Archivi tag: John Doe

Brad Pitt ferito in Seven

Brad Pitt ferito in Seven

Brad Pitt ferito in Seven ad un braccio sul set durante le riprese

Brad Pitt ferito in Seven ad un braccioBrad Pitt ferito in Seven. Brad Pitt durante le riprese della pellicola di David Fincher, in una scena in cui insegue il killer John Doe, ha rotto un parabrezza di un’automobile col braccio, ferendosi in maniera seria. Nella scena in cui il personaggio di Pitt, il detective David Mills, sta inseguendo l’assassino sotto la pioggia l’attore è infatti scivolato perdendo aderenza a causa del terreno umido.

La lesione non era così lieve perchè Brad Pitt si era reciso addirittura un tendine e la ferita era così profonda che andava giù fino all’osso. Pitt ha dovuto di conseguenza tenere duro e recitare come se nulla fosse successo per il resto delle riprese, inoltre, per le scene che dovevano essere ancora girate e cronologicamente si svolgevano prima dell’incidente sul set, l’attore dovette nascondere il braccio come meglio poteva.

Brad Pitt ferito in Seven ad un braccioBrad Pitt ferito in Seven, un infortunio che poteva rallentare notevolmente le riprese di questo bellissimo film

Si è così reso necessario adattare la sceneggiatura di Seven in corso d’opera. Per una coincidenza però la sceneggiatura originale prevedeva che il personaggio del Detective Mills di Pitt si ferisse durante questa sequenza, ma in una parte diversa del suo corpo. Si trattava dell’altra mano.

Seven è una pellicola diretta da David Fincher nel 1995 ed interpretata da Brad Pitt, Morgan Freeman, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey. La pellicola, anche qualche volta  resa graficamente come Se7en, si è classificata al settimo posto delle pellicole che hanno incassato di più in quell’anno solare, forse anche il grande realismo di quella scena.

Capita spesso che gli attori si feriscano o rompano degli arti sul set causando forti ritardi nelle riprese, a volte girare un film può essere rischioso. Spesso gli attori utilizzano per le scene più pericolose degli stuntman (un’eccezione è ad esempio Tom Cruise), non era il caso di questa scena di Seven che appariva piuttosto innocua, ma capite che basta un niente per farsi male.

Luca Miglietta

Brad Pitt ferito in Seven ad un braccio

Fincher non credeva nel successo di Seven

Fincher non credeva nel successo di Seven

Fincher non credeva nel successo di Seven, ma il pubblico lo smentì

Fincher non credeva nel successo di SevenFincher non credeva nel successo di Seven, era convinto che il film non avrebbe avuto molta gloria e non avrebbe ottenuto grandi incassi al botteghino. Questo perchè non lo riteneva adatto al grande pubblico commerciale. Il regista fu sincero con Kevin Spacey e Brad Pitt, due dei principali attori che voleva ingaggiare per la pellicola e gli disse:

“Questo non è il film per il quale sarete ricordati, ma sarete orgogliosi di averlo fatto.”

Questa previsione però si rivelò sbagliata perchè Seven incassò 100 125 643 $ negli Stati Uniti e nel resto del mondo 227 186 216 $ , per un totale di 327 milioni di dollari, a fronte di un budget di 33 milioni di dollari. Nel nostro paese arrivò nelle sale durante il periodo natalizio e nella classifica delle pellicole più viste nella stagione cinematografica 1995-96 si classificò quarto.

Fincher non credeva nel successo di Seven 3David Fincher non credeva nel successo di Seven, un film che ha entusiasmato anche la critica

Seven è stato accolto positivamente anche dalla critica oltre che dal pubblico, sul sito Rotten Tomatoes ha ricevuto l’81% delle recensioni positive, su IMDb ad oggi ha una valutazione positiva di 8,6/10 e su Metacritic ha invece un punteggio di 65 su 100 basato su 22 recensioni

Gary Arnold, nel Washington Times ad esempio elogiò il cast della pellicola: “l’asso nella manica del film sono il fascino personale generato da Freeman come poliziotto maturo e cerebrale e Pitt come giovane poliziotto testardo. Sheila Johnston, nella sua recensione per The Independent, ha elogiato la performance di Morgan Freeman:” Il film appartiene a Freeman e al suo ritratto silenzioso e accuratamente dettagliato del vecchio uomo stanco che impara a non mollare. ” James Charisma ha scritto:” Il ritratto di Spacey è un perfetto equilibrio: John Doe è distaccato dagli omicidi commessi, ma deliberato e meticoloso nella sua esecuzione … Non emotivo ma compiaciuto, analitico, violento, paziente, impenetrabile.

L.M.

Fincher non credeva nel successo di Seven 2