Archivi tag: Calvin Klein

Le mutande di Ritorno al futuro indossate da Marty

Le mutande di Ritorno al futuro indossate da Marty McFly

Ecco quale ora il vero marchio che c’era sulle mutande di Ritorno al futuro, nella traduzione italiana si crea un anacronismo facilmente evitabile utilizzando un Brand diverso da Levi Strauss in luogo dell’originale

Le mutande di Ritorno al futuro indossate da Marty McFly
Le mutande di Ritorno al futuro. Il nome che Lorraine Baines da al figlio Marty in Ritorno al futuro non è Levi Straus come nella versione doppiata in italiano o spagnolo, ma Calvin Klein. In quella francese invece viene chiamato Pierre Cardin.

Un motivo c’è: in Italia nel 1985, l’anno in cui è uscita la pellicola, nessuno sapeva che marca fosse la Calvin Klein. Il marchio non aveva ancora spopolato da noi come già aveva fatto negli Stati Uniti. Il marchio Calvin Klein diventa infatti popolare e molto venduto nel nostro paese a partire dagli anni novanta.

Le mutande di Ritorno al futuro indossate da Marty McFly
Un pasticcio creato dai traduttori italiani e spagnoli, che crea problemi spazio – temporali, curioso pensando alla tematica dei viaggi nel tempo di cui tratta il film

Ve ne renderete conto se provate a guardare Ritorno al futuro in lingua originale. Questa scelta dei traduttori italiani crea un anacronismo, che in lingua originale non c’è: negli Stati Uniti del 1955 i Levi’s erano già molto conosciuti. La Levi’s è nota addirittura fin dalla fine del XIX secolo e quindi Lorraine non avrebbe mai potuto pensare che quel ragazzo venuto dal nulla si chiamasse Levi Strauss, dopo avere letto questo nome sulle sue mutande ed i Jeans di Marty.

Ecco perchè in lingua originale Lorraine chiama Marty Calvin Klein, un nome che negli anni cinquanta non significava nulla, perchè l’azienda, fondata dall’omonimo stilista, nacque solo nel 1968. Proprio l’anno in cui nella finzione cinematografica nasce Marty McFly, chissà se gli sceneggiatori  Robert Zemeckis (anche regista) e Bob Gale ci avevano pensato.

Luca Miglietta

Eva Mendes suora mancata

Eva Mendes suora mancata

Eva Mendes suora mancata Eva Mendes sexyTanti anni fa la chiesa ha dovuto rinunciare ad una bellissima suora, ma Hollywood ha guadagnato una bravissima attrice, curiosa la vita di Eva Mendes, da religiosa e devota a donna più sexy e amata del mondo del cinema. Chi l’avrebbe mai immaginato vedendola ora che nei sui sogni da bambina c’era proprio il desiderio di prendere i voti!

Dopo una serie di parti minori, la bella attrice di origine cubana si fa notare in Training Day con Denzel Washington, soprattutto per una scena in cui recita senza veli. Dopo questa apparizione, nella quale lo spettatore si accorge di lei più per il fatto che appare completante nuda che per le sue doti recitative, prende parte anche al blockbuster 2 Fast 2 Furious, a I padroni della notte al fianco di Joaquin Phoenix, al pessimo Ghost Rider accanto a Nicolas Cage e a The Spirit di Frank Miller, nei quali di nuovo recita la parte della bella sexy. Finalmente nel 2009 il regista tedesco Werner Herzog le offre la parte in Il cattivo tenente – Ultima chiamata New Orleans (Bad Lieutenant: Port of Call), dove recita al fianco di Nicolas Cage e Val Kilmer e nel quale finalmente può offrire un’ottima performance recitativa dimostrando tutta la sua bravura. Eva Mendes ha poi recitato in Fast & Furious 5 di Justin Lin, Come un tuono di Derek Cianfrance al fianco di Ryan Gosling e Lost River diretto e prodotto da Ryan Gosling

Eva Mendes al cinema ha anche alternato alcune campagne pubblicitarie come quellaEva Mendes sexy 2 Eva Mendes suora mancata per il profumo Obsession di Calvin Klein, spot in cui l’attrice compare senza veli. Questa trovata pubblicitaria è stata censurata negli Stati Uniti perché giudicata troppo spinto, niente male per una che voleva fare la suora!

La stessa Eva Mendes ha rivelato a proposito della sua scelta di non fare la suora:

Non avevamo molti soldi ed io quindi dicevo sempre a mia madre: “Mamma, ti comprerò una casa grandissima quando sarò grande, e anche una macchina”. Mia sorella un giorno, quando avevo 10 anni, mi ha detto: “Come farai a comprare a mamma tutte quelle cose? Diventerai suora e le suore non vengono pagate”. Io allora ho risposto: “Cosa?”. I miei sogni di convento sono finiti in quel momento.

Eva Mendes le mantiene le promese: è riuscita infatti a realizzare il suo sogno regalando una casa alla madre nel 2002, comprata con i soldi guadagnati sul set che non avrebbe potuto ottenere facendo la suora.

Luca Miglietta

Eva Mendes sexy feet Eva Mendes suora mancata