Archivi tag: showrunner

Petizione per rifare l’ottava stagione di Game of Thrones

Petizione per rifare l’ottava stagione di Game of Thrones

Petizione per rifare l’ottava stagione di Game of Thrones, una campagna online contro gli showrunner della serie, che chiede a Hbo di rifare tutto per dare un finale degno alla saga

Petizione per rifare l'ottava stagione di Game of ThronesOnline è stata aperta una petizione su Change.org per rifare l’ottava stagione di Game of Thrones, dopo la messa in onda dell’episodio Game of Thrones 8×05, intitolato “The Bells” uno dei più seguiti di sempre. Non è un mistero che la stagione finale di Game of Thrones non piaccia alla stragrande maggioranza dei fan

David Benioff and D.B. Weiss have proven themselves to be woefully incompetent writers when they have no source material (i.e. the books) to fall back on. This series deserves a final season that makes sense. Subvert my expectations and make it happen, HBO!, dice la petizione appasa sul famoso sito di petizioni online. Tradotto per chi non conoscesse l’inglese: “David Benioff e DB Weiss hanno dato prova di essere incompetenti- si legge nella petizione- questa serie ha una stagione finale totalmente senza senso. Questa serie ha bisogno di un finale che abbia senso. Sovvertite le mie aspettative e fate in modo che accada, HBO!

Petizione per rifare l'ottava stagione di Game of Thrones 8Nonostante i numeri record di chi ha visto l’ottava stagione di Game of Thrones, il forte malcontento dei fan si percepiva del resto già da settimane sui social. Leggendo su Facebook – e come dargli torto – vediamo che c’è chi è deluso dal fatto che nella stagione i personaggi appaiono in balia degli eventi, poco caratterizzati e con davanti un futuro che sembra già scritto. Una sceneggiatura nemmeno lontanamente paragonabile a quello delle altre stagioni di Game of Thrones. I fan son sempre più convinti che i due showrunner della serie si siano rivelati mediocri una volta superato il materiale narrativo messo a disposizione da George RR Martin. Finiti i libri da cui attingere sono apparsi degli sceneggiatori poco coerenti e privi di grandi capacità di scrittura.

La petizione è stata creata online dopo la messa in onda della puntata Game of Thrones 8×05, ma il malcontento è presente fin dall’uscita della prima puntata dell’ottava stagione

Al malcontento dei fan si è aggiunto quello di alcuni attori, come ad esempio Conleth Hill, l’attore che interpreta Varys, che si è detto amareggiato, in particolare per il modo in cui è stato trattato nelle ultime due stagioni il suo personaggio.

Petizione per rifare l'ottava stagione di Game of Thrones 1La petizione per rifare l’ottava stagione di Game of Thrones sta arrivando rapidamente quasi al milione di sottoscrizioni, siamo già a 750000 in poche ore. Stiamo parlando di una semplice protesta dei fan tramite la petizione, perchè sappiamo tutti che HBO non farà mai un remake. Vedremo come sarà la puntata finale di domenica prossima negli USA, in Italia invece si potrà seguire alle prime ore del mattino di lunedì su Sky Atlantic HD ed in streaming su Now Tv.

Vedremo che numeri raggiungerà la petizione su Change.org, un obbiettivo l’ha già raggiunto: tutti i media ne stanno parlando in tutto il mondo.

Luca Miglietta

 

Scena di sesso dell’ottava stagione di Game of Thrones fa infuriare i fan

Scena di sesso dell’ottava stagione di Game of Thrones fa infuriare i fan

Scena di sesso dell’ottava stagione di Game of Thrones fa infuriare i fan, una polemica che se non esistesse la rete non sarebbe mai nata. L’articolo contiene spoiler.

Scena di sesso dell’ottava stagione di Game of Thrones fa infuriare i fanScena di sesso dell’ottava stagione di Game of Thrones fa infuriare i fan, nonostante questo tipo di scene nella serie siano piuttosto usuali. Nella scorsa puntata di Game of Thrones, la numero 8×02, intitolata A Knight of the Seven Kingdoms, una scena di sesso ha fatto piuttosto discutere. La scena in questione vede la giovane Arya Stark nuda per la prima volta sul piccolo schermo. Arya Stark decide di fare sesso con il giovane fabbro, Gendry (Joe Dempsie), figlio bastardo di Robert Baratheon, poche ora prima della battaglia decisiva contro il Re della Notte non sapendo se sopravvivrà allo scontro. Si tratta della prima volta perchè è vergine.

Questa scena di sesso pur essendo molto casta ha sconvolto alcuni fan che sono rimasti perplessi nel vedere questo personaggio in una situazione così inaspettata. I due personaggi prima si avvicinano con sussurri nella penombra, poi si baciano, infine si spogliano a vicenda e si notano le cicatrici sui fianchi e la schiena della ragazza, oltre a vedersi il profilo del seno. L’attrice stessa quando aveva letto lo script aveva pensato si trattasse di uno di quei falsi copioni che gli autori facevano circolare per evitare la diffusione di spoiler:

avevano scritto delle sceneggiature che includevano scene fasulle in passato, quindi quando ho letto quella pagina li ho chiamati vantandomi di non essere caduta nella loro trappola. Loro mi hanno risposto: ‘No, quest’anno non abbiamo inventato scene finte’. Ho pensato: ‘Cazzo!. Ho mantenuto il riserbo su questo dettaglio perché non penso sia importante che Arya si mostri senza veli.

Scena di sesso dell’ottava stagione di Game of Thrones fa infuriare i fan 1Maisie Williams, l’attrice che interpreta Arya Stark, ha poi dichiarato di essere comunque soddisfatta della scelta degli showrunner: “è stato davvero interessante perché è una relazione molto umana per Arya. È qualcosa da cui è rimasta sempre lontana, un’emozione con cui non l’abbiamo mai vista fare i conti.”

Scena di sesso dell’ottava stagione del trono di spade ha alzato un polverone sui social tra i fan

C’è chi ha parlato addirittura di “serie rovinata per sempre” dopo aver “visto Arya Stark denudarsi”, e chi non ha apprezzato vedere improvvisamente e inaspettatamente nuda  un’attrice che non si sarebbero mai aspettati. Poco prima della messa in onda dell’episodio, HBO aveva comunicato sui social la maggiore età raggiunta dall’attrice. Una notizia che poteva effettivamente pensare ad una scena erotica.

Scena di sesso dell’ottava stagione di Game of Thrones fa infuriare i fan 2Come scrivono su Facebook anche nei libri di George R. R. Martin da cui la serie è tratta Cersei, Daenerys, Ellaria Sand e le sue figlie, Ygritte, Yara Greyjoy e la maggior parte dei personaggi femminili della serie non fanno quasi mai sesso pudico, hanno amanti ambosessi e subiscono violenze. Non si capisce quindi perché la prima volta di Arya Stark dovrebbe disturbarci?

E’ la scena di nudità che ha scatenato più polemiche dopo quella riguardante Emilia Clarke che portò perfino Sky a litigare con Pornhub, che aveva postato un video della protagonista del Trono di spade tra i suoi video porno, tra un Rocco Siffredi. una Mia Khalifa e una Sasha Grey.

Luca Miglietta

Carol doveva morire nella terza stagione di The Walking Dead

Carol doveva morire nella terza stagione di The Walking Dead

Carol doveva morire, poi fortunatamente gli autori hanno cambiato idea

Carol doveva morire nella terza stagione di The Walking DeadCarol doveva morire, ma Melissa McBride si è battuta per la sopravvivenza del suo personaggio

Chi segue The Walking Dead sa benissimo che nessun personaggio è davvero al sicuro perché potrebbe morire da un momento all’altro. I pericoli sono molti dagli zombi agli altri esseri umani, che spesso si rivelano essere peggiori dei mostri. Siamo giunti all’ottava stagione e Carol (Melissa McBride) dove considerarsi fortunata per essere stata risparmiata dagli sceneggiatori ed essere ancora viva.
Carol doveva morire nella terza stagione di The Walking Dead
Secondo gli script originali infatti Carol Peletier sarebbe dovuta morire durante la terza stagione, nell’episodio Dentro e fuori (Killer Within), ma al suo posto morì lo sfortunato T-Dog (IronE Singleton), sbranato dai vaganti.
Carol doveva morire nella terza stagione di The Walking Dead
Questa tesi è stata confermata dal regista e produttore degli effetti speciali della serie Greg Nicotero:

nel quarto episodio della terza stagione T-Dog viene morso e si sacrifica per salvare i suoi compagni. Al suo posto inizialmente doveva esserci Carol.
Carol doveva morire nella terza stagione di The Walking Dead
Sicuramente Carol Peletier è uno dei personaggi più riusciti della serie tv di AMC The Walking Dead, quella che ha subito un’evoluzione più marcata durante queste otto stagioni: da moglie sottomessa e silenziosa è diventata coraggiosa, freddo e calcolatrice.

Carol doveva morire nella terza stagione di The Walking DeadGli sceneggiatori pensavano di eliminare il personaggio di Carol Peletier perché non avevano bene in mente come far evolvere il personaggio di Carol e perché negli stessi fumetti da cui è tratta la serie la donna muore presto. Non si sarebbe suicidata come nel comics però sarebbe comunque morta.
Carol doveva morire nella terza stagione di The Walking Dead
Melissa McBride, a proposito della possibile morte del suo personaggio, qualche hanno fa ha raccontato.

mi andava bene, ma comunque ero triste, poi sono andata a parlare con gli autori. Volevo che loro sapessero cosa pensavo di lei. Mi sentivo sempre così tranquilla. Ero felice di parlare di lei, mi ha reso felice. Stavo dando voce alla mia amica Carol, volevo che fosse ascoltata prima di andarsene.
Carol doveva morire nella terza stagione di The Walking Dead
Non sappiamo cosa Melissa McBride abbia detto durante il suo colloquio con gli autori, ma è riuscita a fargli cambiare idea e salvare Carol, un personaggio troppo importante per The Walking Dead. Sicuramente una scelta che ha dato ragione agli showrunner perché risulta difficile pensare alla serie senza di lei. Episodio che comunque fa riflettere sul fatto che basti un niente per modificare radicalmente la trama di uno show televisivo.

Luca Miglietta

Carol doveva morire nella terza stagione di The Walking Dead

Una petizione chiede il licenziamento dello showrunner di The Walking Dead

Una petizione chiede il licenziamento dello showrunner di The Walking Dead

Una petizione chiede il licenziamento dello showrunner di The Walking Dead dopo il midseason finale

Una petizione chiede il licenziamento dello showrunner di The Walking Dead

Una petizione chiede il licenziamento dello showrunner di The Walking Dead, e nonostante l’enorme colpo di scena, l’episodio di metà stagione è stato il meno visto dal lontano 2011

Se non avete ancora visto la puntata in questione (mid-season finale ottava stagione) è il momento di fermarsi e smettere di leggere questo articolo, altrimenti andreste incontro a numerosi spoiler che rovinerebbero un colpo di scena.

Durante l’ultimo episodio trasmesso dalla AMC domenica scorsa c’è stato un grosso colpo di scena che ha fatto tremare i numerosi fan di The Walking Dead per via delle prospettive future. In questo episodio infatti Carl Grimes (Chandler Riggs), il figlio di Rick Grimes (Andrew Lincoln) è stato morso da uno zombie.

Durante tutto l’episodio, Carl si scaglia contro il padre e la sua decisione di uccidere Negan (Jeffrey Dean Morgan), dicendo che ci sono altri modi per convivere senza dover per forza commettere un omicidio.

Alla fine dell’episodio, Carl alza la maglietta e mostra al padre un morso di zombie: il ragazzo è condannato a morte. La decisione di uccidere questo popolare personaggio, presente dal primissimo episodio del TV show, ha mandato su tutte le furie i fan, che hanno fatto partire una petizione contro lo showrunner Scott M. Gimple.

Questa petizione ha già raggiunto quasi 35.000 firme. I fan considerano Scott M. Gimple colpevole di aver preso una decisione troppo controversa.

Nei mesi passati però si era parlato del desiderio del giovane Riggs di andare al college e  quindi l’ipotesi della morte del personaggio si stava facendo sempre più plausibile, ma l’attore ha dichiarato che non è stato quello il motivo della scelta di Gimple.

Lo showrunner ha infatti affermato che questo sarebbe stato il modo in cui Carl avrebbe potuto dare ancora di più alla storia e, soprattutto, al personaggio di Rick. Il padre dopo la sua morte nei nuovi episodi sarà profondamente cambiato.

Nonostante questo enorme colpo di scena, questo mid-season finale è stato il meno visto da quello della seconda stagione nel lontano 2011. L’ottava stagione tornerà su AMC il 25 febbraio 2018.

L.M.

Il cast e la troupe di The Walking Dead parlano di Steven Yeun

Il cast e la troupe di The Walking Dead parlano di Steven Yeun

Il cast e la troupe di The Walking Dead parlano di Steven Yeun e di Glenn Rhee il suo personaggio

Il cast e la troupe di The Walking Dead parlano di Steven Yeun The Walking Dead Andrew Lincoln, Jon Bernthal, Sarah Wayne Callies, Laurie Holden, Norman Reedus streamingIl cast e la troupe di The Walking Dead parlano di Steven Yeun, intervistati dalla rivista americana Entertainment Weekly

Il cast e la troupe di The Walking Dead parlano di Steven Yeun. Glenn la settimana scorsa è stato brutalmente ucciso nel primo episodio della settima stagione da Negan, il cattivo di turno e così Steven Yeun, l’attore che lo interpretava è uscito dallo show. I suoi colleghi Lauren Cohan, Andrew Lincoln, Norman Reedus, il creatore della serie Robert Kirkman, e il produttore esecutivo/regista Greg Nicotero hanno parlato del periodo trascorso sul set con Steven Yeun. Sono stati infatti riuniti per l’occasione da Entertainment Weekly e hanno condiviso qualche ricordo di Steven Yeun e Glenn Rhee sul set di The walking dead.

Il regista e produttore esecutivo Greg Nicotero ha raccontato:

Ogni volta che sono in qualsiasi punto della strada e la gente dice: chi è il tuo personaggio preferito? Io dico sempre Glenn. C’è qualcosa di così facilmente riconoscibile in lui, e Steven è perfetto. Senti sempre che potrebbe fare di meglio e vuole sempre migliorare se stesso come attore e come performer. Non vedevo l’ora di girare le scene con lui, perché ci metteva tanta energia per fare il suo personaggio. C’è stato un momento nella stagione 3 in cui stavamo girando una scena in cui non eravamo davvero sicuri al 100 % che il dialogo fosse abbastanza buono, e abbiamo chiamato la showrunner che ci ha messo un freno. Così Steven e io abbiamo riscritto la scena ed è stata una delle migliori dell’episodio.

Il creatore di The Walking Dead Robert Kirkman si è così espresso:

Una cosa che mi mancherà di Steven è che è stato divertente prenderlo in giro. E’ sempre stato molto divertente, molto edificante, un membro ottimista del cast che ha sempre mantenuto un clima vivace e solare sul set. E’ davvero difficile non averlo più intorno.

Lauren Cohan che nella serie interpreta Maggie Greene la moglie di Glenn Rhee:

Steven mi ha accolto nella serie. E’ la prima persona che ho conosciuto sul set. Il giorno in cui sono arrivata, Steven e Sarah Wayne Callies mi hanno invitato ad un barbecue coreano, e mi ricordo che ero in Georgia e indossavo una camicia di flanella anche se era luglio, e loro mi hanno detto: ‘Forse è meglio comprare qualche t-shirt’.

Poi ha proseguito:

Ricordo anche che un anno siamo andati a guardare i fuochi d’artificio per il 4 Luglio. Abbiamo lasciato tutti quello che stavamo facendo e siamo corsi fuori con le giacche sopra la testa e poi tutti a casa di Steven. Abbiamo tirato fuori la chitarra e abbiamo iniziato a cantare. E’ stato il nostro primo grande ritrovo. Steven è stato un uomo di primo piano nello show e sono così eccitata di sapere che cose incredibili farà prossimamente.

Andrew Lincoln che in The Walking Dead Rick Grimes racconta:

Steven non è solo un attore incredibile, ma è uno dei ragazzi più gentili, divertenti e onesti che abbia mai avuto la fortuna di incontrare. E’ anche uno dei miei più cari amici nella vita. E la prospettiva che lui non sarà più qui, ha lasciato un buco enorme nella serie. La prospettiva di tornare l’anno prossimo è più triste per la sua assenza. E’ uno dei padri fondatori di questo show e le sue impronte digitali sono ovunque. Il suo umorismo mi mancherà più di ogni altra cosa. La cosa bella di questo lavoro è vedere qualcuno crescere sullo schermo e diventare questo sorprendente attore protagonista che per Rick è un po’ come il fratello giovane ed intelligente che non ha mai avuto.

Norman Reedus, che interpreta Daryl Dixon:

E’ uno dei miei migliori amici. Ero con lui quando ha proposto a sua moglie di sposarlo. Lo conosco da prima della serie e perderlo come personaggio è una rottura. L’ultima cosa al mondo che ho sempre voluto evitare perchè si perde un personaggio fondamentale di The Walking Dead. Sono un fan dello show tanto quanto ne sono un protagonista, e mi sono innamorato di questi personaggi. Vedo che questi personaggi cambiano, e vedo le persone crescere come attori. Piango con loro, combatto con loro, e insieme abbiamo costruito questa amicizia fin dal primo giorno, proprio come Daryl e Glenn hanno fatto nella serie.
The walking dead streaming su amc