Eva Green ed Emmanuelle Seigner amanti nella prima foto del film di Polanski

Eva Green ed Emmanuelle Seigner amanti nella prima foto del film di Polanski

Eva Green ed Emmanuelle Seigner amanti nella prima foto del film di Polanski, svelata la prima lasciva immagine del thriller incentrato sull’amore lesbo tra una scrittrice e un’ammiratrice ossessiva

Eva Green ed Emmanuelle Seigner amanti nella prima foto del film di Polanski, scena lesbo Based on a True Story D'après une histoire vraie Emmanuelle Seigner, Eva GreenEva Green ed Emmanuelle Seigner amanti nella prima foto del film di Polanski. Ieri Lionsgate ha diffuso la prima immagine ufficiale di Based on a True Story, il nuovo thriller drammatico di Roman Polanski.

Il film, il cui titolo originale è D’après une histoire vraie, vede finalmente il regista polacco dietro la macchina da presa dopo quattro anni di pausa.

Based on a True Story vede protagoniste Emmanuelle Seigner ed Eva Green e verrà presentato in anteprima fuori concorso al Cannes Films Festival.

Based on a True Story, nato dalla collaborazione tra Polanski e il collega Olivier Assayas, è tratto dall’omonimo romanzo di Delphine de Vigan in cui si racconta la storia di una scrittrice parigina (Emmanuelle Seigner) che intreccia una relazione con un’ammiratrice ossessiva (Eva Green), la quale tenterà di influenzare le sue decisioni.

Eva Green ed Emmanuelle Seigner amanti nella prima foto del film di Polanski

Diretto da: Roman Polanski
Scritto da: Olivier Assayas
Attori: Eva Green, Emmanuelle, Seigner Vincent Perez, Alexia Séféroglou
Data di relase: maggio 2017 (Cannes)
Paese: Francia
Lingua originale: francese

Roman Polanski Eva Green ed Emmanuelle Seigner amanti nella prima foto del film di Polanski

Eva Green era bionda

Eva Green era bionda

Eva Green era bionda, poi ha deciso di virare sul nero corvino.

Ebbene sì, siamo Eva Green bionda sexy, Eva Green era biondaabituati a vederla coi capelli tinti di nero, eppure Eva Green era bionda

Eva green era bionda

Molti non sanno che in realtà il colore naturale dei capelli di Eva Green è un biondo scuro, ma ha iniziato a tingersi la chioma di colore corvino fin da quando aveva 15 anni.

La stessa attrice francese in due diverse interviste di molti anni fa, aveva rivelato alla stampa internazionale:

è tutta colpa della migliore amica di mia madre che si tingeva i capelli, e mi ha convinto a virare verso il nero da quando avevo 15 anni: non ho più smesso.

Tingevo i capelli di nero, perché il mio colore naturale è un biondo scuro, e non mi piacciono le vie di mezzo.

Eva Green anche in questo si mostra anticonformista rispetto a molte star dai capelli bruni che si tingono i capelli di biondo. Il biondo infatti ha un simbolismo molto forte, perchè  richiama raffinatezza e seduzione. Questo avviene anche perchè le bionde naturali sono poche nel mondo (1 su 20) e questo vale anche per le star di Hollywood.

Per esigenze di copione se li è più volte tinti di biondo, ma mai col suo colore naturale, pensate alla commedia fantasy Dark Shadows diretta da Tim Burton. In questo film del 2012 l’attrice divide la scena con Johnny Depp, Michelle Pfeiffer, Jonny Lee Miller ed Helena Bonham Carter.

Eva Green bionda sexy Dark Shadows, Eva Green era biondaChissà come sarebbe stata Eva Green con il suo colore naturale, ma non importa dopo tutto, è già bellissima e seducente così com’è, perchè tornare alle origini?

Qui sotto ecco una foto che dimostra la bellezza dell’attrice con il suo colore corvino.

Eva green sexy dark, Eva Green era bionda

Ridley Scott crede nell’esistenza di esseri superiori

Ridley Scott crede nell’esistenza di esseri superiori

Tra poco uscirà Alien: Covenant, Ridley Scott crede nell’esistenza di esseri superiori

Alien: Covenant, Ridley Scott crede nell’esistenza di esseri superioriRidley Scott crede nell’esistenza di esseri superiori. Durante un’intervista a SkyNews, durante la promozione di Alien: Covenant, Ridley Scott ha dichiarato di credere nell’esistenza di altre forme di vita nell’universo:

credo nell’esistenza di esseri superiori. Penso che la loro esistenza sia certa. Un esperto della NASA con il quale parlo spesso mi ha detto “Hai guardato il cielo di notte? Pensi che siamo davvero soli? È ridicolo!” Gli esperti sostengono che ci siano tra le 100 e le 200 entità che potrebbero avere affrontato un’evoluzione simile alla nostra, proprio in questo momento.

Secondo Ridley Scott, però se degli eventuali esseri da altri mondi riuscissero a raggiungerci prima ancora di essere scoperti dal’uomo, potrebbero non avere buone intenzioni. Inoltre il raggiungerci indicherebbe un livello di tecnologia ben superiore al nostro:

quindi se vedete qualcosa di grosso nel cielo, corretegli dietro. Perché sono decisamente più intelligenti di noi, e se voi siete abbastanza stupidi da sfidarli sarete rapiti nel giro di tre secondi.

Nonostante possiedano una tecnologia superiore a quella umana, Scott però si è detto abbastanza tranquillo nel caso se li trovi improvvisamente davanti: Ha sorriso ed ha detto:

Non ho paura di niente, ho una 9mm!

La sinossi ufficiale di Alien: Covenant, il sequel di Prometheus:            streaming

Ridley Scott ritorna nell’universo da lui creato in Alien con Alien: Covenant, il secondo capitolo della trilogia prequel iniziata con Prometheus e che si collegherà direttamente all’opera di fantascienza del 1979.

Diretta verso un pianeta remoto ai confini estremi della galassia, la ciurma della navicella Covenant scopre un presunto paradiso inesplorato che in realtà è un mondo oscuro e pericoloso. L’unico abitante è il “sintetico” David (Michael Fassbender), sopravvissuto della fallimentare spedizione Prometheus.

Nel cast di di Alien Covenant: Michael Fassbender, Katherine Waterston, Billy Crudup, Danny McBride, Demián Bichir, Carmen Ejogo, Amy Seimetz, Jussie Smollett, Callie Hernandez, Nathaniel Dean, Alexander England e Benjamin Rigby.

Le riprese del film sono iniziate ad aprile 2016 e si sono svolte in Australia e Nuova Zelanda. La sceneggiatura è di Jack Paglen e Michael Green. L’uscita è prevista per il 19 maggio negli USA e l’11 maggio in Italia.                                                         streaming

Alien: Covenant, Ridley Scott crede nell’esistenza di esseri superiori

Alien 5 di Neill Blomkamp non si farà mai

Alien 5 di Neill Blomkamp non si farà mai

Ridley Scott: “Alien 5 di Neill Blomkamp non si farà mai”

Alien 5 di Neill Blomkamp non si farà maiRidley Scott, il regista del primo Alien e dell’attesissimo Alien: Covenant, che uscirà delle sale tra pochi giorni, ha affermato che Alien 5 di Neill Blomkamp non si farà mai. Il regista sudafricano (District 9, Elysium) alcuni anni fa aveva annunciato un reboot della saga di Ellen Ripley, con Sigourney Weaver nuovamente protagonista.

Nel progetto di Neill Blomkamp il nuovo Alien avrebbe dovuto annullare gli eventi di Alien 3 e Alien: La clonazione in modo da concludere diversamente la storia di Ripley. Il progetto aveva subito entusiasmato James Cameron, regista di Aliens – Scontro finale e si era così pensato che il film avrebbe potuto vedere la luce. Ridley Scott però in qualità di produttore ora ha deciso di chiudere definitivamente con la possibilità di un reboot:

non penso che si farà mai. Non ci è mai arrivata una sceneggiatura, solo un’idea di una dozzina di pagine. Io ero coinvolto come produttore ma il progetto non è andato avanti perché la Fox ha abbandonato l’idea. Per quanto mi riguarda, poi, avevo fatto Prometheus e stavo lavorando su Alien: Covenant.

Scott ha anche annunciato che è già pronta una sceneggiatura per il sequel di Alien: Covenant, che sembra che debba intitolarsi Alien: Awakening. Il film entrerà in pre-produzione nel 2018.

Alien: Covenant sarà distribuito nelle sale italiane l’11 maggio e vedremo tra gli attori Michael Fassbender, James Franco, Katherine Waterston, Billy Crudup e Noomi Rapace.

Breve sinossi:

Mentre è in viaggio in direzione di un remoto pianeta sull’altro lato della galassia, l’equipaggio della nave colonia Covenant scopre che quello che ritengono essere un paradiso lontano, in realtà è un luogo oscuro e minaccioso, che nasconde una minaccia terribile. L’unico abitante del pianeta è il droide David, sopravvissuto alla spedizione Prometheus. Presto l’equipaggio dovrà iniziare una lotta disperata per resistere a terrificanti e pericolose creature aliene.

Alien 5 di Neill Blomkamp non si farà mai, che delusione per i fan!

Alien 5 di Neill Blomkamp non si farà mai

Mad Max: Fury Road i sequel

Mad Max: Fury Road i sequel

Mad Max: Fury Road i sequel, il regista George Miller parla delle sceneggiature pronte

Mad Max: Fury Road i sequelNel 2015 era uscito nelle sale Mad Max: Fury Road ed era stato un grande successo al box office. Dall’uscita del primo film i fan si erano sempre chiesti quando i due sequel sarebbero diventati realtà. George Miller in passato li ha più volte rassicurati che, durante i numerosi ritardi nella produzione di Mad Max: Fury Road, lui e il co-sceneggiatore Nico Lathouris avevano cominciato a scrivere la trama dei due sequel. Uno dei due doveva essere intitulato Mad Max: The Wasteland.

Abbiamo scavato nella profondità del sottotesto, nei retroscena di tutti i personaggi e del mondo in cui si muovono, e senza realmente pensarci troppo, abbiamo scritto altre due sceneggiature proprio come parte della storia principale. Da qualche parte, se i pianeti si allineano, arriveranno altri due film. Un film come Fury Road viene raccontato in in modo selvaggio e non lineare, così che tutta la logica latente nel film doveva essere piuttosto rigorosa, altrimenti il ​​film sarebbe risultato caotico. Il vantaggio dei molti ritardi è che siamo stati in grado di trascorrere del tempo ad approfondire questi retroscena.

George Miller durante una recente intervista ha anche confermato che gli script sono pronti e crede di riuscire a girare i due seguiti in tempi non così lunghi. In questa intervista al quotidiano inglese The Independent il regista ha inoltre reso noto che nei sequel rivedremo The Doof Warrior, il chitarrista fiammeggiante del primo film.

so chi era sua madre, so come quest’uomo uomo che è muto e cieco è sopravvissuto all’apocalisse, conosco molto bene la sua storia, se arriviamo a fare un altro film, il Doof Warrior ci sarà! Ho una fervida immaginazione, è parte di chi sono, questi personaggi e questi mondi tendono ad ammassarsi nel cervello come amici immaginari, ed è facile tornare ad evocarli

Mad Max: Fury Road i sequel

Chi ha incastrato Roger Rabbit diventa patrimonio nazionale

Chi ha incastrato Roger Rabbit diventa patrimonio nazionale

Chi ha incastrato Roger Rabbit diventa patrimonio nazionale lo ha annunciato la Library of Congress

Chi ha incastrato Roger Rabbit diventa patrimonio nazionale Chi ha incastrato Roger Rabbit (Who Framed Roger Rabbit) Bob Hoskins, Christopher Lloyd, Joanna Cassidy, Stubby Kaye, Alan TilvernChi ha incastrato Roger Rabbit diventa patrimonio nazionale ed arrivano a 700 i titoli inseriti nel National Film Registry statunitense

Chi ha incastrato Roger Rabbit diventa patrimonio nazionale e viene inserito nel National Film Registry statunitense, selezione di titoli scelti dal National Film Preservation Board (NFPB) degli USA per la loro conservazione nella Biblioteca del Congresso.

Chi ha incastrato Roger Rabbit (Who Framed Roger Rabbit) è un film a tecnica mista del 1988 diretto da Robert Zemeckis, che combina attori in carne ed ossa e personaggi di animazione. Un film che offre l’opportunità unica di vedere insieme in un solo film personaggi di cartoni animati di vari studi: Disney, Warner Bros e diverse altre case di produzione americane. Tra gli attori: Bob Hoskins, Christopher Lloyd, Joanna Cassidy, Stubby Kaye, Alan Tilvern e Richard LeParmentier.

Chi ha incastrato Roger Rabbit diventa patrimonio nazionale Chi ha incastrato Roger Rabbit (Who Framed Roger Rabbit) Bob Hoskins, Christopher Lloyd, Joanna Cassidy, Stubby Kaye, Alan Tilvern, Richard LeParmentier Ad annunciare che il film del 1988 sarà preservato nella biblioteca è stata la stessa Library of Congress, che ha anche specificato che la lista dei film degni di protezione è arrivata a quota 700. 25 film sono stati aggiunti solo quest’anno e tra questi troviamo: Breakfast Club (1985), scritto e diretto da John Hughes, La storia fantastica (The Princess Bride, 1987), tratto dal romanzo La principessa sposa di William Goldman del 1973, Thelma & Louise di Ridley Scott i cui Alien e Blade Runner si trovavano già nel Registry. Scott entusiasta ha commentato:

sono molto onorato e orgoglioso del riconoscimento della Biblioteca del Congresso ora Blade Runner avrà due grandi signore a tenergli compagnia.

Inseriti quest’anno anche Il Re Leone e Rushmore.

L’ingresso nel registro dei film nazionali significa che una copia in pellicola dei vari film verrà custodita in un’apposita cassaforte nella camera di sicurezza della sede del NFR (istituito nel 1989) di Culpeper, nello Stato della Virginia, dove sarà preservata per il suo valore culturale, storico e artistico.

Luca Miglietta

Chi ha incastrato Roger Rabbit diventa patrimonio nazionale Chi ha incastrato Roger Rabbit (Who Framed Roger Rabbit) Bob Hoskins, Christopher Lloyd, Joanna Cassidy, Stubby Kaye

Abel Ferrara cerca location in Piemonte

Abel Ferrara cerca location in Piemonte

Per il suo nuovo film che si intitolerà “Siberia” Abel Ferrara cerca location in Piemonte

Siberia avrà un cast che comprende attori come: Nicolas Cage, Willem Dafoe e Isabelle Huppert

Abel Ferrara cerca location in PiemonteAbel Ferrara cerca location in Piemonte. Il regista americano Abel Ferrara sta cercando le location sulle montagne innevate piemontesi per girare il suo prossimo film Siberia.

Siberia avrà un grande cast: sarà interpretato da Nicolas Cage, Willem Dafoe e Isabelle Huppert. Lo conferma il presidente di Fip (Film Investimenti Piemonte), Paolo Tenna, a margine della presentazione di un nuovo progetto di distribuzione in Piemonte dei film prodotti sul territorio.

Già la scorsa settimana Abel Ferrara ha fatto alcuni sopralluoghi in Val Granda e in altre località piemontesi. Il regista sta quindi cercando per il film, ispirato al celebre Libro Rosso di Carl Gustav Jung, ambientazioni che ricordino le lande siberiane.

Alla produzione molto probabilmente parteciperanno investitori locali, grazie anche alle nuove norme sul tax-credit previste dalla nuova legge sul cinema. Un film che porterà sicuramente dei benefici in termini economici alla regione del nord ovest italiano.

Il film di Ferrara non sarà l’unico che verrà girato in Piemonte, perchè Siberia è uno dei venti progetti di film attualmente in visione dalla Film Commission Torino Piemonte, che quest’anno ha visto aumentare la sua attività di oltre il 5%.

Una vita da gatto, Spacey in versione felina

Una vita da gatto, Spacey in versione felina

Una vita da gatto, un film per famiglie che uscirà il 7 dicembre

Una vita da gatto Nine Lives Barry Sonnenfeld Kevin Spacey, Jennifer Garner, Robbie Amell, Christopher Walken, Teddy Sears, Malina WeissmanUna vita da gatto è una storia fantastica che racconta la vita di Tom Brand

Una vita da gatto è un film che arriva nelle sale il 7 dicembre, distribuito da Lucky Red ed è diretto dal regista di Men in Black, Barry Sonnefeld. Film che vede come protagonista il due volte premio Oscar Kevin Spacey in versione umana e felina.

Kevin Spacey ha spiegato perchè ha deciso di accettare questo ruolo:

l’ho vista come una grande opportunità, perché adoro le commedie. Spesso la gente mi vede in ruoli più oscuri e tormentati, nei panni del cattivo.

Una vita da gatto è un film per famiglie, che adorerete ancora di più se amate i gatti, una pellicola dai toni fantastici e con un finale alla Frank Capra in pieno stile natalizio.

Una vita da gatto è una storia fantastica che racconta la vita di Tom Brand, miliardario di grande successo, ma ammantato di troppo cinismo che scopre affetti, empatia e valori solo quando si ritrova, magicamente, nella pelle di un gatto siberiano di nome Mister Fuzzypants. Ora, da gatto, Tom/Mister Fuzzypants capisce meglio sia sua moglie Lara (Jennifer Garner) che la figlia adolescente Rebecca (Malina Weissman). E sarà proprio quest’ultima a cambiargli la vita.

Una vita da gatto Nine Lives Barry Sonnenfeld Kevin Spacey, Jennifer Garner, Robbie Amell, Christopher Walken, Teddy Sears, Malina Weissman 2Titolo originale: Nine Lives
Genere: Commedia , Family , Fantasy
Durata: 87 min
Paese: Francia, Cina
Anno: 2016

Regia: Barry Sonnenfeld
Attori: Kevin Spacey, Jennifer Garner, Robbie Amell, Christopher Walken, Teddy Sears, Mark Consuelos, Cheryl Hines, Malina Weissman, Serge Houde, Mark Camacho, Jewelle Blackman
Sceneggiatura: Matt R. Allen, Dan Antoniazzi, Gwyn Lurie, Ben Shiffrin, Caleb Wilson
Fotografia: Karl Walter Lindenlaub
Montaggio: Don Zimmerman
Musiche: Evgueni Galperine, Sacha Galperine
Produzione: EuropaCorp, Fundamental Films
Distribuzione: Lucky Red

Una vita da gatto Trailer: link

Le scene di sesso in Girls, trucchi di scena

Le scene di sesso in Girls, trucchi di scena

Trucchi coi quali vengono messi a loro agio gli attori della serie tv, perchè le scene di sesso in Girls sono ricorrenti

Girls HBO Le scene di sesso in Girls, trucchi di scenaI diversi modi di affrontare le scene di sesso in Girls di Allison Williams e Lena Dunham

Le scene di sesso in Girls. Girls è una serie tv in onda sul canale via cavo HBO che è stata trasmessa anche in Italia da MTV. La serie è creata, interpretata e prodotta da Lena Dunham.

Girls segue le vicende di quattro amiche che stanno cercando di costruirsi una vita dopo essersi trasferite a New York. Hannah, è un’aspirante scrittrice poco più che ventenne costretta a ridiscutere le proprie aspirazioni dopo che i genitori decidono di tagliarle i fondi per il suo mantenimento. Hannah vive con le amiche Marnie, Jessa e Shoshanna.

Abbiamo scelto di raccontarvi una scena in particolare, che è stata descritta dalla stessa attrice Allison Williams alla una rivista statunitense Entertainment Weekly.  Nella quarta stagione di Girl si vede l’attrice Allison Williams in una scena di anilingus e lei stessa ha rivelato alla rivista che tra le sue natiche e il volto dell’attore Ebon Moss-Bachrach c’era in realtà un assorbente.

Quella di utilizzare speciali assorbenti è una pratica molto utilizzata al cinema per evitare episodi imbarazzanti tra gli attori e le scene di sesso in Girls sono molte; però, come ha raccontato Lena Dunham la protagonista e autrice di Girls per lei non va così sul set della serie televisiva:

il cerottone che si usa per coprire la vagina è scomodo così ho smesso di indossarlo dopo la prima stagione. Non c’è ragazzo che lavora in quella serie che non abbia visto l’interno della mia vagina.

Girls HBO 2 Le scene di sesso in Girls streaming, trucchi di scena
Titolo originale: Girls
Paese: Stati Uniti d’America
Anno: 2012 – in produzione
Formato: serie TV
Genere: commedia, drammatico
Stagioni: 5
Episodi: 52
Durata: 30 minuti (episodio)
Lingua: originale inglese

Caratteristiche tecniche:

Rapporto: 16:9
Colore: colore
Audio: sonoro
Ideatore: Lena Dunham

Interpreti e personaggi:

Lena Dunham: Hannah Horvath
Allison Williams: Marnie Michaels
Jemima Kirke: Jessa Johansson
Zosia Mamet: Shoshanna Shapiro
Adam Driver: Adam Sackler
Alex Karpovsky: Ray Ploshansky
Andrew Rannells: Elijah Krantz
Ebon Moss-Bachrach: Desi Harperin
Jake Lacy: Fran Parker

Girls HBO 3 Le scene di sesso in Girls, trucchi di scena

The Irishman il nuovo progetto di Martin Scorsese

The Irishman il nuovo progetto di Martin Scorsese

The Irishman il nuovo progetto di Martin Scorsese confermato di nuovo dal regista

Martin Scorsese The Irishman il nuovo progetto di Martin Scorsese nel 2018The Irishman il nuovo progetto di Martin Scorsese. Martin Scorsese, in un’intervista a Tv2000 realizzata in collaborazione con il Centro televisivo vaticano ha risposto:

se penso di poter trovare un progetto per farne un altro? Non so, De Niro ha un progetto per me, si chiama ‘The Irish man’, ha un bellissimo copione. Penso che potremo andare in produzione verso maggio o giugno del prossimo anno.

L’intervista è andata in onda ieri sera alle 21 sulla tv della Conferenza Episcopale Italiana nell’ambito di uno speciale dedicato al regista statunitense e al suo ultimo film Silence, sui missionari gesuiti nel Giappone del milleseicento.

Le riprese di The Irishman dovrebbero partire il prossimo anno per un’uscita prevista nel 2018. Si tratta di un biopic, basato su I Heard You Paint Houses libro di Charles Brandt.
Il film e racconterà la storia vera del killer della mafia di origini irlandesi Frank “The Irishman” Sheeran, coinvolto nella scomparsa e nella morte di Jimmy Hoffa.

Martin scorsese Robert De Niro set The Irishman il nuovo progetto di Martin Scorsese nel 2018Frank Sheeran morì nel 2003 e fu accusato di avere legami con la famiglia Bufalino, una delle più importanti famiglie della mafia italoamericana. Poco prima di morire Sheeran confessò di aver ucciso il controverso sindacalista statunitense Jimmy Hoffa.

Si sta occupando della sceneggiatura di The Irishman Steve Zaillian, che ha già lavorato con Scorsese in Gangs of New York.

E’ almeno dal lontano 2008 che si parla di The Irishman ed i tempi si sono allargati a dismisura. Scorsese nel frattempo ha diretto ben quattro film Shutter Island, Hugo Cabret, The Wolf of Wall Street e Silence.

Al Pacino e Robert De Niro The Irishman il nuovo progetto di Martin Scorsese nel 2018Le cose sono andate per le lunghe anche a causa del budget previsto per The Irishman di 100 milioni di dollari tantissimi per un gangster movie, tipologia di film che non necessita di molti effetti speciali. L’alto budget è dovuto soprattutto al fatto che Scorsese nel film vorrebbe usare una costosa tecnologia per ringiovanire gli attori. Al Pacino e Robert De Niro nel film dovranno infatti interpretare dei personaggi che in alcune parti della pellicola dovrebbero avere molti anni in meno di quelli che in realtà hanno. Infatti basta un po’ di trucco e una parrucca per invecchiare un attore giovane, ringiovanirlo è più complicato.

The Irishman il nuovo progetto di Martin Scorsese:Robert De Niro ed Al Pacino sicuri, in forse Joe Pesci

Nel cast del film vedremo finalmente assieme tre dei più importanti attori di gangster movie di sempre: Robert De Niro, Al Pacino e Joe Pesci. Probabilmente dovrebbe prendere parte al film anche Harvey Keitel, che però ha detto di non esser stato ancora contattato in merito. Sembra anche che Joe Pesci, che si è ritirato dal cinema da anni abbia in un primo momento rifiutato l’offerta. Robert De Niro sta facendo di tutto per convincerlo per riproporre la coppia dei tre capolavori di Martin Scorsese: Toro scatenato, Quei bravi ragazzi e Casinò.

Luca Miglietta

Quei bravi ragazzi (Goodfellas) Martin Scorsese Robert De Niro Joe Pesci set The Irishman il nuovo progetto di Martin Scorsese nel 2018