Archivi tag: fisco

Johnny Depp: “Non picchio chi amo”

Johnny Depp: “Non picchio chi amo”

Johnny Depp: “Non picchio chi amo, Hollywood è un vile circo”

Johnny Depp: "Non picchio chi amo"“Non picchio chi amo”. Johnny Depp, diventato ormai la pecora nera di Hollywood va al contrattacco e respinge le accuse di violenza domestica avanzate dall’ex moglie Amber Heard puntando il dito contro il sistema dello show business.

L’attore cinquantacinquenne ha rotto il silenzio in una lunga intervista concessa a GQ British, che lo ha raggiunto nella sua villa nel sud della Francia. L’attore ripercorre le vicende che lo hanno portato al divorzio nel 2016 dall’attrice Amber Heard, dopo soli 15 mesi di matrimonio turbolento.

Il matrimonio tra i due attori non era rose e fiori, una serie di liti culminate in una registrata in un video finito sul web, in cui la star dei I pirati dei Caraibi dà in escandescenze nella villa della coppia in California, dopo essersi accorto che la moglie stava riprendendo la scena con il cellulare. Lei ha accusato Depp di averla addirittura colpita proprio con il telefono, diffondendo poi delle foto in cui aveva un occhio livido. Ecco la versione dell’attore:

Fa male. La cosa che mi fa più male è essere presentato come qualcosa lontanissimo da me. Far male a qualcuno che ami? No, non potevo essere io. È andata ad una festa il giorno dopo. Il suo occhio non era chiuso. Lo copriva con i capelli, ma si vedeva chiaramente che non era chiuso. Ero a oltre 7 metri da lei, come potevo averla colpita? Sono certo che non sia stato facile andare a scuola per mio figlio di 14 anni, capisci? Con la gente che gli fa: ‘Ehi, guarda questa rivista. Tuo padre picchia le donne?’ Perché ha dovuto vivere tutto questo? Perché è dovuta passarci mia figlia?

Johnny Depp: "Non picchio chi amo"Johnny Depp: “Non picchio chi amo”, va al contrattacco e respinge le accuse di violenza domestica avanzate dall’ex moglie Amber Heard. “Io so la verità e se dovessi lasciare tutto oggi, il lavoro, la carriera, tutto, se dovessi sparire, va bene così”

Johnny Depp è aggi alle prese anche con problemi finanziari, nonostante abbia guadagnato circa 650 milioni di dollari nella sua carriera a causa delle sue spese pazze e stravaganti. Tra i tanti vizi costosi uno yacht di 45 metri pagato 18 milioni di dollari e 30 mila dollari al mese solo per bottiglie di vino pregiato.

Come se non bastasse c’è poi il pagamento ritardato di 8,3 milioni di dollari di interessi sulle imposte del quale l’attore ritiene colpevole The Management Group, la società che per anni ha curato i suoi interessi e alla quale ha fatto causa sostenendo che lo abbia frodato.

In ogni caso Johnny Depp ha le idee chiare, non ha dubbi nell’indicare il colpevole del delle sue sfortune e del conseguente deterioramento della sua immagine pubblica: è quello che definisce il vile fottuto circo di Hollywood.

Ha forse fermato tutti i mercanti di Hollywood che volevano farmi chiudere la bocca? C’era in ballo un bel po’ di soldi. Le persone mi hanno denunciato ogni volta che ne hanno avuto l’opportunità, è così ovvio. Io so la verità e se dovessi lasciare tutto oggi, il lavoro, la carriera, tutto, se dovessi sparire, va bene così.

Il matrimonio e le vicende che hanno causato la rottura tra Amber Heard e Johnny Depp si sono chiuse con un accordo tra i due. Johnny Depp, nonostante le presunte violenze, ha continuato a far film e la sua carriera non è stata bloccata dal movimento #MeToo, a differenza di altri attori, e registi.

L.M.

Johnny Depp: "Non picchio chi amo"

Fan Bingbing accusata d’evasione fiscale

Fan Bingbing accusata d’evasione fiscale

Fan Bingbing accusata d’evasione fiscale, l’attrice cinese di X-Men è irreperibile dal 1 luglio

Fan Bingbing accusata d'evasione fiscaleFan Bingbing accusata d’evasione fiscale. L’attrice, protagonista di blockbuster come X-Men è caduta nelle maglie del fisco cinese, ed è irreperibile dal primo luglio. Fan Bingbing (范冰冰) è stata raggiunta da una ingiunzione per il pagamento di tasse evase e relative sanzioni del valore di centinaia di milioni di yuan.

La notizia è stata riportata dall’agenzia Nuova Cina: in base a quanto riferito dalle autorità fiscali dopo il completamento di un’apposita indagine, a conferma delle indiscrezioni di stampa sulla sorte della popolarissima stella del cinema cinese.

La somma di 129 milioni di dollari è una multa da record per per una delle stelle la stelle più importanti della Cina. Alcuni ritengono che sia un messaggio a tutto il resto del cinema cinese: da ora in poi le autorità non guarderanno in faccia a nessuno.

Fan Bingbing accusata d’evasione fiscale e si scusa su Weibo

Fan Bingbing è nata a Tsingtao (青岛市) il 16 settembre 1981 e ad oggi è forse l’attrice più conosciuta della Cina. Gli ispettori le hanno presentato una cartella esattoriale da 42 milioni di dollari in imposte non versate, a cui si aggiungono quasi 87 milioni di sanzioni.

Lei  ha accolta la multa sul suo profilo Weibo, il Twitter cinese:

Mi vergogno per il mio comportamento e chiedo scusa a tutti, senza le buone politiche del Partito e dello Stato, senza l’amore del popolo, non ci sarebbe Fan Bingbing.

Una multa di questo tipo non sarà facile da pagare, neanche per una attrice di questa caratura internazionale. Lei è nota al pubblico mondiale per i suoi ruoli da protagonista in blockbuster come X-Men, dove ha interpretato il personaggio di Blink nel settimo capitolo della saga intitolato Giorni di un futuro passato e Iron Man 3.

Bingbing ha però detto che supererà tutte le difficoltà er saldare il dovuto, ma la punizione e la pubblica autocritica sono soprattutto un successo per le autorità comuniste e la loro stretta sul mondo del cinema. Subito dopo la denuncia online dei doppi contratti il governo ha approvato delle norme che limitano il compenso delle superstar al 40% dei costi di produzione dei film, accusando il cinema di “distorcere i valori sociali, promuovendo una tendenza a venerare il denaro”. Ora le star del cinema cinese sono avvertite, se addirittura Fan Bingbing arriva a umiliarsi pubblicamente, nessuno potrà sentirsi al sicuro in futuro.

L.M.