Archivi tag: Oscar

Possono toglierci la vita, ma non ci toglieranno mai la libertà

Possono toglierci la vita, ma non ci toglieranno mai la libertà

Possono toglierci la vita, ma non ci toglieranno mai la libertà. Braveheart – Cuore impavido,  William Wallace

Possono toglierci la vita, ma non ci toglieranno mai la libertà William Wallace Mel Gibson BraveheartSiete venuti a combattere da uomini liberi, e uomini liberi siete: senza libertà cosa farete? Combatterete? Certo, chi combatte può morire, chi fugge resta vivo, almeno per un po’… Agonizzanti in un letto fra molti anni da adesso, siate sicuri che sognerete di barattare tutti i giorni che avrete vissuto a partire da oggi, per avere l’occasione, solo un’altra occasione di tornare qui sul campo ad urlare ai nostri nemici che possono toglierci la vita, ma non ci toglieranno mai la libertà!

Si tratta del breve discorso di William Wallace ai propri compagni di battaglia prima della decisiva battaglia contro gli inglesi

Braveheart – Cuore impavido è un film del 1995 di e con protagonista Mel Gibson, che narra in maniera romanzata la storia del patriota ed eroe nazionale scozzese William Wallace. Braveheart ha vinto 5 Oscar dopo aver ricevuto ben 10 nomination nel 1996, Mel Gibson ha inoltre potuto festeggiare grazie alla pellicola il Golden Globe per la miglior regia.

Il budget del film è stato di circa 72 milioni di dollari e gli incassi solo negli Usa furono di oltre 75 milioni, ripagando il costo della pellicola, per un totale 210 milioni nel mondo. Uscì negli Usa il 18 maggio 1995 e in Italia il 1º dicembre. Il film fu trasmesso in prima TV in Italia su Canale 5 in due serate (9 e 10 novembre 1998).

L.M.

Jackie Chan ritira l’Oscar alla carriera

Jackie Chan ritira l’Oscar alla carriera

Jackie Chan ritira l’Oscar alla carriera dopo 56 anni dedicati al cinema

Jackie Chan ritira l'Oscar alla carrieraLa simpatica reazione di Jackie Chan: “Finalmente dopo tante ossa rotte”

Jackie Chan ritira l’Oscar onorario alla carriera a Los Angeles e con una punta di ironia dichiara davanti alla nutrita platea:

Dopo 56 anni nell’industria cinematografica, dopo così tante ossa rotte, finalmente.

Jackie Chan, nato a Hong Kong il 7 aprile 1954, non è solamente un attore, ma anche un regista, produttore cinematografico, artista marziale, comico, sceneggiatore, imprenditore, stuntman, doppiatore e cantante cinese.

Dal 2013 è un membro della Conferenza politica consultiva del popolo cinese (中国人民政治协商会议), l’istituzione consultiva incaricata di rappresentare i principali partiti politici della Repubblica Popolare Cinese (中华人民共和国).

Jackie Chan ieri sera ha ricevuto l’Oscar davanti a moltissime star, da Sylvester Stallone a Nicole Kidman, da Emma Stone a Amy Adams. Non è però stata una sorpresa visto che l’assegnazione era annunciata dal settembre scorso.

Jackie Chan, oggi sessantaduenne, calca i set cinematografici da quando aveva la tenera età di 8 anni ed ha partecipato a film di grande successo come i recenti Kung fu Panda e The Karate Kid o in passato ai tre capitoli della serie Rush hour. Da giovanissimo aveva recitato in più di un centinaio di pellicole di arti marziali ad Hong Kong.

Jackie Chan ritira l'Oscar alla carriera 2Sotto troverete la sua filmografia completa:

Big and Little Wong Tin Bar (1962)
Qin Xiang Lian (1964)
Le implacabili lame di rondine d’oro (1966)
Dalla Cina con furore (Jing wu men), regia di Lo Wei (1972)
Lady Kung Fu aka Hapkido (合氣道), regia di Huang Feng (1972) – Cameo
Master With Cracked Fingers (anche Snake Fist Fighter) (刁手怪招), regia di Chu Mu (1973)
Fist of Anger, regia di Chu Mu (1973)
Attack of the Kung Fu Girls (1973)
Crash! Che botte… Strippo strappo stroppio, regia di Bitto Albertini e Kuei Chih Hung (1973) – non accreditato
Facets of Love (北地胭脂/Bei di yan zhi), regia di Li Han-Hsiang (1973)
I 3 dell’Operazione Drago (Enter the Dragon), regia di Robert Clouse (1973)
Police Woman aka Rumble in Hong Kong (1973)
Fists of the Double K aka Fist to Fist (Chu ba), regia di Jimmy L. Pascual (1973)
The Golden Lotus (金瓶雙艶/Jin ping shuang yan), regia di Li Hanxiang (1974) – Cameo
No End of Surprises (拍案驚奇/Pai an jing ji), regia di Chu Mu (1975)
All in the Family (Chinese: 花飛滿城春; pinyin: Hua Fei Man Cheng Chun), regia di  Mu Zhu (1975)
The Himalayan (1976) – cameo
Hand of Death aka Countdown in Kung Fu (少林門/Shao Lin men), regia di John Woo (1976)
Shaolin Wooden Men (少林木人巷/Shao Lin mu ren xiang), regia di Chen Chi-Hwa (1976)
New Fist of Fury (Xin jing wu men), regia di Lo Wei (1976)
Killer Meteor (風雨雙流星/Fung yu shuang liu xing), regia di Jimmy Wang Yu e Lo Wei (1976)
To Kill with Intrigue (劍花煙雨江南/Jian hua yan yu Jiang Nan), regia di Lo Wei (1977)
Half a Loaf of Kung Fu (一招半式闖江湖/Dian zhi gong fu gan chian chan), regia di Chen Chi-Hwa (1978)
Magnificent Bodyguards (飛渡捲雲山/Fei du juan yun shan), regia di Lo Wei (1978)
Spiritual Kung Fu (拳精/Quan jing), regia di Lo Wei (1978)
Snake and Crane Arts of Shaolin (蛇鶴八步 She hao ba bu), regia di Chen Chi Hwa (1978)
Il serpente all’ombra dell’aquila (Se ying diu sau), regia di Yuen Wo Ping (1978)
Drunken Master (Jui kuen), regia di Yuen Wo Ping (1978)
Dragon Fist (龍拳/Long quan), regia di Lo Wei (1979)
Jacky Chan: la mano che uccide (Xiao quan guai zhao), regia di Jackie Chan (1979)
Il ventaglio bianco (Shi di chu ma), regia di Jackie Chan (1980)
Chi tocca il giallo muore (The Big Brawl), regia di Robert Clouse (1980)
La corsa più pazza d’America (The Cannonball Run), regia di Hal Needham (1981)
I due cugini (Long xiao ye), regia di Jackie Chan (1982)
Fantasy Mission Force (Mi ni te gong dui), regia di Chu Yin-Ping (1982)
Fearless Hyena Part II (Long teng hu yue), regia di Lo Wei (1983)
Winners and Sinners (Qí Móu Miāo Jǐ Wŭ Fú Xīng), regia di Sammo Hung (1983)
Project A – Operazione pirati (‘A’ gai wak), regia di Jackie Chan (1983)
La corsa più pazza d’America N. 2 (The Cannonball Run II), regia di Hal Needham (1984)
Il mistero del conte Lobos aka Cena a sorpresa (Kuàicān Chē), regia di Sammo Hung (1984)                                                                    Jackie Chan ritira l’Oscar alla carriera
Two in a Black Bealt (1984) – cameo
Pom Pom (1985) – cameo
La gang degli svitati (Fú Xīng Gáo Zhào), regia di Sammo Hung (1985)
Protector (The Protector), regia di James Glickenhaus (1985)
Bambole e botte (Xia ri fu xing), regia di Sammo Hung (1985)
La prima missione (Long de xin), regia di Sammo Hung (1985)
Police Story (Ging chat goo si), regia di Jackie Chan (1985)
Armour of God (Long xiong hu di), regia di Jackie Chan (1986)
Project A II – Operazione pirati 2 (A’ gai wak juk jap), regia di Jackie Chan (1987)
Police Story 2 (Ging chaat goo si juk jaap), regia di Jackie Chan (1988)
Dragons Forever (Fei lung mang jeung), regia di Sammo Hung (1988)
Miracles aka The Canton Godfather, regia di Jackie Chan (Ji ji) (1989)
Island of Fire (Huo shao dao), regia di Chu Yen-ping (1990)
Armour of God II – Operation Condor (Fei ying gai wak), regia di Jackie Chan (1991)
The Kid from Tibet (1991) – cameo
Twin Dragons (Shuang long hui), regia di Ringo Lam e Tsui Hark (1992)
Police Story 3: Super Cop (Ging chat goo si 3: Chiu kup ging chat), regia di Stanley Tong (1992)
Once a Cop aka Project S – Supercop II (1992) – cameo
City Hunter – Il film (Sing si lip yan), regia di Wong Jing (1993)
Crime Story (Zhong an zu), regia di Kirk Wong (1993)
Drunken Master 2 aka The Legend of Drunken Master (Jui kuen II), regia di Lau Kar Leung (1994)
Terremoto nel Bronx (紅番區/Hung fan kui), regia di Stanley Tong (1995)
Thunderbolt – Sfida mortale (Pik lik feng), regia di Gordon Chan (1995)
Police Story 4: First Strike (Ging chaat goo si 4: Ji gaan daan yam mo), regia di Stanley Tong (1996)                                                       Jackie Chan ritira l’Oscar alla carriera
Mr. Nice Guy (Yat goh ho yan), regia di Sammo Hung (1997)
Hollywood brucia (An Alan Smithee Film: Burn Hollywood Burn), regia di Alan Smithee e Arthur Hiller (1997) – Cameo
Senza nome e senza regole (Wo shi shei), regia di Benny Chan (1998)
Rush Hour – Due mine vaganti (Rush Hour), regia di Brett Ratner (1998)
In fuga per Hong Kong (Boh lei chun), regia di Vincent Kok (1999)
King of comedy (1999) – cameo                          Jackie Chan ritira l’Oscar alla carriera
Gen-X Cops (1999) – cameo
Pallottole cinesi (Shanghai Noon), regia di Tom Dey (2000)
Spia per caso (Te wu mi cheng), regia di Teddy Chan (2001)
Colpo grosso al drago rosso – Rush Hour 2 (Rush Hour 2), regia di Brett Ratner (2001)
Lo smoking (The Tuxedo), regia di Kevin Donovan (2002)
2 cavalieri a Londra (Shanghai Knights), regia di David Dobkin (2003)
Twins Effect (2003) – cameo
The Medallion, regia di Gordon Chan (2003)
Vampire Effect (Chin gei bin), regia di Dante Lam (2003)
Traces of a Dragon: Jackie Chan & His Lost Family regia di Mabel Cheung (2003)
Il giro del mondo in 80 giorni (Around the World in 80 Days), regia di Frank Coraci (2004)
La spada e la rosa (Chin Kei Bin 2 – Fa Tou Tai Kam), regia di Patrick Leung e Cory Yuen (2004)                                                  Jackie Chan ritira l’Oscar alla carriera
New Police Story (Xin jing cha gu shi), regia di Benny Chan (2004)
Twins Effect II (2004) – cameo
Honour of the Dragon (2005) – cameo
The Myth – Il risveglio di un eroe (Sam wa), regia di Stanley Tong (2005)
Rob-B-Hood (Bo bui gai wak), regia di Benny Chan (2006)
Rush Hour 3 – Missione Parigi (Rush Hour 3), regia di Brett Ratner (2007)
Il regno proibito (功夫之王) (The Forbidden Kingdom), regia di Rob Minkoff (2008)
La vendetta del dragone (新宿事件) (San suk si gin), regia di Yee Tung-shing (2008)
Looking For Jackie (尋找成龍/Jian guo da ye), regia di Fang Gangliang e Jiang Ping (2009)
The Founding of A Republic (建国大业) (2009) – cameo
Operazione Spy Sitter (The Spy Next Door), regia di Brian Levant (2010)
Little Big Soldier (大兵小將 /Da bing xiao jiang), regia di Sheng Ding (2010)
The Karate Kid – La leggenda continua (The Karate Kid), regia di Harald Zwart (2010)
The Legend of Silk Boy, regia di David Liu (2010)
Shaolin (新少林寺/Xin shao lin si), regia di Benny Chan (2011)
1911 (辛亥革命/Xinhai geming), regia di Jackie Chan (2011)
Chinese Zodiac (Armour of God III: Chinese Zodiac), regia di Jackie Chan (2012)
Police Story 2013 (警察故事2013), regia di Sheng Ding (2013)
Dragon Blade – La battaglia degli imperi (天将雄师) (Tian jiang xiong shi), regia di Daniel Lee (2015)
Skiptrace – Missione Hong Kong (Skiptrace), regia di Renny Harlin (2016)

Luca Miglietta

Jackie Chan ritira l'Oscar alla carriera 1911 (film) 辛亥革命 (电影) Jackie Chan's 100th film in his career

Before the flood dal 21 ottobre in alcuni cinema, poi su National Geographic

Before the flood

Before the flood, ll nuovo film ambientalista di Leonardo DiCaprio

before the flood

Before the flood parla della più grande catastrofe che il nostro pianeta si trova a dover fronteggiare: i cambiamenti climatici

Before the Flood (letteralmente “prima dell’inondazione”) è diretto da Fisher Stevens, che nel 2010 aveva prodotto The Cove, un film incentrato sulla caccia ai delfini in Giappone, che si aggiudicò l’Oscar per il Miglior documentario. Il docufilm è impreziosito inoltre dalle  dalle musiche composte da Trent Reznor e Atticus Ross.

Dal 21 ottobre Before the Flood sarà mostrato in alcuni cinema statunitensi, per permettergli l’eventuale candidatura agli Oscar; poi verrà trasmesso a fine ottobre sul canale tv National Geographic. Verrà tradotto in 45 lingue e sarà possibile vederlo in 171 paesi, tra i quali il nostro. Leonardo DiCaprio produttore ed interprete del documentario ha dichiarato:

Voglio solo sapere quanto siamo andati oltre e cosa possiamo fare per fermarlo (il cambiamento climatico).

before the flood 3

Il docu-film è infatti nato, secondo gli autori, per rispondere principalmente a queste due domande: a che punto sono i cambiamenti climatici? Cosa possiamo fare per contrastare questo fenomeno?

Il film mostra i gravissimi effetti dell’innalzamento delle temperature globali, e DiCaprio cerca di fare chiarezza sul problema incontrando alcune delle persone più influenti del pianeta, come il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, Papa Francesco e Elon Musk, CEO di Tesla Motors.

L’impegno ambientalista di Leonardo DiCaprio è ormai conosciuto, ha infatti nel tempo donato milioni di dollari per la tutela dell’ambiente e prodotto Cowspiracy, un documentario sull’impatto degli allevamenti.

before the flood 2

La star hollywoodiana, nel corso del Climate summit 2014 di New York, in qualità di messaggero di pace delle Nazioni Unite, aveva chiesto ai capi di stato di tutto il mondo:

il mondo ci sta guardando, vi chiediamo di proteggerlo,

grazie a Before the flood DiCaprio rinnova la supplica, sottolineando questa necessità:

abbiamo bisogno di leader, non solo negli Stati Uniti, ma in tutto il mondo, che credano nella scienza del cambiamento climatico e che abbiano il coraggio di prendere posizione per il nostro Pianeta.

before the flood 4
Leonardo DiCaprio with Elon Musk

Trailer di Before the flood: link

Director
Fisher Stevens

Production Company
Appian Way, Insurgent Docs, RatPac Documentary Films

Executive Producer
Martin Scorsese, Adam Bardach, Mark Monroe, Zara Duffy

Producer
Leonardo DiCaprio, Fisher Stevens, Brett Ratner, James Packer, Jennifer Davisson, Trevor Davidoski

Screenplay
Mark Monroe

Cinematographer
Antonio Rossi

Editor
Geoff Richman, Ben Sozanski, Brett Banks, Abhay Sofsky

Primary Publicity
Cinetic Marketing

US Sales Agent
Cinetic Media

US Distributor
National Geographic

Luca Miglietta

before the flood 5

La candidatura all’Oscar di Fuocoammare è un errore

La candidatura all’Oscar di Fuocoammare è un errore

Paolo Sorrentino. “La candidatura all’Oscar di Fuocoammare è un errore”

La candidatura all’Oscar di Fuocoammare è un erroreLa candidatura all’Oscar di Fuocoammare è un errore. Fuocoammare è il documentario di Gianfranco Rosi su Lampedusa, che a febbraio vinse l’Orso d’oro, il premio più importante del Festival del cinema di Berlino. Il documentario racconta la tragedia dei migranti in arrivo dal Nord Africa e la quotidianità della vita sull’isola siciliana.

Fuocoammare solo lunedì è stato scelto come candidato italiano al premio Oscar 2017 per il Miglior film in lingua straniera. La decisione è stata presa da una commissione dell’ANICA (Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive Multimediali) composta da giornalisti, produttori, distributori, dallo scrittore Sandro Veronesi e dal regista Paolo Sorrentino, che nel 2014 aveva vinto l’Oscar con La grande bellezza xome miglior film straniero.

Sorrentino ha però detto di non essere d’accordo con la scelta finale della commissione di cui faceva parte:

Fuocoammare è un bellissimo film, ma andava candidato all’Oscar nella categoria dei documentari. Questa scelta è un inutile masochistico depotenziamento del cinema italiano che quest’anno poteva portare agli Oscar due film: un film di finzione che secondo me avrebbe avuto molte chance è Indivisibili di Edoardo De Angelis, mentre Fuocoammare può concorrere e vincere nella categoria dei documentari.

Kate Winslet e il suo particolare toupet, cioè una parrucca pubica

Kate Winslet e il suo particolare toupet

Kate Winslet e il suo particolare toupet, una sorta di “parrucca pubica”, che rende il suo ruolo più realistico

Kate Winslet e il suo particolare toupet Kate Winslet sexy Kate Winslet ha rivelato che sul set di The Reader ha dovuto indossare una sorta di “parrucca pubica”, in modo che il suo ruolo fosse più realistico, essendo il film è ambientato negli anni ’50. Non è infatti tutto pelo naturale quello che Kate Winslet sfoggia nelle scene di nudo integrale presenti in The Reader, film per il quale la bella attrice britannica ha vinto l’Oscar, dopo ben cinque nomination senza vittoria.

Kate in proposito ha dichiarato:

Ho dovuto far ricrescere i peli laggiù…Ma dopo anni e anni di cerette, come tutte noi ragazze sappiamo, i peli non ricrescono più come prima. Così, mi hanno fatto indossare una sorta di posticcio perché temevano che non sarebbero cresciuti abbastanza.
Kate Winslet e il suo particolare toupet, cioè una parrucca pubica
L’attrice inoltre ha poi rivelato che non ha avuto alcun problema a girare scene di sesso con il diciottenne David Kross: “E’ stato come girare qualsiasi altra scena di quel tipo
Kate Winslet e il suo particolare toupet, cioè una parrucca pubica
Sembra sia stato propriKate Winslet sexy pussy toupet Kate Winslet e il suo particolare toupeto il regista Stephen Daldry ad avere l’idea di preparare la folta parrucca pubica, fatta con materiale non sintetico, per rendere più realistico il film. In The Reader oltre a Kate Winslet recitano Ralph Fiennes, David Kross, Lena Olin, Bruno Ganz, Alexandra Maria Lara, Karoline Herfurth, Sylvester Groth, Susanne Lothar, Linda Bassett e Jeanette Hain .

Kate Winslet e il suo particolare toupet, cioè una parrucca pubica
Kate Winslet e il suo particolare toupet, cioè una parrucca pubica
Breve recensione di The Reader:
Kate Winslet e il suo particolare toupet, cioè una parrucca pubica
Il giovane Michael Berg si sente male per strada e viene soccorso da Hanna Schmitz, una donna più grande di lui con la quale nei giorni seguenti nasce una relazione. Lui però intuisce che nel passato di Hannah c’è qualcosa di misterioso.

Trailer del film: The Reader – A voce alta

Kate Winslet e il suo particolare toupet Kate Winslet sexy 2

La leggenda metropolitana sull’Oscar vinto da Marisa Tomei

Marisa Tomei. La leggenda metropolitana sull'Oscar vinto da Marisa TomeiQualche anno fa si era diffusa una crudele leggenda metropolitana riguardo all’Oscar come migliore attrice non protagonista, vinto da Marisa Tomei nel 1993 per il film Mio cugino Vincenzo.
Il presentatore del premio Jack Palance avrebbe sbagliato, secondo questa strampalata teoria, a pronunciare il nome corretto dell’attrice vincitrice del premio avendo letto la riga errata: l’Oscar di Marisa sarebbe in realtà stato destinato a un’altra candidata, Vanessa Redgrave. Palance si dice che fosse in quell’occasione troppo ubriaco per formulare una frase di senso compiuto o  che fosse incapace di leggere correttamente il nominativo contenuto nella busta a causa dell’età.
Dobbiamo questa falsa notizia a Steve Pond, che seguendo la cerimonia per la rivista Premiere, riportò il tutto nel suo libro The Big Show: High Times and Dirty Dealings Backstage at the Academy Awards.
Sostenne inoltre in questo libro che i rappresentanti del PricewaterhouseCoopers, la societa che controlla l’assegnazione dei premi e che dispone i propri membri nel backstage con l’incarico di controllare che sia letto il nome giusto, avrebbero dovuto interrompere la cerimonia annunciando il nome della vera vincitrice, ma ciò non avvenne mai. Tali voci sono state duramente smentite dalla PricewaterhouseCoopers.
I rumors dei maligni furono finalmente quietati con le nuove nomination di Marisa Tomei per il film In the Bedroom del 2001 e nel 2009 per The Wrestler.

                                                                                                                         Luca Miglietta