Archivi tag: Julian Schnabel

Chi vincerà l’Oscar come miglior attore protagonista?

Chi vincerà l’Oscar come miglior attore protagonista?

Chi vincerà l’Oscar come miglior attore protagonista? La premiazione degli Oscar 2019 è imminente

Chi vincerà l'Oscar come miglior attore protagonista?Chi vincerà l’Oscar come miglior attore protagonista? Tutti stanno dicendo la loro su chi vincerà l’Oscar il prossimo fine settimana, io non ho potuto vedere tutte le pellicole in gara, sia per poter giudicare il miglior film, che la miglior attrice ed il miglior regista. Per la miglior pellicola ad esempio non son riuscito a visionare Black panther, La favorita e Roma, ho visto solamente BlacKkKlansman, Bohemian rhapsody, Green book, A star is born e Vice.
Una categoria in cui posso giudicare chi merita la statuetta è quella di miglior attore, dove son candidati Christian Bale (Vice), Braedly Cooper (A star is born), Willem Dafoe (At eternity’s gate), Rami Malek (Bohemian rhapsody) e Viggo Mortensen (Green book).
Una cosa è sicura quest’anno rispetto ad altri anni la scelta Academy sarà molto più difficile, non accadeva da un po’. Una statuetta già quasi assegnata è solamente quella come Oscar 2019 alla miglior canzone a Shallow di A Star Is Born, cantata da Lady Gaga, Bradley Cooper.

Chi vincerà l'Oscar come miglior attore protagonista? 2Comincio dal migliore a mio giudizio: Bradley Cooper che interpreta Jackson Maine, una star della musica rock con problemi di alcol, nel film A star is born. Bradley Cooper nella pellicola non è stato solo attore, ma anche regista, produttore e sceneggiatore. L’attore offre una meravigliosa interpretazione non solamente dal punto di vista attoriale, ma anche sotto l’aspetto canoro e della presenza scenica che si addice ad una rockstar con tanti problemi, ma pur sempre con un forte magnetismo. L’attore infatti è riuscito a mostrare perfettamente la tensione autodistruttiva del cantante.

Bradley Cooper interpretando Jackson Maine ha cantato live in scena per tutta la pellicola. Pare sia stata Lady Gaga a convincere Bradley Cooper a cantare, originariamente si pensava dovesse cantare solo in playback. Un coefficiente di difficoltà molto superiore a quello ad esempio del favorito per i bookmakers Rami Malek, che interpreta anch’esso un cantante. Rami Malek è aiutato dall’interpretare Fraddie Mercury, una rockstar davvero esistita e si limita a metterla in scena in maniera celebrativa e piena di energia. Bradley Cooper è giunto alla sua quarta nomination, dopo Il lato positivo, American Hustle e American Sniper.

Chi vincerà l'Oscar come miglior attore protagonista? 3La seconda piazza se la merita Christian Bale che per interpretare Dick Cheney (vicepresidente degli Stati Uniti durante l’amministrazione di George W. Bush) in Vice – L’uomo nell’ombra ha dovuto mettere su molti chili. Christian Bale si è dimostrato ancora una volta il più grande trasformista del cinema di oggi, perfettamente a suo agio con aumenti e diminuzioni di peso repentini, aiutati da make-up che lo rendono quasi  irriconoscibile. Nel 2011 aveva già vinto l’Oscar per The Fighter nel 2011 nella categoria di miglior attore non protagonista.

Terzo posto per Viggo Mortensen per l’interpretazione di Frank Tony Lip Villalonga in Green Book. Una interpretazione davvero riuscita, ma la sua vittoria sarà sicuramente ostacolata dal fatto che la pellicola di Peter Farrelly sembra un candidato molto forte nelle categorie per miglior film e per miglior attore non protagonista, dove è nettamente favorito Mahershala Ali. Per Mortensen questa è la terza nomination, dopo quelle ricevute per La promessa dell’assassino e Captain Fantastic. Se dovesse vincere sarebbe un trionfo per Green Book insomma.

Chi vincerà l'Oscar come miglior attore protagonista? 4Chi vincerà l’Oscar come miglior attore protagonista? Passiamo al favorito dagli scommettitori: Rami Malek

Quarta piazza per Rami Malek al suo primo vero grande ruolo da protagonista nel film Bohemian Rhapsody di Bryan Singer a cui è subentrato Dexter Fletcher. In questa pellicola la domanda sorge spontanea l’Oscar lo merita Freddie Mercury o Rami Malek? Probabile vinca Rami Malek, ma ci chiederemo sempre se la statuetta l’ha vinta il defunto leader dei Queen o l’attore americano. L’attore si è mimetizzato così tanto in Freddie Mercury che, oramai, quando ci si trova davanti ad un filmato con il vero cantante, guardando distrattamente, non riusciamo a capire se si tratti di lui o Rami Malek. Un esempio è il concerto di Wembley con la recitazione dell’attore che è un’esatta copia, inquadratura per inquadratura, del movimento del corpo di Mercury.

Chi vincerà l'Oscar come miglior attore protagonista? 5Quinta piazza per l’ottimo Van Gogh di Willem Dafoe nel film Sulla soglia dell’eternità di Julian Schnabel. L’attore è fresco vincitore della Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile all’ultimo Festival di Venezia. Quarta candidatura per Willem Dafoe dopo Platoon, L’ombra del vampiro e Un sogno chiamato Florida.

L.M.

Lou Reed

Lou Reed

Lou Reed, Perfect DayLou Reed è stato una leggenda della musica rock, sicuramente passerà alla storia come cantante, poeta e musicista, ma ha recitato pure in alcune pellicole.
Era entrato nell’olimpo della musica alla fine degli anni sessanta, quando con il polistrumentista John Cale aveva fondato i Velvet Underground; ai due si erano poi aggiunti Sterling Morrison al basso e alla chitarra e Maureen Tucker, alla batteria.
I Velvet Underground entrarono presto sotto l’ala protettrice dell’artista della pop art Andy Warhol, che fu promotore e finanziatore del primo album del gruppo, The Velvet Underground & Nico, nonché disegnatore della stressa copertina, che ritrae una fallica banana. In questo album si possono trovare autentici capolavori come Sunday Morning, I’m Waiting for the Man, Femme Fatale, Venus in Furs, Run Run Run, All Tomorrow’s Parties, Heroin, There She Goes Again, I’ll Be Your Mirror, The Black Angel’s Death Song e European Son.Lou Reed and Andy Warhol
Lou Reed con i Velvet Underground inciderà ancora tre album: White Light/White Heat, uscito il 30 gennaio 1968, The Velvet Underground, uscito nel Marzo 1969 e in infine nel settembre del 1970 venne pubblicato Loaded, che contiene canzoni destinate a durare nel tempo come Rock ‘n’ Roll e Sweet Jane.
Nel 1972 abbandonerà la band e pubblicherà un LP con il suo nome, che però ebbe scarso successo. In soccorso di Lou arrivò David Bowie, che gli produsse il secondo album, Transformer, che divenne presto un successo mondiale grazie a brani come: Satellite Of Love, Walk on the Wild Side, Vicious e Perfect Day, che venne poi utilizzata nella colonna sonora del film di Danny Boyle Trainspotting.
Ma la metà degli anni settanta peThe Velvet Underground & Nico, Banana Andy Warhol Lou Reedr Lou sono anche quelli dell’abuso di droga, dalla metedrina alle anfetamine, che incideranno molto sull’artista e sulla persona.
La produzione di Reed continua a fasi alterne negli anni 80 e 90, periodo nel quale possiamo ricordare Songs for Drella, un concept album di Lou Reed e John Cale, uscito l’11 aprile 1990 per la Sire Records. Questo album è dedicato alla memoria del loro amico e artista Andy Warhol, che era da poco scomparso dopo un’operazione chirurgica alla cistifellea. La parola Drella presente nel titolo dell’opera era uno dei soprannomi di Andy Warhol,  un incrocio tra Dracula e Cinderella, e che rappresentava la metaforica unione dei lati opposti del carattere dell’artista.
Nell’aprile 2008 Lou Reed si sposa in Colorado con la compagnLou Reed and Laurie Andersona Laurie Anderson e, nello stesso anno, Reed è stato inserito al 62esimo posto nella lista dei 100 migliori cantanti secondo Rolling Stone.
Il suo ultimo album, Lulu, in collaborazione con i Metallica, è uscito nell’ottobre 2011.
Il 27 ottobre 2013 muore nella sua amata New York a Long Island, le cause della morte di Lou Reed non sono conosciute, ma solo nel maggio di quell’anno aveva subito un trapianto di fegato.

Flippaut, Get Crazy streaming Lou Reed 1983Ora, dopo aver preso in esame la carriera di Lou Reed dal punto di vista musicale come era doveroso fare vista la sua straordinaria carriera, concentriamoci su quello che più interessa ad un lettore di un blog dedicato al cinema: le apparizioni dell’artista newyorkese nel mondo della celluloide.
Sono diverse le sue apparizioni in sala, il suo esordio da attore avvenne nel 1980, con il film One Trick Pony di Robert M. Young, seguito nel 1983 da Get Crazy di Allan Arkush, in Italia uscito con il titolo Flippaut.
Nel 1988 interpreta se stesso nel film Permanent Record di Marisa Silver, cosa che rifarà nel 1993 in Così lontano, così vicino! di  Wim Wenders.
Nel 1995 veste i panni dell’uomo con occhiali strani in Blue in the Face di Paul Auster, Wayne Wang e Harvey Wang.
Nel 1998 interpreta Not Lou Reed in Lulu on the Bridge di Paul Auster.
Torna a vestire I panni di se stesso nel 2001 in Prozac Nation di Erik Skjoldbjaerg, dove fa un cameo.Così lontano, così vicino!, In weiter Ferne, so nah!, Faraway, So Close! streaming Lou Reed
Nel 2008 esce Berlin: Live at St. Ann’s Warehouse concept film diretto da Julian Schnabel.
Sempre nel 2008 interpreta la parte di se stesso in Palermo Shooting di Wim Wenders.
Nel 2009 e nell’anno successivo darà la voce a Maltazard in Arthur e la vendetta di Maltazard e in Arthur e la guerra dei due mondi.

Blue in the Face streaming Lou ReedNon si riduce però solo a questo il contributo dato da Lou Reed al cinema, perché le sue indimenticabili canzoni sono state usate all’interno di moltissimi film. Ecco un elenco con alcune delle colonne sonore più famose, alcune composte ai tempi dei Velvet Underground, altre da solista:

2012 Flight (Sweet Jane scritta da Lou Reed, ma questa volta cantata dai Cowboy Junkies)

2012 Le streghe di Salem (Venus in Furs, All Tomorrow’s Parties, The Velvet Underground)

2012 Cogan – Killing Them Softly (Heroin, Wrap Your Troubles In Dreams, The Velvet Underground)

2012 Lawless (White Light/White Heat cover dei Velvet Underground fatta da Ralph Stanley)

2012 Men in Black 3 (I’m Waiting for the Man, The Velvet Underground)

2010 Parto col folle (Sweet Jane scritta da Lou Reed, ma questa volta cantata dai Cowboy Junkies)

2009 Benvenuti a Zombieland (Oh! Sweet Nuthin, The Velvet Underground)

2009 Suck (Oh! Sweet Nuthin, The Velvet Underground)

2009 Bandslam – High School Band (Femme Fatale, The Velvet Underground & Nico)

2009 American Life (Oh! Sweet Nuthin, The Velvet Underground)

2009 Adventureland (Here She Comes Now, Pale Blue Eyes, The Velvet Underground, Satellite of Love di Lou Reed)

2008 RocknRolla (The Gun)

2008 Palermo Shooting (Some Kinda Love, The Velvet Underground)

2008 Fa la cosa sbagliata (Can I Kick It?)

2007 Juno (I’m Sticking with You, The Velvet Underground)

2007 Lo scafandro e la farfalla (Pale Blue Eyes, The Velvet Underground)

2007 Control ( What Goes On, The Velvet Underground)

2006 Guida per riconoscere i tuoi santi (Rock & Roll)

2005 V per Vendetta (I Found a Reason scritta da Lou Reed ma cantata da Cat Power)

2005 Brick – Dose mortale (Sister Ray scritta da Lou Reeed)

2004 Blade: Trinity (Fatale e Venus in Furs scritte da Lou Reed)

2003 School of Rock (Ride Into The Sun, The Velvet Underground)

2003 Wonderland – Massacro a Hollywood (Satellite of Love)

2001 I Tenenbaum (Stephanie Says, The Velvet Underground)

2001 Prozac Nation (Sweet Jane, Perfect Day)

2001 Hedwig – La diva con qualcosa in più (Walk on the Wild Side scritta da Lou Reed)

2001 Victoria Died in 1901 and Is Still Alive Today (TV Movie documentary) (Venus in Furs, White Light/White Heat, Heroin, The Velvet Underground)

2000 Quasi famosi (I’m Waiting for the Man, The Velvet Underground)

2000 Alta fedeltà (Who Loves The Sun, Oh! Sweet Nuthin, The Velvet Underground )

2000 The Million Dollar Hotel (Satellite of Love scritta da Lou Reed)

1998 B. Monkey – una donna da salvare (Sweet Jane, scritta da Lou Reed)

1998 Radiofreccia (Vicious)

1998 Velvet Goldmine (Satellite of Love)

1997 Mad City – Assalto alla notizia (Is Anybody Listening?, scritta da Lou Reed)

1996 Il rompiscatole (Satellite of Love, Oh Sweet Nuthin’scritte da Lou Reed e cantate da Porno for Pyros e Ten Thousand Dollar Gold Chain)

1996 Trainspotting (Perfect Day)

1996 Beautiful Girls (Walk on the Wild Side, scritta da Lou Reed)

1995 Nico Icon (Documentario) (All Tomorrow’s Parties, Femme Fatale, I’ll Be Your Mirror, I’m Waiting for the Man ,Venus in Furs, The Velvet Underground)

1994 Assassini nati – Natural Born Killers (Sweet Jane scritta da Lou Reed, ma questa volta cantata dai Cowboy Junkies)

1993 Così lontano, così vicino! (Berlin, Why Can’t I Be Good)

1991 Fino alla fine del mondo (What’s Good)

1991 The Doors (Heroin, Venus In Furs, The Velvet Underground)

1989 Verdetto finale (Busload of Faith)

1985 Il sole a mezzanotte (My Love Is Chemical)

Luca Miglietta

The Velvet Underground & Nico