Archivi tag: Ford Edsel Pacer

La leggenda di Al, John e Jack

 La leggenda di Al, John e Jack

 

La leggenda di Al John e Jack Aldo, Giovanni e Giacomo recensione trama

Al, John e Jack sono tre gangster pasticcioni che vivono nella New York anni cinquanta. Un giorno per errore uccidono la zia del boss Sam Genovese. Dovranno così fuggire dall’ira del padrino. A peggiorare le cose per i tre killer ci sarà un’improvvisa amnesia di Al.

Aldo, Giovanni e Giacono i panni dei gangster li avevano già vestiti in “Tre uomini e una gamba“, dove interpretavano tre killer pasticcioni che tentavano di uccidere qualcuno molto simile a Kennedy.la leggenda di al john e jack streaming Aldo, Giovanni e Giacomo  recensione trama
Quarto film del trio composto da Aldo, Giovanni e Giacomo. E’ sicuramente inferiore ai primi tre (Tre uomini e una gamba, Così è la vita e Chiedimi se sono felice), ma risulta comunque divertente. Per trascorrere 105 minuti in allegria e spensieratezza.

La leggenda di Al, John e Jack di Aldo, Giovanni & Giacomo e da Massimo Venier curiosità, errori e bloopersTitolo originale: La leggenda di Al John e Jack

Paese:  Italia

Anno:  2002

Durata:  105 min

Genere:  commedia, gangster

Regia:  Aldo, Giovanni & Giacomo e Massimo Venier

Attori:  Aldo Baglio, Giacomo Poretti, Giovanni Storti, Aldo Maccione, Antonio Catania, Giovanni  Esposito, Ivano Marescotti, Paolo Dell’Orto, Marco Beretta, Giovanni Cacioppo, Silvana Fallisi, Enzo Castelluccio, Giorgio Centamore, Frank Crudele

Soggetto:  Aldo, Giovanni & Giacomo, Massimo Venier, Paolo Cananzi e Walter Fontana

Sceneggiatura:  Aldo, Giovanni & Giacomo, Massimo Venier, Paolo Cananzi e Walter Fontana

Fotografia:  Arnaldo Catinari

Montaggio:  Claudio Cormio

Effetti:  speciali Neil Ruddy

Musiche:  Andrea Guerra

Scenografia: Gian Maria Cau, Eleonora Ponzoni e Dina Varano

Citazioni e dialoghi: La leggenda di Al John e Jack (Frasi e citazioni)

Curiosità presenti nel film:

La leggenda di Al, John e Jack è uscito per la prima volta nelle sale italiane il 13 Dicembre 2002.

Le riprese de La leggenda di Al, John e Jack si sono svolte in USA.

Anche nella realtà è esistito un uomo che perdeva quotidianamente la memoria: si chiamava Henry Gustav Molaison ed è rimasto celebre nel mondo della neurologia come il “caso H.M.”, uno dei più importanti casi clinici della storia.

Il film proiettato al drive in è La donna che visse due volte di Alfred Hitchcock.

Quando John dice ai suoi amici che ha intenzione di costituirsi, Al cita The Dark Side of the Moon, famoso album dei Pink Floyd. Nel periodo in cui è ambientato il film, la band non si era ancora formata.

John dice ad Al di chiamarsi Johnny Gresko, come il calciatore slovacco Vratislav Gresko, all’epoca in forza all’Inter, squadra della quale i tre sono tifosi.

Tutte le volte che chiedono ad Al il suo nome se lo scorda e lui dice ogni volta di chiamarsi Niccolò Carosio, come il celebre giornalista e cronista radiotelevisivo italiano.

Nella scena de La leggenda di Al, John e Jack in cui un cronista annuncia la scomparsa di Al, sullo sfondo vi è una mappa del mondo con l’Europa al centro pur essendo negli Stati Uniti, dove nelle cartine vi è quasi sempre l’America al centro.

Il cameriere che porta la cena a Genovese, è lo stesso attore ucciso da Jack all’inizio del film Tre uomini e una gamba e all’inizio di Così è la vita.

in La leggenda di Al, John e Jack, Al ha la “sindrome di Quaggot”: nelle scene iniziali di Chiedimi se sono felice quando Aldo parla delle loro occupazioni compare Giacomo che doppia un tale Mr. Quaggot.

Nella scena del bar John e Jack, consultano l’agenda dove è annotato che, alle 16, devono far saltare in aria la tintoria dei Jefferson. E’ un chiaro riferimento a I Jefferson, famoso telefilm degli anni Ottanta nel quale alcuni personaggi sono proprietari di una tintoria.

L’automobile dei tre protagonisti è una Ford Edsel Pacer del 1958, considerata il più grande flop in assoluto della storia dell’automobile.

Errori e bloopers presenti in La leggenda di Al, John e Jack:

Il giocatore di baseball Roy Campanella viene erroneamente citato due volte con il nome Tony. Dal telegiornale si scopre che l’atleta dei Los Angeles Dodgers è infortunato: in realtà, Campanella chiuse la carriera nel 1958 in seguito a un incidente stradale, proprio un anno prima rispetto all’ambientazione del film. La squadra dei Dodgers, inoltre, si trasferì da Brooklyn a Los Angeles prima del 1958.

Alla fine del film quando Johnny “Il Bello” Gresko sale sul ring per soccorrere Al tiene l’asciugamano con la mano ma nell’inquadratura successiva invece ce l’ha sulle spalle!

Colonna sonora: La leggenda di Al, John e Jack (2002) – Soundtracks – IMDb

Trailer: La leggenda di Al; John e JackLa leggenda di Al, John e Jack di Aldo, Giovanni & Giacomo e da Massimo Venier streaming. curiosità, errori e bloopers