagnia interplanetaria terrestre, che vuole sfruttare i giacimenti minerari di Pandora, gli indigeni però si ribellano alla colonizzazione. Jake, con il suo avatar  dovrà cercare conoscerli e scoprire come farsi accettare da loro per poi negoziare con loro i termini di accordo con i terrestri. Jake però impara a conoscere e ad amare gli indigeni….  Avatar Sam Worthington, Sigourney Weaver, Michelle Rodriguez James Cameron streaming recensione trama

Strepitoso l’impianto scenico e visivo grazie anche all’uso del 3D,  il contenuto invece è troppo banale e prevedibile. La storia manca di mordente e mancano vere emozioni.
Da vedere solo in 3D, altrimenti non ne vale la pena.  Avatar streaming 3d di James Cameron con Sam Worthington, Sigourney Weaver, Michelle Rodriguez citazioni, dialoghi e frasi

Titolo originale: Avatar

Paese: USA

Anno: 2009

Durata: 166 Min

Genere: Azione, Fantascienza, Thriller, Avventura

Regia: James Cameron

Sceneggiatura: James Cameron

Attori: Sam Worthington, Sigourney Weaver, Giovanni Ribisi, Michelle Rodriguez, Zoe Saldana, Joel David Moore, Laz Alonzo, Wes Studi, Stephen Lang, Peter Mensah, CCH Pounder, Dileep Rao, Matt Gerald, Scott Lawrence, Jacob Tomuri

Fotografia: Mauro Fiore

Montaggio: John Refoua, Stephen E. Rivkin

Musiche: James Horner

Produzione: Twentieth Century-Fox Film Corporation, Lightstorm Entertainment, Giant Studios Inc.

Distribuzione: 20th Century Fox

Formato: Colore 1.85 : 1

Curiosità su Avatar:

Avatar è un progetto cinematografico ideato da James Cameron nel 1995.

Gli attori hanno recitato all’interno di uno spazio chiamato volume, usato anche per filmare dal vivo il movimento dei cavalli al galoppo.

Avatar è il primo film ad utilizzare il nuovo logo della 20th Century Fox animato da Blue Sky Studios, i creatori de L’era glaciale.

La maggior parte delle scene in live action di Avatar sono state girate a Wellington, in Nuova Zelanda.

In Avatar gli attori hanno usato una specie di casco a cui era collegata una piccola telecamera per catturare il movimento degli occhi e le espressioni del viso.

La Ubisoft ha realizzato un videogioco tratto da Avatar il cui titolo è “James Cameron’s Avatar – Il gioco”, accolto freddamente da critica e consumatori.

Nel novembre 2010 Leo Ortolani, l’ideatore di Ratman, ha realizzato la parodia di Avatar nel fumetto Avarat.

È anche uscito un libro, intitolato “L’universo di Avatar. Genesi del capolavoro di James Cameron”, pubblicato in Italia il 25 novembre 2009 dall’editore Il Castoro. Il volume, scritto da Lisa Fitzpatrick e corredato da numerosi disegni e bozze, tratta principalmente del lavoro artistico che ha preceduto la realizzazione del film.

La colonna sonora di Avatar è stata affidata a James Horner, che aveva già composto la musica di due film di Cameron, Aliens e Titanic. L’album Avatar: Music from the Motion Picture è stato pubblicato il 15 dicembre 2009 con l’etichetta Atlantic Records, e contiene 14 tracce composte da James Horner, inclusa I See You (Theme from Avatar) cantata da Leona Lewis.

James Cameron e tutta la sua troupe non hanno badato a spese quando hanno deciso di dare vita ad Avatar. Avatar è costato infatti ben 237 milioni di dollari escludendo la campagna promozionale, che è costata ben 150 milioni di dollari.

Avatar è riuscito ad ottenere un incasso di ben 3 miliardi di dollari.

Sono stati necessari ben 14 anni di preparazione prima di poter iniziare le riprese di Avatar.

Con Avatar James Cameron è riuscito ad aggiudicarsi la vittoria del Golden Globe come miglior regista e come miglior film drammatico. Avatar è riuscito ad aggiudicarsi anche la vittoria di tre premi Oscar minori, come migliore fotografia, come migliore scenografia e come migliori effetti speciali.

Errori presenti in Avatar (può contenere spoiler):

Nella scena di Avatar in cui Jake Sully è nella sala comando della base umana e Parker sta spiegando che i Na’vi sono scimmie blu, in due diversi stacchi Jake tiene prima le braccia distese appoggiate al tavolo degli ologrammi, poi conserte e poi di nuovo distese.

Durante la battaglia finale Trudy e Quaritch si bucano reciprocamente gli abitacoli, da quei buchi dovrebbe entrare l’aria di pandora che è nociva per gli umani, ma ne a Trudy ne al colonnello succede qualcosa.

Nella scena di Avatar in cui Parker vuole cacciare i Na’vi dal loro villaggio per poter estrarre il minerale dice “ucciderli non è bello, ma c’è una cosa che gli azionisti odiano di più di una cattiva pubblicità, ed è un cattivo estratto conto trimestrale”. Però il termine estratto conto si applica ai conti correnti, non ai bilanci delle aziende, per le quali è più corretto utilizzare il termine trimestrale di cassa. Si tratta di un errore nella traduzione italiana, non prendiamo in considerazione la versione originale.

Alla fine dei Avatar, quando gli umani vengono fatti risalire sulle loro navette per abbandonare il pianeta, ci son gli avatar di Grace e dell’altro scienziato ma sono morti entrambi.

Nella scena in cui Jake con le sembianze dell’avatar cade dal cavallo alieno in una pozza di fango si sporca tutto, ma poco dopo, senza essersi pulito, ha la faccia solo lievemente sporca.

Jake viene inquadrato in una delle capsule ed ha la barba che sta ricrescendo dopo averla tagliata, poco dopo è completamente sbarbato di nuovo.

Nella scena di Avatar in cui la dottoressa Augustine parla con Parker, sposta la tazza col piede per fargli sbagliare il tiro al golf, dice “ops!” e incrocia le braccia dietro la schiena. Nella battuta successiva la dottoressa dice “mi serve un ricercatore, non mi serve un marine ignorante”, in questa scena ha ancora le braccia incrociate dietro la schiena. Nel Cambio di inquadratura successivo, quando viene inquadrata di spalle, le sue braccia sono lungo il corpo.

Nella scena di Avatar in cui Jake parla con Neytiri dopo che lei lo ha colpito e lui è sdraiato al suolo, lei gli dice: “Tu sei come un bambino, parli poco e non combini nulla!” e lui le risponde: “Calma, sss…”, guardate il bastone: prima è alla sinistra di Jake un po’ lontano dal suo corpo, al cambio scena quando si alza in piedi è sotto il suo braccio.

Nella scena di Avatar in cui Jake inginocchiato inizia a parlare con l’albero delle anime per chiedere ad Eywa di intervenire nella battaglia con gli umani, ha una specie di treccia che gli scende sulla schiena, al cambio di inquadratura da posteriore a frontale, la treccia è sul suo petto sopra la spalla.

Nella parte finale di Avatar il colonnello Quaritch trova il laboratorio mobile vicino all’albero casa, arriva Neytiri alle sue spalle cavalcando un enorme animale e lui la vede arrivare nello specchietto retrovisore. Potete notare che lui si muove a velocità normale e lei nello specchio al rallentatore.

Citazioni e frasi tratte da Avatar:

Mentre ero sul letto di un ospedale militare, con un bel buco sparato nel centro della mia vita, ho cominciato a sognare di volare. Ero libero. Ma prima o poi… ti devi svegliare. (Jake Sully)

Davanti a noi c’era Pandora. Uno cresce sentendone parlare, ma non avevo mai immaginato che ci sarei andato. (Jake Sully)

Una vita finisce e un’altra comincia. (Jake Sully)

Non si può essere un ex marine. Posso esserne fuori. Ma la grinta non la perdi più. (Jake Sully)

Mi ero detto che potevo superare tutte le prove che un uomo può superare. (Jake Sully)

Non siete più in Kansas, siete su Pandora, signore e signori. Non dimenticatelo, ogni secondo di ogni giorno. (Colonnello Miles Quaritch)

Come capo della sicurezza, è mio compito farvi restare vivi. Ma non ci riuscirò. Non con tutti voi. Se vorrete restare vivi, dovrete mantenere un autocontrollo di ferro. Dovrete sottostare a determinate regole; le regole di Pandora. (Colonnello Miles Quaritch)

Ecco perché siamo qui: per l’unobtanium. Perché questa piccola pietra grigia si vende a 20 milioni al chilo. (Parker Selfridge)

Siamo sull’orlo della guerra e tu dovresti trovare una soluzione diplomatica. (Parker Selfridge alla dottoressa Grace Augustine)

Rilassati e cerca di svuotare la mente. Non è difficile per te. (Dottoressa Grace Augustine a Jake Sully)

È fantastico! (Jake Sully nel suo corpo da Avatar)

Il più forte mangia il più debole, e nessuno muove un dito. (Jake Sully)

L’assenza di gravità ti fa ammosciare. E se sei moscio, Pandora ti caca via morto senza darti nessun preavviso. (Colonnello Miles Quaritch)

Uccidere degli indigeni non è affatto bello. Ma c’è una cosa che gli azionisti detestano più della cattiva pubblicità… ed è un pessimo estratto conto trimestrale. (Parker Selfridge)

Non fare nulla di straordinariamente stupido. (Dottoressa Grace Augustine a Jake Sully)

Dovreste vedere le vostre facce. (Trudy Chacòn mentre attraversano in volo le montagne fluttuanti di Pandora)

Con Neytiri o impari in fretta o muori. (Jake Sully)

Lei parla di una rete di energia che scorre in tutte le creature viventi. Dice che tutta l’energia è solo in prestito, e che un giorno bisogna restituirla. (Jake Sully riferendosi a Neytiri)

Adesso mi sembra questa la realtà, e il mondo reale la fantasia. (Jake Sully)

Non è che ti sei perso nel bosco? (Colonnello Miles Quaritch a Jake Sully)

Ero un guerriero che aveva sognato di poter portare la pace. Ma prima o poi… ti devi svegliare. (Jake Sully)

Reietto, traditore, alieno. Ero tornato nella condizione di non essere visto. Io avevo bisogno del loro aiuto… e loro del mio, ma per poterli guardare di nuovo negli occhi, dovevo dare una prova tangibile della mia fedeltà. A volte tutta la vita si riduce ad un unico, folle gesto. (Jake Sully)

Quando qualcuno è seduto su una cosa che vuoi, lo rendi tuo nemico, così poi sei giustificato a prendertela! (Jake Sully)

Se Grace è con te, guarda nei suoi ricordi, vedi il mondo da cui proveniamo; non esiste verde lì. Hanno ucciso la loro Madre e faranno la stessa cosa qui. (Jake Sully)

La gente del cielo ci ha mandato il messaggio che loro possono prendersi quello che vogliono e nessuno può fermarli. Ma noi manderemo loro il nostro messaggio: cavalcate veloci, quanto vi può portare il vento, e dite agli altri clan di venire. Dite loro che Toruk Macto li chiama a raccolta! E ora volerete, con me! Miei fratelli! E sorelle! E noi faremo vedere alla gente del cielo che loro non possono prendersi quello che vogliono! E che questa, questa terra è nostra! (discorso di Jake Sully al clan degli Omaticaya)

E io che mi aspettavo qualche piano tattico che non comprendesse il martirio. Andiamo contro dei bombardieri con gli archi e le frecce. (Trudy Chacón)

Hey Sully! Come ci si sente a tradire la propria specie?! (…) Credi di essere uno di loro?! Svegliati, bellezza! (Colonnello Miles Quaritch)

Io ti vedo. (Neytiri e Jake Sully)

Io ti vedo, Fratello e ti ringrazio.
Il tuo spirito va con Eywa.
Il tuo corpo rimane qui, per diventare parte del Popolo. (Jake Sully quando uccide il suo primo animale)

Dialoghi tratti da Avatar:

  • Augustine: Quanto laboratorio hai fatto?
  • Jake: Una volta ho sezionato una rana.
  • Augustine: Ecco, vedi? Ecco, ci pisciano addosso senza neanche farci la cortesia di chiamarla pioggia!
  • Augustine: Allora, quante ore di link hai accumulato?
  • Norm Spellman: Emh… Più o meno cinquecentoventi.
  • Augustine: Molto bene! E tu, quante ne hai accumulate?
  • Jake: Nessuna. Però ho letto il manuale!
  • Augustine: Dimmi che è uno scherzo.
  • Augustine: Quindi hai pensato di venire quassù – nell’ambiente più ostile all’uomo, senza nessuna preparazione – e capire come andare? Ma che ti ha detto il cervello?
  • Jake Sully: Forse ero stufo dei dottori che mi dicevano cosa non potevo fare.
  • Augustine: Ci minaccia per difendere il suo territorio. Non scappare, altrimenti carica.
  • Jake: E allora che faccio? Ci ballo?
  • Jake: Volevo ringraziarti per aver ucciso quegli affari.
  • Neytiri: Non ringraziare. Non ringraziare per questo. Questo è triste. Uccidere è triste.
  • Jake: E va bene. Se ami i tuoi piccoli amici della foresta, perché non mi hai fatto ammazzare? Cosa hai pensato?
  • Neytiri: Perché salvare te?
  • Jake: Sì, perché salvarmi.
  • Neytiri: …Tu hai un cuore forte… Sei senza paura… Ma sei stupido! Ignorante come un bambino.
  • Jake: Devi aiutarmi.
  • Neytiri: Non dovresti essere qui.
  • Jake: Ok. Portami con te.
  • Neytiri: No, torna a casa.
  • Jake: No.
  • Neytiri: Torna a casa.
  • Augustine: Jake, svegliati. Coraggio, svegliati. Jake, l’avatar è salvo?
  • Jake: Sì, dottoressa; e non può immaginare dove sono finito.
  • Trudy: Siamo in VFR da qui in avanti.
  • Norm: Che significa?
  • Trudy: Significa che devi vedere dove vai.
  • Norm: Ma non si vede niente!
  • Trudy: Eh, appunto! Bella fregatura, non ti pare?
  • Neytiri: Tu sei Omaticaya adesso. Potrai costruire il tuo arco con il legno di albero casa e potrai scegliere una donna. Abbiamo molte belle donne. Ninath è una cantante magnifica.
  • Jake: Ma io non voglio Ninath.
  • Neytiri: Perhan è una brava cacciatrice.
  • Jake: Sì, è una brava cacciatrice. (guardando Neytiri) Io ho già scelto… ma quella donna deve scegliere me.
  • Neytiri (sorride): Ti ha già scelto. (si baciano)
  • Jake: È finita Quaritch!
  • Quaritch: Non è finito niente finché respiro.
  • Jake: Speravo che lo dicessi.

Trailer: Avatar

Luca Miglietta

Avatar streaming 3d di James Cameron con Sam Worthington, Sigourney Weaver, Michelle Rodriguez  curiosità, errori e bloopers