Archivi tag: David Bowie

Peter Jackson accusa Weinstein

Peter Jackson accusa Weinstein

Peter Jackson accusa Weinstein: “mi fecero scartare Ashley Judd e Mira Sorvino dal Signore degli Anelli”

Peter Jackson accusa Weinstein

Peter Jackson accusa Weinstein, il regista ha spiegato che i commenti di Bob e Harvey Weinstein lo avevano spinto a eliminare le due attrici dalla lista delle potenziali interpreti.

Peter Jackson ha parlato per la prima volta a Stuff del caso Weinstein raccontando che il produttore e il fratello Bob lo convinsero a rimuovere il nome di Ashley Judd e Mira Sorvino dalla casting list che aveva preparato per Il Signore degli Anelli. Ashley Judd e Mira Sorvino fanno parte delle 90 donne che hanno accusato Harvey Weinstein di molestie sessuali e minacce.                          Peter Jackson accusa Weinstein

Era il 1998 e Peter Jackson stava proponendo alla Miramax di Bob e Harvey Weinstein la sua idea per un adattamento del romanzo di J.R.R. Tolkien. Il regista però si sentì dire dai due fratelli che non era il caso che lavorasse con le due attrici:

ricordo che la Miramax ci disse che lavorare con loro due era un inferno, e che avremmo dovuto evitarle a tutti i costi. Era probabilmente il 1998. All’epoca non avevamo alcun motivo per dubitare ciò che ci veniva detto da loro, ma se ci ripenso oggi mi rendo conto che probabilmente si trattava di fango gettato dalla Miramax. Sospetto che ci siano state date false informazioni su queste due attrici di talento, e come risultato immediato noi rimuovemmo i loro nomi dalla nostra lista.

Jackson racconta che Harvey Weinstein ottenne un credito da produttore esecutivo per Il Signore degli Anelli, ma unicamente per motivi contrattuali. La Miramax però tentò di far deragliare il progetto quando si rese conto che Jackson non aveva intenzione di condensare il suo progetto di due film (in origine erano due) in uno solo.

Peter Jackson ha dichiarato di non aver avuto né esperienza diretta, né conoscenza delle accuse di molestie sessuali mosse nei confronti di Harvey Weinstein e che la sua decisione di non avere più a che fare con lui fu unicamente professionale:

la mia esperienza, all’epoca in cui la Miramax controllava Il Signore degli Anelli, era che i Fratelli Weinstein si comportavano come bulletti mafiosi di second’ordine. Non erano il tipo di persone con cui volevo lavorare e così non ci ho mai più lavorato.

Harvey Weinstein intimò a Jackson e alla sua compagna Fran Walsh di trovare un nuovo studio per produrre il loro film, e fortunatamente così accadde: la New Line addirittura propose di trasformarlo in una trilogia.

Fare film è molto più divertente quando lavori con brava gente. Ricordo vagamente di averlo incontrato durante qualche premiazione o première all’epoca in cui uscirono i film, ma sono vent’anni che non interagisco più con Harvey Weinstein.

Attraverso un portavoce, Harvey Weinstein ha negato tutte le affermazioni di Jackson, spiegando che entrambe le donne sono state poi prese in considerazione per altri progetti della Miramax:                                     Peter Jackson accusa Weinstein

Mr. Weinstein ha il massimo rispetto per Peter Jackson. Tuttavia, Jackson ricorderà probabilmente che siccome la Disney non volle finanziare Il Signore degli Anelli, la Miramax perse il progetto e alla fine il casting venne fatto insieme alla New Line.

Però a questo comunicato Peter Jackson ha risposto con una lunga e dettagliata dichiarazione densa di particolari:

Ci sono aspetti della smentita di Harvey che non sono sinceri. In pratica sostiene che questa lista nera non può essere vera perché fu la New Line a fare il casting del film. Ma è una distorsione della realtà. Nei 18 mesi in cui abbiamo sviluppato Il Signore degli Anelli presso la Miramax, abbiamo parlato spesso di casting con Harvey e Bob Weinstein e i loro dirigenti.                             Peter Jackson accusa Weinstein

In quel periodo, nessun’offerta venne fatta agli attori perché questo avviene dopo che un film riceve il via libera e la Miramax non diede mai il via libera a questi film.

Tuttavia vi furono internamente molte discussioni su un potenziale cast. Fran Walsh e io ricordiamo di aver discusso con la Miramax nomi come quelli di Morgan Freeman, Paul Scofield, David Bowie, Liam Neeson, Natascha McElhone, Claire Forlani, Francesca Annis, Max von Sydow, e Daniel Day Lewis. Tra essi, io e Fran esprimemmo entusiasmo verso Ashley Judd e Mira Sorvino. Peraltro incontrammo Ashley e discutemmo con lei di due possibili ruoli. Dopo quell’incontro i dirigenti della Miramax ci dissero di stare lontani da Ashley e Mira, perché avevano avuto “esperienze pessime” con queste particolari attrici in passato.                                               Peter Jackson accusa Weinstein

Fran Walsh aveva partecipato alle stesse riunioni, e ricorda questi commenti negativi su Ashley e Mira come li ricordo io. Non c’è alcun motivo di inventarseli.

Commenti come questi sono frequenti  possono succedere con ogni studio e ogni film, quando si fanno nomi di attori diversi durante le riunioni,  ma una volta che senti un commento negativo su qualcuno non te lo dimentichi.

Non eravamo nella posizione di offrire ad Ashley o Mira un ruolo nei film, ma tentammo di aggiungere i loro nomi su una lista quando iniziò il casting. Ogni ruolo può avere parecchi attori in lizza per eventuali audizioni e incontri.

Nel rapporto registi / studio bisogna essere d’accordo sulle scelte di casting  ogni parte può esprimere dei veti o suggerire dei nomi per vari motivi, e prima dell’inizio delle riprese del Signore degli Anelli non avevamo il potere per andare sopra alle scelte dello studio sul cast.                                                Peter Jackson accusa Weinstein

I film passarono dalle mani della Miramax a quelle della New Line prima che partisse il casting  ma siccome ci avevano sconsigliato Ashley e Mira, e noi eravamo abbastanza ingenui da dare per scontato che ci fosse stata detta la verità, decidemmo di non proporre i loro nomi alla New Line.                       Peter Jackson accusa Weinstein

Quasi vent’anni dopo abbiamo letto delle accuse di molestie sessuali fatte contro Harvey Weinstein, e abbiamo visto i commenti di Mira e Ashley sul fatto che pensavano di essere state emarginate e ostacolate dalla Miramax dopo aver rifiutato le avance di Harvey. Fran e io ci siamo ricordati subito della reazione negativa della Miramax quando proponemmo i loro nomi, e ci siamo chiesti se involontariamente ci siamo trovati a danneggiare le loro carriere per mano della Miramax.                          Peter Jackson accusa Weinstein

Non abbiamo prove dirette dei collegamenti tra le accuse di Ashley e Mira e il casting del Signore degli Anelli avvenuto 20 anni fa ma ribadiamo ciò che ci venne detto dalla Miramax all’epoca, e lo riportiamo nel dettaglio.

Se siamo stati involontari complici del danneggiamento delle loro carriere, Fran e io desideriamo scusarci con Ashley e Mira.

Le due attrici su Twitter hanno commentato le dichiarazioni ringraziando Jackson della sua onestà.Peter Jackson accusa Weinstein

Peter Jackson accusa Weinstein

 

 

 

Ricordiamo che Harvey Weinstein è stato licenziato dalla The Weinstein Company, espulso dall’Academy e dalle Guild a cui era iscritto, e ora dovrà affrontare una serie di azioni civili in Gran Bretagna per le accuse di molestie.

L.M.

 

David Bowie nell’immagine logo del Tff

David Bowie nell’immagine logo del Tff

David Bowie nell’immagine logo del Tff, che si terrà a Torino dal 18 al 26 novembre

David Bowie nell'immagine logo del TffDavid Bowie nell’immagine logo del Tff. Nell’immagine guida del 34/o Torino Film Festival, traviamo David Bowie, icona della musica e della cultura contemporanea morto quest’anno.

La decisione è stata resa nota dai vertici della manifestazione cinematografica in programma dal 18 al 26 novembre a Torino. David Bowie oltre che straordinario musicista è stato attore cinematografico e teatrale, pittore. David Bowie ha dato moltissimo al cinema perchè è apparso in oltre 15 film, in alcuni casi da protagonista, in altri con semplici cammei.

Tra i tanti film in cui è comparso David possiamo ricordare: 2006, The Prestige; 2001, Zoolander; 1996, Basquiat; 1992, Fuoco Cammina con me; 1988, L’ultima tentazione di Cristo; 1986, Labyrinth – Dove tutto è possibile; 1983, Miriam si sveglia a mezzanotte; 1982, Furyo; 1981, Christiane F. noi i ragazzi dello zoo di Berlino; 1976, L’uomo che cadde sulla Terra.

L’immagine scelta dal Tff è tratta da uno di questi film: una scena di Absolute Beginners, diretto da Julien Temple nel 1986. L’immagine è stata rielaborata dall’agenzia creativa Independent Ideas.

Resi noti anche alcuni dei film in programma al prossimo Tff, di età diversissime tra loro: dai film usciti nel 2016, Sully di Clint Eastwood, Abosolutely Fabulous: The Movie di Mandie Fletcher, La felicità umana di Maurizio Zaccaro a Intolerance di Griffith, del 1916 e di cui vi avevamo parlato la settimana scorsa in questo articolo: link.

Luca Miglietta

A Torino prima mostra dedicata a Gus Van Sant a partire dal 6 ottobre

A Torino prima mostra dedicata a Gus Van Sant

A Torino prima mostra dedicata a Gus Van Sant, viaggio nel mondo del regista a partire dal 6 ottobre

A Torino prima mostra dedicata a Gus Van SantA Torino prima mostra dedicata a Gus Van Sant. Quello che propone il Museo Nazionale del Cinema di Torino, dal 6 ottobre al 9 gennaio è un viaggio nell’universo di uno dei più interessanti e innovativi registi della scena indipendente contemporanea.

La prima mostra dedicata al lavoro di Gus Van Sant è coprodotta dal Museo Nazionale del Cinema con la Cinémathèque francaise di Parigi e la Cinémathèque de Lausanne. La mostra è reduce del successo della prima parigina ed è curata da Matthieu Orléan. Presenta collaborazioni originali con artisti come William Eggleston, Bruce Weber, M Blash e David Bowie e una retrospettiva dei film del regista.

Tra le opere troviamo dei giovanissimi Keanu Reeves, Nicole Kidman, Matt Damon catturati da polaroid che li fissano in un’eterna giovinezza, dipinti e acquerelli che ritraggono volti sconosciuti e paesaggi onirici, video e colonne sonore in cui la musica è la cassa di risonanza dei percorsi interiori dei suoi personaggi, immagini e sequenze entrate ormai nella storia del cinema.

Lou Reed

Lou Reed

Lou Reed, Perfect DayLou Reed è stato una leggenda della musica rock, sicuramente passerà alla storia come cantante, poeta e musicista, ma ha recitato pure in alcune pellicole.
Era entrato nell’olimpo della musica alla fine degli anni sessanta, quando con il polistrumentista John Cale aveva fondato i Velvet Underground; ai due si erano poi aggiunti Sterling Morrison al basso e alla chitarra e Maureen Tucker, alla batteria.
I Velvet Underground entrarono presto sotto l’ala protettrice dell’artista della pop art Andy Warhol, che fu promotore e finanziatore del primo album del gruppo, The Velvet Underground & Nico, nonché disegnatore della stressa copertina, che ritrae una fallica banana. In questo album si possono trovare autentici capolavori come Sunday Morning, I’m Waiting for the Man, Femme Fatale, Venus in Furs, Run Run Run, All Tomorrow’s Parties, Heroin, There She Goes Again, I’ll Be Your Mirror, The Black Angel’s Death Song e European Son.Lou Reed and Andy Warhol
Lou Reed con i Velvet Underground inciderà ancora tre album: White Light/White Heat, uscito il 30 gennaio 1968, The Velvet Underground, uscito nel Marzo 1969 e in infine nel settembre del 1970 venne pubblicato Loaded, che contiene canzoni destinate a durare nel tempo come Rock ‘n’ Roll e Sweet Jane.
Nel 1972 abbandonerà la band e pubblicherà un LP con il suo nome, che però ebbe scarso successo. In soccorso di Lou arrivò David Bowie, che gli produsse il secondo album, Transformer, che divenne presto un successo mondiale grazie a brani come: Satellite Of Love, Walk on the Wild Side, Vicious e Perfect Day, che venne poi utilizzata nella colonna sonora del film di Danny Boyle Trainspotting.
Ma la metà degli anni settanta peThe Velvet Underground & Nico, Banana Andy Warhol Lou Reedr Lou sono anche quelli dell’abuso di droga, dalla metedrina alle anfetamine, che incideranno molto sull’artista e sulla persona.
La produzione di Reed continua a fasi alterne negli anni 80 e 90, periodo nel quale possiamo ricordare Songs for Drella, un concept album di Lou Reed e John Cale, uscito l’11 aprile 1990 per la Sire Records. Questo album è dedicato alla memoria del loro amico e artista Andy Warhol, che era da poco scomparso dopo un’operazione chirurgica alla cistifellea. La parola Drella presente nel titolo dell’opera era uno dei soprannomi di Andy Warhol,  un incrocio tra Dracula e Cinderella, e che rappresentava la metaforica unione dei lati opposti del carattere dell’artista.
Nell’aprile 2008 Lou Reed si sposa in Colorado con la compagnLou Reed and Laurie Andersona Laurie Anderson e, nello stesso anno, Reed è stato inserito al 62esimo posto nella lista dei 100 migliori cantanti secondo Rolling Stone.
Il suo ultimo album, Lulu, in collaborazione con i Metallica, è uscito nell’ottobre 2011.
Il 27 ottobre 2013 muore nella sua amata New York a Long Island, le cause della morte di Lou Reed non sono conosciute, ma solo nel maggio di quell’anno aveva subito un trapianto di fegato.

Flippaut, Get Crazy streaming Lou Reed 1983Ora, dopo aver preso in esame la carriera di Lou Reed dal punto di vista musicale come era doveroso fare vista la sua straordinaria carriera, concentriamoci su quello che più interessa ad un lettore di un blog dedicato al cinema: le apparizioni dell’artista newyorkese nel mondo della celluloide.
Sono diverse le sue apparizioni in sala, il suo esordio da attore avvenne nel 1980, con il film One Trick Pony di Robert M. Young, seguito nel 1983 da Get Crazy di Allan Arkush, in Italia uscito con il titolo Flippaut.
Nel 1988 interpreta se stesso nel film Permanent Record di Marisa Silver, cosa che rifarà nel 1993 in Così lontano, così vicino! di  Wim Wenders.
Nel 1995 veste i panni dell’uomo con occhiali strani in Blue in the Face di Paul Auster, Wayne Wang e Harvey Wang.
Nel 1998 interpreta Not Lou Reed in Lulu on the Bridge di Paul Auster.
Torna a vestire I panni di se stesso nel 2001 in Prozac Nation di Erik Skjoldbjaerg, dove fa un cameo.Così lontano, così vicino!, In weiter Ferne, so nah!, Faraway, So Close! streaming Lou Reed
Nel 2008 esce Berlin: Live at St. Ann’s Warehouse concept film diretto da Julian Schnabel.
Sempre nel 2008 interpreta la parte di se stesso in Palermo Shooting di Wim Wenders.
Nel 2009 e nell’anno successivo darà la voce a Maltazard in Arthur e la vendetta di Maltazard e in Arthur e la guerra dei due mondi.

Blue in the Face streaming Lou ReedNon si riduce però solo a questo il contributo dato da Lou Reed al cinema, perché le sue indimenticabili canzoni sono state usate all’interno di moltissimi film. Ecco un elenco con alcune delle colonne sonore più famose, alcune composte ai tempi dei Velvet Underground, altre da solista:

2012 Flight (Sweet Jane scritta da Lou Reed, ma questa volta cantata dai Cowboy Junkies)

2012 Le streghe di Salem (Venus in Furs, All Tomorrow’s Parties, The Velvet Underground)

2012 Cogan – Killing Them Softly (Heroin, Wrap Your Troubles In Dreams, The Velvet Underground)

2012 Lawless (White Light/White Heat cover dei Velvet Underground fatta da Ralph Stanley)

2012 Men in Black 3 (I’m Waiting for the Man, The Velvet Underground)

2010 Parto col folle (Sweet Jane scritta da Lou Reed, ma questa volta cantata dai Cowboy Junkies)

2009 Benvenuti a Zombieland (Oh! Sweet Nuthin, The Velvet Underground)

2009 Suck (Oh! Sweet Nuthin, The Velvet Underground)

2009 Bandslam – High School Band (Femme Fatale, The Velvet Underground & Nico)

2009 American Life (Oh! Sweet Nuthin, The Velvet Underground)

2009 Adventureland (Here She Comes Now, Pale Blue Eyes, The Velvet Underground, Satellite of Love di Lou Reed)

2008 RocknRolla (The Gun)

2008 Palermo Shooting (Some Kinda Love, The Velvet Underground)

2008 Fa la cosa sbagliata (Can I Kick It?)

2007 Juno (I’m Sticking with You, The Velvet Underground)

2007 Lo scafandro e la farfalla (Pale Blue Eyes, The Velvet Underground)

2007 Control ( What Goes On, The Velvet Underground)

2006 Guida per riconoscere i tuoi santi (Rock & Roll)

2005 V per Vendetta (I Found a Reason scritta da Lou Reed ma cantata da Cat Power)

2005 Brick – Dose mortale (Sister Ray scritta da Lou Reeed)

2004 Blade: Trinity (Fatale e Venus in Furs scritte da Lou Reed)

2003 School of Rock (Ride Into The Sun, The Velvet Underground)

2003 Wonderland – Massacro a Hollywood (Satellite of Love)

2001 I Tenenbaum (Stephanie Says, The Velvet Underground)

2001 Prozac Nation (Sweet Jane, Perfect Day)

2001 Hedwig – La diva con qualcosa in più (Walk on the Wild Side scritta da Lou Reed)

2001 Victoria Died in 1901 and Is Still Alive Today (TV Movie documentary) (Venus in Furs, White Light/White Heat, Heroin, The Velvet Underground)

2000 Quasi famosi (I’m Waiting for the Man, The Velvet Underground)

2000 Alta fedeltà (Who Loves The Sun, Oh! Sweet Nuthin, The Velvet Underground )

2000 The Million Dollar Hotel (Satellite of Love scritta da Lou Reed)

1998 B. Monkey – una donna da salvare (Sweet Jane, scritta da Lou Reed)

1998 Radiofreccia (Vicious)

1998 Velvet Goldmine (Satellite of Love)

1997 Mad City – Assalto alla notizia (Is Anybody Listening?, scritta da Lou Reed)

1996 Il rompiscatole (Satellite of Love, Oh Sweet Nuthin’scritte da Lou Reed e cantate da Porno for Pyros e Ten Thousand Dollar Gold Chain)

1996 Trainspotting (Perfect Day)

1996 Beautiful Girls (Walk on the Wild Side, scritta da Lou Reed)

1995 Nico Icon (Documentario) (All Tomorrow’s Parties, Femme Fatale, I’ll Be Your Mirror, I’m Waiting for the Man ,Venus in Furs, The Velvet Underground)

1994 Assassini nati – Natural Born Killers (Sweet Jane scritta da Lou Reed, ma questa volta cantata dai Cowboy Junkies)

1993 Così lontano, così vicino! (Berlin, Why Can’t I Be Good)

1991 Fino alla fine del mondo (What’s Good)

1991 The Doors (Heroin, Venus In Furs, The Velvet Underground)

1989 Verdetto finale (Busload of Faith)

1985 Il sole a mezzanotte (My Love Is Chemical)

Luca Miglietta

The Velvet Underground & Nico

Il vero nome delle star di Hollywood

hollywood star Il vero nome delle star di HollywoodSe vi state chiedendo qual è il vero nome delle star di Hollywood, questo è l’articolo che fa per voi. Vi leggerete un lungo elenco di attori con il nome d’arte affiancato a quello con il quale sono nati.
Devo ammettere che certa gente ha fatto veramente bene a cambiare nome.
Ora non vi resta che leggervi come si sarebbero dovuti chiamare e farvi due risate. Avrebbero avuto lo stesso successo, se non si fossero scelti uno pseudonimo?

Alan Alda: Alphonso Joseph d’Abruzzo

Albert Brooks: Albert Lawrence EinsteinAl Pacino. Al Pacino: Alfredo James Pacino. Il vero nome delle star di Hollywood

Al Pacino: Alfredo James Pacino

Angelina Jolie: Angelina Jolie Voight

Anne Bancroft: Anna Maria Louisa Italiano

Antonio Banderas: José Antonio Dominguez Bandera

Ben Kingsley: Krishna Bnanjiangelina jolie. Angelina Jolie: Angelina Jolie Voight. Il vero nome delle star di Hollywood

Bo Derek: Mary Cathleen Collins

Boris Karloff: William Henry Pratt

Brad Pitt: William Bradley Pitt

Bruce Lee. Lee Yuen Kam

Bruce Willis: Walter Willison

Cary Grant: Archibald Alexander Leach

Charles Bronson: Charles BuchinskyBrad Pitt: William Bradley Pitt. Il vero nome delle star di Hollywood . Fight Club streaming

Charlie Sheen: Carlos Irwin Estevez

Cher: Cherilyn Sarkisian

Chico Marx: Leonard Marx

Christian Slater: Christian Michael Leonard HawkinsChristian Slater: Christian Michael Leonard Hawkins. Il vero nome delle star di Hollywood . una vita al massimo streaming christian slater patricia arquette

Chuck Norris: Carlos Ray

Danny DeVito: Daniel Michael DeVito, Jr.

David Bowie: David Robert Jones

Demi Moore: Demetria Gene Guynes

Diane Keaton: Diane HallCary Grant. Gary Grant: Archibald Alexander Leach. Il vero nome delle star di Hollywood

Dirk Bogarde: Derek Jules Gaspard Ulric Niven van den Bogaerde

Doris Day: Doris von Kappelhoff

Douglas Fairbanks Jr.: Douglas Elton Ulman Jr

Eric Bana: Eric Banadinovi

Fred Astaire: Frederick Austerlitz

Gene Hackman: Eugene Alden Hackman

Ginger Rogers: Virginia Catherine McMath

Groucho Marx: Julius MarxHulk Hogan. Hulk Hogan: Terry Jene Bollea. Il vero nome delle star di Hollywood

Gummo Marx: Milton Marx

Harpo Marx: Adolph Marx

Hulk Hogan: Terry Jene Bollea

Jack Palance: Volodymyr Jack Palahniuk

Jane Seymour: Joyce Penelope Wilhelmina Frankenberg

Jean-Claude Van Damme: Jean-Claude Camille François Van VarenbJohn Wayne. John Wayne: Marion Michael Morrison. Il vero nome delle star di Hollywooderg

Jennifer Aniston: Jennifer Annasstakis

Joan Crawford: Lucille LeSueur

John Wayne: Marion Michael Morrison

Judy Garland: Frances Gumm

Kirk Douglas: Issur Danielovitch Demsky

Lauren Bacall: Betty Joan Perske

Madonna: Madonna Louise Veronica CicconeNatalie Portman. Natalie Portman: Natalie Hershlag. Il vero nome delle star di Hollywood

Mel Brooks: Melvin Kaminsky

Meg Ryan: Margaret Mary Emily Anne Hyra

Michael Caine: Maurice Joseph Micklewhite

Michael Keaton: Michael Douglas

Mickey Rooney: Joe Yule Jr

Natalie Portman: Natalie HershlagTom Cruise: Thomas Cruise Mapother IV. Jack Reacher - la prova decisiva streaming Tom Cruise. Il vero nome delle star di Hollywood

Nicolas Cage: Nicholas Kim Coppola

Omar Sharif: Michel Demitri Shalhoub

Rita Hayworth: Margarita Carmen Cansino

Rock Hudson: Roy Sherer, Jr.

Sophia Loren: Sofia Villani ScicoloneVin Diesel: Mark Vincent. Fast & Furious 6 streaming  Vin Diesel. Il vero nome delle star di Hollywood

Stan Laurel: Arthur Stanley Jefferson

Tom Cruise: Thomas Cruise Mapother IV

Tony Bennet: Antonio Dominic Benedetto

Tony Curds: Bernard Schwartz

Vin Diesel: Mark VincentWinona Ryder: Winona Horowitz. Tutti i numeri del sesso streaming Winona Ryder. Il vero nome delle star di Hollywood

Walter Matthau: Walter John Matthow (Matuschanskayasky)

Will Smith: Willard Christopher Smith Jr.

Winona Ryder: Winona Horowitz

Woody Allen: Allen Stewart Konigsberg

Whoopie Goldberg: Caryn Johnson

Zeppo Marx: Herbert Marx
hollywood. Il vero nome delle star di Hollywood                                                                                                                        Luca Miglietta

Tutto in una notte (1985)

Tutto in una notte (Into the Night) streaming con Michelle Pfeiffer e Jeff Goldblum di John Landis Recensione trama 14Tormentato dall’insonnia, dalla monotonia del suo lavoro e dal fatto che la moglie lo tradisca, l’ingegnere Ed Okin una notte decide di fare un giro in automobile per le strade di Los Angeles.
All’aeroporto della città degli angeli, Diana, una bella contrabbandiera di diamanti, gli piomba terrorizzata sul cofano inseguita da quattro killer persiaTutto in una notte (Into the Night) streaming con Michelle Pfeiffer e Jeff Goldblum di John Landis Recensione trama 9ni.
Okin decide di aiutare la donna ma rimane invischiato in una sorta di cospirazione internazionale.  Comincerà così la disperata fuga dei due, braccati da tutti coloro che intendono appropriarsi dei diamanti.

Tutto in una notte (Into the Night) streaming con Michelle Pfeiffer e Jeff Goldblum di John Landis Recensione trama 1Tutto in una notte è un film, diretto dal regista di The Blues Brothers John Landis e con protagonisti Jeff Goldblum e Michelle Pfeiffer. Il titolo italiano della pellicola non rispecchia i fatti, perché in realtà la storia si svolge nell’arco di due notti e tre giorni, come spesso accade in Italia e sarebbe stato meglio lasciare quello originale (Into the Night).
Tutto in una notte può contare su un’ottima coppia di bravi attori quali Jeff Goldblum e Michelle Pfeiffer. Il primo interpreta la parte di Ed Okin, l’ingegnere miteTutto in una notte (Into the Night) streaming con Michelle Pfeiffer e Jeff Goldblum di John Landis Recensione trama 18,  insonne e addirittura cornuto, che spesso ha un’espressione quasi straniata dal mondo, un ruolo diverso rispetto a quelli che hanno maggiormente caratterizzato la carriera dell’attore; la seconda veste i panni di Diana, la bella contrabbandiera di diamanti che gli scombussola la vita.
Nel film sono inoltre presenti in piccole parti Dan Aykroyd, David Bowie e Irene Papas, ma quello che rende Tutto in una notte molto originale sono i suoi moltissimi camei: John Landis, Jack Arnold, Rick BakeTutto in una notte (Into the Night) streaming con Michelle Pfeiffer e Jeff Goldblum di John Landis Recensione trama 10r, Paul Bartel, David Cronenberg, Jonathan Demme, Richard Franklin, Carl Gottlieb, Amy Heckerling, Jim Henson, Colin Higgins, Lawrence Kasdan, Jonathan Lynn, Paul Mazursky, Carl Perkins, Daniel Petrie, Dedee Pfeiffer, Waldo Salt, Don Siegel e Roger Vadim.
Tutto in una notte è un thriller d’azione, che non rinuncia mai a scene comiche e gag demenziali, con gran ritmo e una buona colonna sonora. Da vedere.

 

Titolo originale: Into the Night

Paese di produzione: USATutto in una notte (Into the Night) streaming con Michelle Pfeiffer e Jeff Goldblum di John Landis Recensione trama 12

Anno: 1985

Durata: 115 min

Colore: colore

Audio: sonoro

Genere: commedia, azioneTutto in una notte (Into the Night) streaming con Michelle Pfeiffer e Jeff Goldblum di John Landis Recensione trama 88

Regia: John Landis

Attori: Jeff Goldblum, Michelle Pfeiffer, Stacey Pickren, Carmen Argenziano, Dan Aykroyd, David Bowie, Bruce McGill, Vera Miles, Richard Farnsworth, Irene Papas, John Landis, Jack Arnold, Rick Baker, Paul Bartel, David Cronenberg, Jonathan Demme, Richard Franklin, Carl Gottlieb, Amy Heckerling, Jim Henson, Colin Higgins, Lawrence Kasdan, JonatTutto in una notte (Into the Night) streaming con Michelle Pfeiffer e Jeff Goldblum di John Landis Recensione trama 2han Lynn, Paul Mazursky, Carl Perkins, Daniel Petrie, Dedee Pfeiffer, Waldo Salt, Don Siegel e Roger Vadim.

Soggetto: Ron Koslow

Sceneggiatura: Ron Koslow

Produttore: George Folsey Jr., Ron KoslowTutto in una notte (Into the Night) streaming con Michelle Pfeiffer e Jeff Goldblum di John Landis Recensione trama 21

Fotografia: Robert Paynter

Montaggio: Malcolm Campbell

Musiche: Ira Newborn

Trailer in lingua originale: Tutto in una notte

Tutto in una notte (Into the Night) streaming con Michelle Pfeiffer e Jeff Goldblum di John Landis Recensione trama 03

 Camei presenti nel film:

  • John Landis, il regista del film, interpreta la parte di uno dei Tutto in una notte (Into the Night) streaming con Michelle Pfeiffer e Jeff Goldblum di John Landis Recensione trama 11membri del quartetto di killer iraniani.
  • Jack Arnold, regista di film di fantascienza tra cui Destinazione… Terra! del 1953, interpreta l’uomo con il cane in ascensore.
  • Rick Baker, truccatore vincitore di 7 premi Oscar, tra cui per Un lupo mannaro americano a Londra,  diretto dallo stesso John Landis, è lo Tutto in una notte (Into the Night) streaming con Michelle Pfeiffer e Jeff Goldblum di John Landis Recensione trama 7spacciatore.
  • Paul Bartel, regista del film a basso costo Anno 2000: La corsa della morte del 1975, interpreta il portiere del Beverly Wilshire Hotel.
  • David Cronenberg, regista di film tra cui Videodrome, La Mosca e A History of Violence, interpreta il supervisore di Ed, ed è presente nella sala della riunione.
  • Jonathan Demme, premio Oscar alla regia per Il silenzioTutto in una notte (Into the Night) streaming con Michelle Pfeiffer e Jeff Goldblum di John Landis Recensione trama 8 degli innocenti (1991), interpreta l’agente federale magro con gli occhiali.
  • Richard Franklin, regista australiano di Roadgames (1981), interpreta l’ingegnere aerospaziale seduto accanto a Herb nella caffetteria.
  • Carl Gottlieb, il co-sceneggiatore di Lo squalo (1975), interpreta l’agente federale con i baffi.Tutto in una notte (Into the Night) streaming con Michelle Pfeiffer e Jeff Goldblum di John Landis Recensione trama 15
  • Amy Heckerling, regista di film come Fuori di testa (1982), Senti chi parla (1989) e Ragazze a Beverly Hills (1996), interpreta la cameriera goffa.
  • Jim Henson, il creatore dei Muppets, interpreta l’uomo al telefono che parla con Bernie.
  • Colin Higgins, che ha scritto Harold e Maude (1971) e diretto Gioco sleale (1978) e Il più bel Casino del Texas (1982), è l’attore che interpreta l’ostaggio sul set del film a cui partecipa l’amica di DianTutto in una notte (Into the Night) streaming con Michelle Pfeiffer e Jeff Goldblum di John Landis Recensione trama 20a.
  • Lawrence Kasdan, sceneggiatore di film come Guerre stellari – L’Impero colpisce ancora (1980), I predatori dell’arca perduta (1981) e Guerre stellari – Il ritorno dello Jedi (1983) e regista di Brivido caldo (1981), interpreta il detective di polizia che interroga Bud.
  • Jonathan Lynn, regista di film come Mio cugino VinceTutto in una notte (Into the Night) streaming con Michelle Pfeiffer e Jeff Goldblum di John Landis Recensione trama 19nzo (1992), Il distinto gentiluomo (1992), Caro zio Joe (1994) e FBI: Protezione testimoni (2000), interpreta il sarto.
  • Paul Mazursky, regista di Bob & Carol & Ted & Alice (1969) e Stop a Greenwich Village (1976), interpreta Bud Herman, il proprietario della casa sulla spiaggia accusato di spaccio di droga.
  • Carl Perkins, che scritto e registrato Blue Suede Shoes nel 1955, interpreta  il signor Williams.Tutto in una notte (Into the Night) streaming con Michelle Pfeiffer e Jeff Goldblum di John Landis Recensione trama 4
  • Daniel Petrie, regista di A Raisin in the Sun (1961) e Resurrection (1980), interpreta il regista del film dell’ostaggio.
  • Dedee Pfeiffer, attrice e sorella di Michelle Pfeiffer, interpreta la prostituta.
  • Waldo Salt, premio Oscar per la sceneggiatura di Un uomo da marciapiede (1969) e Tornando a casa (1978), interpreta il barbone che informa Ed del fatto che la sua auto è stata sequestrata.Tutto in una notte (Into the Night) streaming con Michelle Pfeiffer e Jeff Goldblum di John Landis Recensione trama 3
  • Don Siegel, regista di L’invasione degli Ultracorpi (1956), Dirty Harry (1971) e Fuga da Alcatraz (1979), interpreta l’uomo sorpreso con una ragazza nel bagno dell’hotel.
  • Roger Vadim, regista di E Dio creò la donna (1956), Il sangue e la rosa (1960) e Barbarella (1968), interpreta Monsieur Melville, il rapitore francese.

Luca Miglietta

Tutto in una notte (Into the Night) streaming con Michelle Pfeiffer e Jeff Goldblum di John Landis Recensione trama 6