Archivi tag: Josh Hartnett

Josh Hartnett ha rifiutato Batman e Superman

Josh Hartnett ha rifiutato Batman e Superman

Josh Hartnett ha rifiutato Batman e Superman, due supereroi che potevano cambiare la sua carriera

Josh Hartnett ha rifiutato Batman e SupermanJosh Hartnett ha rifiutato Batman e Superman. La sua carriera cinematografica è stata segnata inizialmente da molti rifiuti e una serie di provini andati male. Ha partecipato per ben 6 volte alle audizioni della serie tv Dawson’s Creek senza essere preso e tentato di entrare nel cast de La sottile linea rossa di Terrence Malick e de L’uomo del giorno dopo di Kevin Costner, senza riuscire ad ottenere nessun ruolo. Nello stesso anno dell’uscita dei due film però riuscì a recitare in alcune pubblicità e a partecipare alla sitcom Cracker.

Successivamente per un periodo discreto Josh Hartnett è stato uno dei giovani attori più apprezzati e richiesti a Hollywood della sua generazione. Ha recitato in The Faculty accanto a Elijah Wood diretto da Robert Rodriguez, Pearl Harbour al fianco di Ben Affleck e Kate Beckinsale, Black Hawk Down, Sin City, regia di Frank Miller, Robert Rodriguez e Quentin Tarantino,  Slevin – Patto criminale, Black Dahlia diretto da Brian De Palma e tratto dal romanzo di James Ellroy, al fianco di Scarlett Johansson, Aaron Eckhart e Hilary Swank.

Josh Hartnett ha rifiutato Batman e Superman 2Josh Hartnett ha rifiutato Batman e Superman, ma ne parleremo tra poco, intanto preseguiamo dicendovi che dopo queste pellicole di successo l’attore ha partecipato a numerosi film indipendenti, alcuni dei quali non sono nemmeno arrivati al cinema o sono stati visti da pochissime persone. Lo stesso attore ha dichiarato a proposito della sua scelta di prendere parte a questo tipo di film, di non essere più una delle prime scelte dei registi di Hollywood: “ricevo ancora offerte per film o ruoli televisivi per fortuna, ma anni fa se c’era un ruolo che volevo avevo una buona possibilità di ottenerlo. Adesso devo lottare per esso. Non è male. In realtà è più gratificante. Certo è deprimente quando qualcosa non va come vorresti, ma solo per un minuto”. Tra questi i non bellissimi I Come with the Rain, Girl Walks Into a Bar, Stuck Between Stations, Parts Per Billion, Wild Horses, The Lovers, Il tenente ottomano e L’ultima discesa.

Nel 2014 è entrato a far parte del cast della serie tv ambientata nel 19° secolo Penny Dreadful, che ha ricevuto ottime recensioni da parte della critica. La serie prende il nome dalle omonime pubblicazioni del XIX secolo, i Penny dreadful ed è stata creata da John Logan e trasmessa dall’11 maggio 2014 al 19 giugno 2016 sul canale via cavo Showtime per tre stagioni. Tra i protagonisti della serie anche Timothy Dalton e Eva Green.

Josh Hartnett ha rifiutato Batman e Superman 3Nel periodo non brillante della sua carriera, ha raccontato in un’intervista del 2014, si è trasferito nella sua città natale in Minnesota stufo di essere sulle copertine delle riviste ed essere riconosciuto in pubblico. Qui si è preso una pausa di 18 mesi dalla recitazione tra il 2011 e il 2013. “Non mi fidavo a nessuno, così sono tornato in Minnesota, ho passato del tempo di nuovo con i miei vecchi amici e mi sono rimesso con la mia fidanzata dei tempi di scuola per un po’. Non ho fatto niente per 18 mesi, sperando di ritrovare la mia strada”.

Ha lavorato nella campagna di Barack Obama per la rielezione del presidente nel 2012, tenendo anche un discorso a circa 300 ospiti presso l’Università del Minnesota, dove aveva scherzato: “non sono stato davanti ad un pubblico come questo da otto anni, mi fa sentire in ansia… Ma è così importante per tutti noi essere coinvolti in questa cosa. Questa elezione può essere un po’ più difficile di quanto alcuni di noi si aspettano in questo momento. Ma il Presidente ha fatto un ottimo lavoro“.

Josh Hartnett ha rifiutato Batman e Superman 4Nel novembre 2015 nasce a Londra la sua prima figlia aveuta con l’attrice inglese Tamsin Egerton, conosciuta durante le riprese del criticatissimo film The Lovers, uscito nel 2015, ma girato nel 2010-2011.

Josh Hartnett ha rifiutato Batman e Superman, una scelta che ha pesato su successivi casting di Christopher Nolan

Ma ora vi spieghiamo come e perchè Josh Hartnett ha rifiutato Batman e Superman, due supereroi iconici che potevano essere importanti per la carriere dell’attore nato a Saint Paul nel Minnesota.

L’attore ha rifiutato il ruolo di Superman per tutta la prima metà degli anni 2000, Bryan Singer, aveva scelto proprio lui per il ruolo di protagonista nel suo Superman Returns, ma Hartnett ha rifiutato per paura di essere etichettato a vita come Superman: “avevo 22 anni, ma ho avvertito questo pericolo”. Per questa decisione i suoi agenti lo lasciarono. “C’erano un sacco di discussioni interne tra il mio manager e i miei agenti, che si davano la colpa a vicenda. Così è arrivato il momento in cui nessuno di noi poteva più lavorare insieme.”

Josh Hartnett ha rifiutato Batman e Superman 5Nel 2005 Josh Hartnett ha rifiutato anche il ruolo di Batman nella trilogia di Christopher Nolan. L’attore, in un’intervista a Playboy rilasciata nel 2015, ha rivelato i motivi del suo “no”, spiegando come in quel periodo fosse impegnato nella realizzazione di un’altra pellicola, che l’attore riteneva più stimolante, seppur con un budget molto ridotto rispetto a Batman. Si trattava di Mozart and the Whale (uscito in Italia col titolo Crazy in Love), diretto da Petter Næss, una commedia del 2005 tratta da una storia vera dove il protagonista, affetto dalla sindome di Asperger, si innamora di una donna affetta dalla medesima patologia. Hartnett ha ammesso che l’aver detto “no” a Christopher Nolan ha rovinato così anche la possibilità di lavorare con lui su altri progetti. “Ho imparato la lezione quando ho parlato con Christopher Nolan di Batman. Ho deciso che non faceva per me. Così non mi ha voluto nemmeno in The Prestige”. Per lui infatti il vero rimpianto non è stato quello di non aver interpretato il personaggio di Batman, ma piuttosto quello di non aver intrattenuto una relazione lavorativa con Christopher Nolan, uno dei cineasti più importanti del ventunesimo secolo.

L.M.

Per una sola estate

Per una sola estate Leelee Sobieski, Chris Klein, Josh HartnettKelley è un ragazzo ricco e arrogante con una situazione familiare complicata alle spalle,  Jasper invece è un ragazzo squattrinato, ma con una famiglia molto unita. I due si sfidano ad una spericolata corsa automobilistica e finiscono per distruggere la tavola calda della madre di Samantha, che prende fuoco. Kelley e Jasper sono condannati dal giudice a ricostruirla. Nel frattempo Kelley si innamora di Samantha e cerca di conquistare la ragazza, così manderà su tutte le furie Jasper che conosce la ragazza da sempre.

Per una sola estate è un polpettone strappalacrime abbastanza banale e scontato. Brava Leelee Sobieski nella parte di Samantha, lo stesso Josh Hartnett non offre una cattiva prova, invece è pessimo il mono-espressivo e insipido Chris Klein, l’Ostreicher di American Pie.
I dialoghi sono davvero stupidi e scontati, per fare un esempio quello tra il padre e Samantha si svolge in questo modo: “E’ bello essere Per una sola estate streaming con Leelee Sobieski, Chris Klein, Josh Hartnetttuo padre” dice lui  “E’ bello essere tua figlia” risponde lei; non si capisce come il regista abbia avuto il coraggio di lasciare certe battute.
Per una sola estate più che un film sembra uno sceneggiato televisivo, pesante e con una sceneggiature al di sotto del livello di guardia.

Titolo originale: Here on Earth

Lingua originale: inglese

Paese di produzion: Stati Uniti

Anno: 2000

Durata: 96 min

Genere: Drammatico, Romantico

Regia: Mark Piznarski

Attori: Leelee Sobieski, Chris Klein, Josh Hartnett, Bruce Greenwood, Annie Corley, Annette O’Toole, Michael Rooker, Elaine Hendrix, Stuart Wilson, Ronni Saxon, Maureen O’Malley, Tac Fitzgerald, Jessica Stier, Erik Kristofer

Sceneggiatura: Michael Seitzman

Produttore: David T. Friendly

Fotografia: Michael O’Shea

Montaggio: Robert Frazen

Musiche: Andrea Morricone

Trailer: http://www.youtube.com/watch?v=oY2Ci_vfmuM

30 giorni di buio

30 giorni di buio Josh Hartnett Melissa GeorgeNella piccola cittadina di Barrow in Alaska, durante l’inverno per trenta lunghissimi giorni, non sorge mai il sole. Un gruppo di vampiri approfitterà delle tenebre per attaccare gli abitanti seminando il panico tra la popolazione. Verranno decimati e i superstiti saranno costretti ad una
terribile lotta per la sopravvivenza.

Horror lentissimo, con una t30 giorni di buio streaming Melissa George David Sladerama, se così la si può chiamare in questo caso, ridicola, sconnessa e lacunosa. Un vero peccato vista l’interessante idea che dei vampiri possano insediarsi in un luogo remoto della terra dove per trenta giorni non sorge mai il sole e possano attaccare le povere vittime senza doversi preoccupare dell’alba.
In 30 giorni di buio i vampiri si ricordano dei loro poteri a seconda delle esigenze di copione: sono superatletici, scattanti e intelligenti nella prima parte del film, poi cominciano a barcollare come zombi lasciando fuggire gli umani in più occasioni, per prolungare la durata del film.30 giorni di buio streaming Josh Hartnett Melissa George David Slade 1
Josh Hartnett completamente inadatto alla parte, per tutto il film sembra abbia l’elettroencefalogramma piatto o sia sotto sedativi, non sembra minimamente preoccupato, come se non avesse di fronte dei pericolosi vampiri, ma dei teneri orsetti. La stessa cosa vale per tutti gli altri abitanti del villaggio che sono mono espressivi e amorfi.
Evitatelo pure, non avrebbero dovuto chiamarlo 30 giorni di buio ma due ore di sbadigli e sonno.

 

Titolo originale: 30 Days of Night

Paese di produzione: USA, Nuova Zelanda

Anno: 2007

Durata: 113 min

Genere: horror

Regia: David Slade

Attori:  Josh Hartnett, Melissa George, Danny Huston, Ben Foster, Mark Boone Junior, Mark Rendall, Amber Sainsbury, Manu Bennett, Megan Franich, Joel Tobeck, Elizabeth Hawthorne, Nathaniel Lees, Craig Hall, Chic Littlewood, Peter Feeney, Jared Turner, Pua Magasiva, Elizabeth McRae, Camille Keenan, Rachel Maitland-Smith

Soggetto: Steve Niles, Ben Templesmith

Sceneggiatura: Steve Niles, Stuart Beattie, Brian Nelson

Produttore: Sam Raimi, Robert G. Tapert

Fotografia: Jo Willems

Montaggio: Art Jones

Effetti speciali: Joe Dunkley

Musiche: Brian Reitzell

Scenografia: Paul D. Austerberry

Costumi: Jane Holland

Trucco: Anita Aggrey

Citazioni tratte da 30 giorni di buio:

Se combatti qualcosa che non puoi distruggere, finisci per distruggere te stesso

Quel freddo che senti è la morte che si avvicina…quando il sole non sorge è di nuovo il loro momento.

Chiudi le porte, spranga le finestre… stanno arrivando!

Guarderemo l’alba insieme…

Quando c’è di mezzo la famiglia, non ti ferma nessuno.

Dialoghi tratti da 30 giorni di buio:

  • Jake Oleson: Ho visto i loro denti… erano… come quelli dei vampiri…
  • Stella Oleson: I vampiri non esistono Jack…
  • Billy: Ho portato Peggie qui la mia prima volta…
  • Eben: Lo abbiamo fatto tutti… non con Peggie naturalmente!

Curiosità su 30 giorni di buio:

Il film viene parodiato in 30 Nights of Paranormal Activity with the Devil Inside the Girl with the Dragon Tattoo.

Prima del’uscita di 30 giorni di buio è stato girato un prequel intitolato 30 Days of Night: Blood Trails della durata di 30 minuti e diretto da Victor Garcia. Il film, realizzato dalla FEARnet, è stato distribuito esclusivamente sul web ed è ambientato due giorni prima degli avvenimenti della film di Slade. In esso vengono raccontate le spiacevoli vicende di George.

Nel 2010 è stato realizzato un sequel di 30 giorni di buio diretto da Ben Ketai. Il film intitolato 30 giorni di buio II (30 Days of Night: Dark Days) è stato distribuito in Italia da Sony Pictures.

Errori presenti in 30 giorni di buio:

Il protagonista di 30 giorni di buio, come del resto tutti gli abitanti della città, indossa guanti invernali da neve, nonostante questo impugna un pistola e spara dei colpi. Come ci riesce se i guanti che indossa sono molto più grandi rispetto al buco per infilare il dito e premere il grilletto?

Durante lo scontro finale si vede il vampiro calvo che solo poche scene prima era morto stritolato nella fabbrica.

Eben si avvicina alla centrale elettrica e tiene la pistola puntata davanti a sè all’altezza del viso, dopo lo stacco la pistola la tiene all’altezza dell’addome e la punta verso il basso

Eben in 30 giorni di buio prima colpisce con un’accetta un infetto e gli apre uno squarcio sul maglione di lana, poco dopo, quando il maglione viene inquadrato, non c’è traccia dello squarcio.

Barrow è la cittadina più a nord degli Stati Uniti e per questo in inverno le temperature dovrebbero andare dai -25 ai -40 gradi. Nonostante questo tutte le persone del paese vestono abiti adatti ad inverni molto più miti ed escono senza coprirsi il volto.

La città in cui è ambientato 30 giorni di buio nonostante sia la più a nord dell’Alaska e sia in pieno inverno ha poca neve sui tetti delle case.

Il passaggio alla notte completa nei paesi nordici non è un fenomeno che si verifica in poche ore come in 30 giorni di buio ma gradualmente.

Eben va alla centrale elettrica per capire il motivo della mancanza di corrente. La porta della centrale è aperta, inquadrata dall’automobile invece la stessa porta è chiusa.

Alcuni dei protagonisti di 30 giorni di buio durante le scene all’aperto non producono il tipico vapore durante la respirazione, curioso visto che la temperatura è bassissima.

Trailer: 30 giorni di buio

Luca Miglietta