Archivi tag: Jill Clayburgh

Joe Pesci morse un dito a Macaulay Culkin

Joe Pesci morse un dito a Macaulay Culkin

Quando Joe Pesci morse un dito a Macaulay Culkin, aveva anche adottato degli espedienti per creare un vero sentimento di paura nel piccolo attore di Mamma ho perso l’aereo

Joe Pesci morse un dito a Macaulay CulkinJoe Pesci morse un dito a Macaulay Culkin sul set di Mamma ho perso l’aereo. Per creare un sentimento di autentica paura in Macaulay Culkin, l’attore ha evitato di incontrarlo e familiarizzare con lui sul set. Joe Pesci si è però lasciato forse sfuggire la mano nella scena in cui appende il bambino a un attaccapanni e dice la battuta “gli strapperò a morsi questi ditini: uno alla volta!”. In questo frangente infatti l’attore, in un impeto di immedesimazione per rendere davvero realistica la scena, ha realmente morsicato un dito a Culkin, facendolo sanguinare.

Joe Pesci spesso dimenticava di star recitando in una commedia per famiglie e imprecava spesso sul set, ripetendo in continuazione la parola fuck. Il regista gli consigliò di sostituire quella parola con “frigde”, che in inglese significa frigo.

Joe Pesci morse un dito a Macaulay CulkinJoe Pesci morse un dito a Macaulay Culkin per essere più realistico in una scena

Non si tratta del primo attore che ha tentato di essere più realistico possibile in una pellicola, pensate a Robert De Niro che per prepararsi al ruolo di Jake LaMotta in Toro scatenato si è allenato duramente, ha partecipato a tre incontri di boxe e ne vinti due. Come se non bastasse Bob De Niro è ingrassato addirittura di 30 chili per interpretare Jake e questo aumento di peso gli causò anche dei problemi di salute. Christian Bale invece è dimagrito 27 chili per recitare in L’Uomo senza Sonno. Vincent D’Onofrio è ingrassato di 35 chili per il ruolo di Palla di Lardo in Full Metal Jacket.

Joe Pesci morse un dito a Macaulay CulkinMamma ho perso l’aereo (Home Alone) è un film del 1990 scritto e prodotto da John Hughes e diretto da Chris Columbus che racconta le avvenure del piccolo Kevin McCallister alle prese con i due ladri Harry Lime (Joe Pesci) e Marv Merchants (Daniel Stern). I due attori erano amici molto prima di recitare insieme nel film, avevano lavorato già insieme nel 1982 in I’m dancing as fast as I can di Jack Hofsiss e con Jill Clayburgh. Sul set della pellicola i due divennero amici e forse proprio per questo hanno tra di loro una chimica che funziona in Mamma, ho perso l’aereo.

L’idea del film venne a John Hughes durante uno dei viaggi con la famiglia in Europa nel 1989, aveva infatti pensato: “E se uno dei bambini fosse rimasto a casa accidentalmente?”. Due settimane dopo scrisse la sceneggiatura. Non è solo un luogo comune dire che viaggiare schiarisce le idee.

Luca Miglietta

La luna

Il celebre soprano Caterla luna Bernardo Bertolucci Jill Clayburghina Silveri dopo la morte del marito per un improvviso infarto, parte da Brooklin e si trasferisce a Roma col figlio adolescente Joe. Il ragazzo cade nel tunnel dell’eroina che gli viene procurata dall’amico marocchino Mustafa. La madre per cercare di salvarlo abbandona la musica classica e si occupa a tempo pieno di lui.

Il rapporto madre-figlio è il fulcro tematico del film: un rapporto violento, doloroso e morboso. Vengono introdotti tanti temi senza però svilupparne nessla luna 7 streaming Bernardo Bertolucci Jill Clayburghuno fino in fondo, come ad esempio quello della droga, che viene trattato in maniera semplicistica, quasi banale.
Brevi apparizioni di attori tra cui:Tomas Milian, Carlo Verdone e Roberto Benigni.
Film troppo lungo e molto lento, che risulta alla lunga soporifero.
All’epoca suscitò, non pochi dissensi, come spesso accadeva col cinema di Bertolucci.

Titolo originale: La luna

Lingua originale: Italiano/Inglese

Paese di produzione: Italia, USA

Anno:1979

Durata:142 min

Genere:drammatico

Regia:Bernardo Bertolucci

Attori: Jill Clayburgh, Matthew Barry,Tomas Milian, Roberto Benigni, Fred Gwynne, Elisabetta Campetti, Alida Valli, Mimmo Poli, Renato Salvatori, Jole Silvani, Laura Betti, Franco Citti, Veronica Lazar, Carlo Verdone, Ronaldo Bonacchi

Soggetto:Franco Arcalli, Bernardo Bertolucci, Giuseppe Bertolucci

Fotografia:Vittorio Storaro

Montaggio:Gabriella Cristiani

Musiche:Ennio Morricone

Scenografia:Maria Paola Maino, Gianni Silvestri