Archivi tag: Fincher non credeva nel successo di Seven

Fincher non credeva nel successo di Seven

Fincher non credeva nel successo di Seven

Fincher non credeva nel successo di Seven, ma il pubblico lo smentì

Fincher non credeva nel successo di SevenFincher non credeva nel successo di Seven, era convinto che il film non avrebbe avuto molta gloria e non avrebbe ottenuto grandi incassi al botteghino. Questo perchè non lo riteneva adatto al grande pubblico commerciale. Il regista fu sincero con Kevin Spacey e Brad Pitt, due dei principali attori che voleva ingaggiare per la pellicola e gli disse:

“Questo non è il film per il quale sarete ricordati, ma sarete orgogliosi di averlo fatto.”

Questa previsione però si rivelò sbagliata perchè Seven incassò 100 125 643 $ negli Stati Uniti e nel resto del mondo 227 186 216 $ , per un totale di 327 milioni di dollari, a fronte di un budget di 33 milioni di dollari. Nel nostro paese arrivò nelle sale durante il periodo natalizio e nella classifica delle pellicole più viste nella stagione cinematografica 1995-96 si classificò quarto.

Fincher non credeva nel successo di Seven 3David Fincher non credeva nel successo di Seven, un film che ha entusiasmato anche la critica

Seven è stato accolto positivamente anche dalla critica oltre che dal pubblico, sul sito Rotten Tomatoes ha ricevuto l’81% delle recensioni positive, su IMDb ad oggi ha una valutazione positiva di 8,6/10 e su Metacritic ha invece un punteggio di 65 su 100 basato su 22 recensioni

Gary Arnold, nel Washington Times ad esempio elogiò il cast della pellicola: “l’asso nella manica del film sono il fascino personale generato da Freeman come poliziotto maturo e cerebrale e Pitt come giovane poliziotto testardo. Sheila Johnston, nella sua recensione per The Independent, ha elogiato la performance di Morgan Freeman:” Il film appartiene a Freeman e al suo ritratto silenzioso e accuratamente dettagliato del vecchio uomo stanco che impara a non mollare. ” James Charisma ha scritto:” Il ritratto di Spacey è un perfetto equilibrio: John Doe è distaccato dagli omicidi commessi, ma deliberato e meticoloso nella sua esecuzione … Non emotivo ma compiaciuto, analitico, violento, paziente, impenetrabile.

L.M.

Fincher non credeva nel successo di Seven 2