Archivi tag: Biblioteca del Congresso

Tutti in accappatoio al cinema

Tutti in accappatoio al cinema

Tutti in accappatoio al cinema per i 20 anni del Grande Lebowski

Tutti in accappatoio al cinema per i 20 anni del Grande LebowskiTutti in accappatoio al cinema per i 20 anni de Il Grande Lebowski. La singolare iniziativa è stata organizzata a Milano per feggiare il film del 1998, che inzialmente non ebbe un grande successo al botteghino per poi diventare successivamente un vero e proprio cult.

Decine di persone hanno partecipato all’iniziativa organizzata dal Milano film festival e da Hot Corn al cinema Anteo di Milano, per festeggiare l’anniversario del Drugo e per questo tutti i presenti non potevano che presentarsi all’appuntamento in accappatorio, il capo di abbigliamento preferito da Jeffrey Lebowski.

Tutti in accappatoio al cinema per i 20 anni del Grande LebowskiTutti in accappatoio al cinema, a Milano divertente iniziativa per festeggiare i 20 anni del film di Joel ed Ethan Coen

Sembra impossibile eppure quando Il grande Lebowski uscì – prima di diventare uno dei più grandi cult della storia tanto che nel 2014 è stato scelto per la preservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti – non ci furono code chilometriche all’entrata dei cinema e gli incassi per la Working title films, che produsse la pellicola furono deludenti. Il film costò 15 milioni ed incassò solo solo 17.5 milioni di dollari al botteghino.

Jeffrey Lebowski è la rappresentazione visiva di un nichilista dolce far niente, tanto che il pigro anti-eroe interpretato da Jeff Bridges ha dato vita ad una religione “Il Drughismo”, e a numerosi saggi che analizzano la figura del Drugo.

Anche in altre città italiane e del resto del mondo nel corso del 2018 si sono verificate iniziative simili, ecco il video del’evento di Milano, dove si sono presentati tutti in accappatoio al cinema per i 20 anni del Grande Lebowski: video streaming Repubblica tv. Sono annunciate altre iniziative simili prima della fine del 2018, non fatevi trovare impreparati mi raccomando, potrebbe trattarsi della vostra città.

L.M.

Tutti in accappatoio al cinema per i 20 anni del Grande Lebowski

 

Chi ha incastrato Roger Rabbit diventa patrimonio nazionale

Chi ha incastrato Roger Rabbit diventa patrimonio nazionale

Chi ha incastrato Roger Rabbit diventa patrimonio nazionale lo ha annunciato la Library of Congress

Chi ha incastrato Roger Rabbit diventa patrimonio nazionale Chi ha incastrato Roger Rabbit (Who Framed Roger Rabbit) Bob Hoskins, Christopher Lloyd, Joanna Cassidy, Stubby Kaye, Alan TilvernChi ha incastrato Roger Rabbit diventa patrimonio nazionale ed arrivano a 700 i titoli inseriti nel National Film Registry statunitense

Chi ha incastrato Roger Rabbit diventa patrimonio nazionale e viene inserito nel National Film Registry statunitense, selezione di titoli scelti dal National Film Preservation Board (NFPB) degli USA per la loro conservazione nella Biblioteca del Congresso.

Chi ha incastrato Roger Rabbit (Who Framed Roger Rabbit) è un film a tecnica mista del 1988 diretto da Robert Zemeckis, che combina attori in carne ed ossa e personaggi di animazione. Un film che offre l’opportunità unica di vedere insieme in un solo film personaggi di cartoni animati di vari studi: Disney, Warner Bros e diverse altre case di produzione americane. Tra gli attori: Bob Hoskins, Christopher Lloyd, Joanna Cassidy, Stubby Kaye, Alan Tilvern e Richard LeParmentier.

Chi ha incastrato Roger Rabbit diventa patrimonio nazionale Chi ha incastrato Roger Rabbit (Who Framed Roger Rabbit) Bob Hoskins, Christopher Lloyd, Joanna Cassidy, Stubby Kaye, Alan Tilvern, Richard LeParmentier Ad annunciare che il film del 1988 sarà preservato nella biblioteca è stata la stessa Library of Congress, che ha anche specificato che la lista dei film degni di protezione è arrivata a quota 700. 25 film sono stati aggiunti solo quest’anno e tra questi troviamo: Breakfast Club (1985), scritto e diretto da John Hughes, La storia fantastica (The Princess Bride, 1987), tratto dal romanzo La principessa sposa di William Goldman del 1973, Thelma & Louise di Ridley Scott i cui Alien e Blade Runner si trovavano già nel Registry. Scott entusiasta ha commentato:

sono molto onorato e orgoglioso del riconoscimento della Biblioteca del Congresso ora Blade Runner avrà due grandi signore a tenergli compagnia.

Inseriti quest’anno anche Il Re Leone e Rushmore.

L’ingresso nel registro dei film nazionali significa che una copia in pellicola dei vari film verrà custodita in un’apposita cassaforte nella camera di sicurezza della sede del NFR (istituito nel 1989) di Culpeper, nello Stato della Virginia, dove sarà preservata per il suo valore culturale, storico e artistico.

Luca Miglietta

Chi ha incastrato Roger Rabbit diventa patrimonio nazionale Chi ha incastrato Roger Rabbit (Who Framed Roger Rabbit) Bob Hoskins, Christopher Lloyd, Joanna Cassidy, Stubby Kaye