Archivi categoria: Focus on

Sean Bean, lo spoiler vivente: un attore nato per morire

Sean Bean, lo spoiler vivente: un attore nato per morire

Sean Bean, lo spoiler vivente: un attore nato per morire 2Sean Bean è stato etichettato da molti come lo “Spoiler vivente”, a causa delle svariate morti dei personaggi da lui interpretati sul piccolo e grande schermo.
Il suo decesso più famoso e che tutti ricorderete è sicuramente quello ne Il signore degli anelli – La Compagnia dell’Anello, la morte di Boromir rimarrà per sempre negli annali della storia del cinema.
Sean Bean non contento di morire solamente al cinema ha deciso di farlo pure in una serie televisiva, vi ricorderete sicuramente il passaggio a miglior vita di Ned Stark in Game of Thrones che gli evita la seconda stagione.
E’ sicuramente più facile contare i film dove resta in vita che gli altri, ma la cosa curiosa è che in un film come Silent Hill, dove chiunque non sopravvivrebbe per molto tempo, Sean ce la fa!
Le morti di Sean non sono mai banali o ripetitive, basti pensare al fatto che nella sua lunga carriera viene: lanciato da un dirupo da una mandria di mucche impazzite, trafitto da frecce degli orchi, schiacciato da un’enorme antenna satellitare e accolitato nel sonno. Queste sono solo alcune delle morti che potrete vedere in questo video ricco di spoiler, ma del resto se recita Sean Bean sapete già come va a finire…
Se lo vedi recitare, non ti affezionare troppo al suo personaggio!

Link Youtube: Sean Bean, lo spoiler vivente: un attore nato per morire

Ecco una vignetta riassuntiva presa su Facebook:Sean Bean, lo spoiler vivente: un attore nato per morire                                                                                                                        Luca Miglietta

I fantasmi nei film

I fantasmi nei film

I fantasmi nei film I fantasmi nei film Sospesi nel tempo di Peter Jackson. Con Trini Alvarado, John Astin, Michael J. Fox, R. Lee Ermey e John Astin streamingSono moltissimi i film nei quali sono presenti i fantasmi, per citarne alcuni basti pensare a Ghostbusters, Ghostbusters II, Ghost, Sospesi nel tempo , The Others, Beetlejuice, The Fog, Poltergeist, Casper o Always – Per sempre.
Gli spettri non appartengono ad un vero e proprio genere cinematografico ma li attraversano un po’ tutti, basti pensare ai film sopracitati, si passa dalla commedia, il fantasy e l’horror, al film drammatico e al sentimentale. Nessuno ha mai visto o sa esistono nel mondo reale, ma nel cinema, i fantasmi seguono una serie di regole non scritte che si sono consolidate ne tempo. Ci sono cose che i fantasmi possono fare e altre che non sono nelle loro corde.I fantasmi nei film Ghostbusters - Acchiappafantasmi di Ivan Reitman con Dan Aykroyd, Sigourney Weaver, Bill Murray, Harold Ramis, Ernie Hudson e Rick Moranis streaming
Possono camminare per strada, salire sulla metropolitana o sull’ascensore, ma non possono appoggiarsi ai muri, perché rischierebbero di attraversarli. Sono in grado di lasciare un edificio per lo più attraverso porte e muri, e solo in pochi fortunati attraverso il pavimento o il soffitto.
Sono in grado di sedersi su divani e poltrone, ma non sono mai in grado di toccare le persone sedute accanto a loro.
Sono capaci di viaggiare in macchina, in autobus o in treno, ma non riescono a fermare i mezzi in movimento, perché questi li attraverserebbero da parte a parte.
Possono inoltre comunicare solo con qualche essere umano, che è nato con questa capacità o l’ha sviluppata, spesso dopo un trauma. Queste persone con questo dono spesso vengono scambiatI fantasmi nei film Ghostbusters - Acchiappafantasmi di Ivan Reitman con Dan Aykroyd, Sigourney Weaver, Bill Murray, Harold Ramis, Ernie Hudson e Rick Moranis streaming 1e per pazze e lasciate ai margini della società. Un classico sono poi i fantasmi che svegliano con la propria voce il malcapitato umano, che dorme tranquillo.
Questa analisi è stata fatta prendendo in considerazione la maggior parte dei film sui fantasmi, ovviamente in alcuni casi possono esservi alcune incongruenze con quanto scritto, questo grazie ad alcuni registi che hanno saputo introdurre elementi nuovi rispetto alla tradizione.

Luca Miglietta

I fantasmi nei film Beetlejuice - Spiritello porcello di Tim Burton con Alec Baldwin, Geena Davis, Michael Keaton, Winona Ryder streaming

Robert Rodriguez

Robert Rodriguez

Robert Rodríguez and Quentin TarantinoRobert Rodriguez è un autore a tutto tondo che sceneggia, dirige, monta e produce i suoi film, spesso compone addirittura la colonna sonora. Sì lo conoscete, lo avrete sicuramente visto alle premiazioni internazionali con i suoi inconfondibili abiti: stivali da cowboy, bandana e cappello texano.
Robert Rodriguez si è imposto in breve tempo nel panorama cinematografico internazionale grazie alle sue trovate geniali e imprevedibili, condite dalla sua inconfondibile ironia. Il regista texano si diverte a mettere in scena ogni tipo di diavoleria per divertire ed appassionare lo spettatore, facendolo evadere dalla monotonia della vita quotidiana, in ogni fotogramma infatti si può percepire la voglia di Robert Rodriguez di giocare con il pubblico e sorprenderlo. Quando si tratta di confezionare un film ci sa davvero fare dietro la macchina da presa.
Fin da piccolo Rodriguez mostrò uno spiccato interesse per il cinema: nell’inverno del 1981, quando aveva solo dodici anni, durante la proiezione 1997: Fuga da New York di John Carpenter, esclamò con grinta: “Anch’io sarei capace di girare quella roba!”.
Raggiunge la fama internazionale nel 1992 col il film El Mari
El mariachi di Robert Rodriguez con Carlos Gallardo, Consuelo Gómez, Jaime de Hoyosachi, un action movie incentrato sulla leggendaria figura del Mariachi, un suonatore di chitarra messicano, con tante sparatorie e recitato da attori semisconosciuti. Questo film venne realizzato con un budget di soli 7000 dollari, in parte guadagnati facendo da cavia per sperimentare su se stesso un nuovo farmaco anti-colesterolo, ed ebbe numerosi riconoscimenti, tra cui il prestigioso Audience Award del Sundance Film Festival.
Dopo il grande successo della sua prima pellicola Robert ha una chance a Hollywood: gli viene data carta bianca per riprendere con un budget notevolmente superiore la ricetta fortunata del primo film. Nel 1995 così esce l’ottimo Desperado con ancora protagonista il Mariachi, che questa volta ha le fattez
Desperado di Robert Rodriguez. Con Antonio Banderas, Salma Hayek, Steve Buscemi, Joaquim de Almeida, Quentin Tarantino streamingze di Antonio Banderas, che è affiancato da una splendida e sensuale Salma Hayek: anche questa volta il protagonista-suonatore di chitarra dovrà combattere contro i narcotrafficanti a suon di sparatorie e botte da orbi.
Il regista assieme all’amico Que
ntin Tarantino darà vita, nel 1996, a Dal tramonto all’alba: il primo in veste di regista e produttore, il secondo in quelle di sceneggiatore ed attore al fianco di George Clooney, Harvey Keitel, Juliette Lewis, Salma Hayek, Tom Savini e Danny Trejo.
 Nel 1998 esce il modesto The Faculty nel quale alcuni studenti della Herrington High, tra cui Elijah Wood e Josh Hartnett, devono vedersela con dei parassiti alieni. Nel film sono inoltre presenti la solita Salma Hayek nei panni di un’infermDal Tramonto All'Alba (From Dusk till Dawn) di Robert Rodriguez con Harvey Keitel, Juliette Lewis, George Clooney, Salma Hayek, Danny Trejo, Tom Savini e Quentin Tarantino streaming 1iera e Robert Patrick.
Robert Rodriguez nel 2001 con Spy Kids decide di cambiare genere e fare un film adatto anche ai più piccoli. In questo film recitano il suo attore feticcio Antonio Banderas, Carla Gugino, Alexa Vega, Daryl Sabara e Danny Trejo.
Nel 2002 e nel 2003 usciranno i due seguiti di Spy Kids.
Nel 2003 finalmente torna al genere che è più nelle sue corde con l’otti
mo C’era Una Volta in Messico, capitolo conclusivo della Trilogia del Mariachi, ancora con protagonista Banderas nei panni del Mariachi, affiancato da Salma Hayek, Mickey Rourke, Jhonny Depp, Willem Dafoe, Eva Mendes e Danny Trejo.
Nel 2005 dirige Sin City, l’ad
Spy kids streaming con Antonio Banderas, Carla Gugino,  Alexa Vega e Danny trejo di Robert Rodriguezattamento cinematografico dell’omonimo fumetto di Frank Miller e Le avventure di Sharkboy e Lavagirl in 3-D.
Nel 2007, con
l’amico Tarantino, si dedicherà all’ambizioso progetto di Grindhouse, un omaggio ai film d’expolitation degli anni ’70 ed ’80. L’opera è divisa in due episodi, il primo è Grindhouse – A prova di morte (Death Proof) con protagonista Kurt Russell e diretta Quentin Tarantino, il secondo capitolo, Grindhouse – Planet Terror, quello meglio riuscito tra i due, è diretto dallo stesso Rodriguez. In Planet Terror un virus ha trasformato gli esseri umani in zombie barcollanti, affamati di carne umana e solo il giovane Wrey (Freddy Rodriguez) e la sua ragazza Cherry (Rose McGowan) sono l’unica speranza per la razza umana. Tra gli attori sono inoltre presenti: Mamachete kills di robert rodriguez con Danny Trejo, Antonio Banderas, Charlie Sheen, Michelle Rodriguez, Jessica Alba, Mel Gibson, Alexa Vega streaming rley Shelton, Josh Brolin, Michael Biehn, Naveen Andrews, Michael Parks, Jeff Fahey e Bruce Willis.
Nel 2009 dirige Il Mist
ero Della Pietra Magica, prima del suo grande ritorno nel 2010 con Machete, che ha come protagonista l’ex agente messicano Machete Cortez, dal volto scavato e segnato dal tempo e dai modi rudi. Machete Cortez è interpretato dall’attore feticcio di Robert Rodriguez Danny Trejo, affiancato da Michelle Rodriguez, Robert De Niro, Jessica Alba, Steven Seagal, Jeff Fahey, Lindsay Lohan, Cheech Marine e Don Johnson.
Nel 2011 esce Spy Kids 4 – È tempo di eroi e nel
2013 tornano le avventure di Machete Cortez in Machete Kills con protagonisti: Danny Trejo, Antonio Banderas, Charlie Sheen, Michelle Rodriguez, Jessica Alba, Mel Gibson, Alexa Vega, Sofía Vergara, Amber Heard, Zoë Saldaña,Cuba Gooding Jr., Tom Savini e Lady Gaga.

Luca Miglietta

Dal Tramonto All'Alba (From Dusk till Dawn) di Robert Rodriguez con Harvey Keitel, Juliette Lewis, George Clooney, Salma Hayek, Danny Trejo, Tom Savini e Quentin Tarantino streaming

Come nacquero i Blues Brothers

Come nacquero i Blues Brothers

Come nacquero i Blues Brothers, la band protagonista della pellicola di enorme successo The Blues Brothers

Come nacquero i Blues Brothers The Blues Brothers streaming di John Landis. Con Dan Aykroyd, John Belushi, James Brown, Carrie Fisher, Cab Calloway, Ray Charles, Aretha Franklin 116John Belushi e Dan Aykroyd, i due futuri Blues Brothers, si erano conosciuti in Canada a Toronto nel 1973. I due avevano fatto conoscenza grazie ad un collettivo di comici che frequentavano entrambi e che lavorava tra Toronto e Chicago, la città natale di Belushi.
Aykroyd e Belushi musicalmente parlando ascoltavano generi diversi: il primo era un appassionato di blues, il secondo preferiva invece il rock anni Settanta.  I due erano diversi pure dal punto di vista caratteriale: Aykroyd era meticoloso, un vero maniaco del dettaglio e riflessivo, Belushi invece era estroverso, disordinato e soprattutto un mix di genio e sregolatezza.
Ben presto però Aykroyd riuscì a convertire l’amico al Blues.

Come nacquero i Blues BrothersNel 1975 i due futuri Blues Brothers entrarono nel cast di Saturday Night Live, popolare trasmissione comica della tv americana. Un giorno i due provarono a inserire nel programma la loro musica: Aykroyd suonava l’armonica, Belushi in passato aveva suonato la batteria e ad entrambi piaceva cantare.
L’idea dei Blues Brothers fu di Aykroyd con la collaborazione di Howard Shore, un suo amico musicista di Toronto. Belushi ed Aykroyd così cominciarono a suonare dal vivo in una serie di locali.
I Blues Brothers in seguito sbarcheranno in tv ospiti di un programma del comico Steve Martin, cantando Hey bartender di Floyd Dixon.

Come nacquero i Blues BrothersIntanto era nelle sale era uscito Animal House di John Landis nel quale Belushi interpretava il personaggio di Blutarsky, che lo rese ancora più popolare negli USA, tanto da convincere  Steve Martin a chiedere ai Blues Brothers di aprire nove serate del suo show a Los Angeles.
I due compresero subito che necessitavano di una band di veri musicisti che li accompagnasse, il loro problema fu risolto da Paul Shaffer, musicista nell’orchestra del Saturday Night Live (che poi diventerà la spalla comica di David Letterman nel suo show). Shaffer indicò loro una serie di musicisti adatti, che Belushi riuscì a convincere solo dopo interminabili telefonate, ma che non si pentirono mai della loro decisione, perché divennero famosi in tutto il mondo.

Come nacquero i Blues BrothersGli spettacoli a Los Angeles, con Shaffer e i nuovi musicisti furono un grande successo, tanto da convincere la Atlantic Records a fargli un contratto e alla fine del 1978 uscì il loro primo disco Briefcase full of blues, che arrivò al numero uno delle classifiche americane e ottenne due dischi di platino.
Intanto visto l’enorme successo John Belushi e Dan Aykroyd stavano cominciando a pensare di fare un film con protagonisti i due Blues Brothers.

Come nacquero i Blues BrothersIl progetto di The Blues Brothers fu affidato a John Landis, il regista di Animal House, la sceneggiatura fu affidata ad Aykroyd, che non ne aveva mai scritto una in tutta la sua e a produrre il film ci pensò Universal Pictures. Dan Aykroyd però scrisse una lunghissima sceneggiaturadi 324 pagine, ben tre volte la media di una normale sceneggiatura e John Landis riuscì a realizzare con grande fatica in sole tre settimane una versione più corta che potesse essere girata.

Come nacquero i Blues BrothersNon restava che convincere gli altri membri della band ad aderire al progetto dei due comici, Shaffer rinunciò subito per altri impegni profesionali, cosa che non piacque per nulla a John Belushi che disse agli altri componenti della band “Shaffer è fuori, non sarà mai un Blues Brothers”. Paul Shaffer che raccontò in seguito:

avevo amorevolmente messo insieme la band con John Belushi e Dan Aykroyd e davvero mi sentivo parte di essa. Poi nello stesso periodo stavo lavorando alla co-produzione del nuovo disco di Gilda Radner (anch’essa comica nel S.N.L. ndr), e ho dovuto fare una scelta tra John e Gilda. E ho scelto di essere fedele a Gilda. Ma è stato devastante sapere di non essere nel film. John è stato molto ferito da ciò e mi ha escluso per sempre dalla band. Siamo entrati in quella che mi piace chiamare una faida da show-business. Proprio come Dean Martin e Jerry Lewis.

Come nacquero i Blues BrothersIntanto nel 1979 esce 1941 – Allarme a Hollywood di Steven Spielberg, al quale partecipano sia John Belushi che Dan Aykroyd.  John Belushi comincia ad avere seri problemi con le droghe, in particolare la cocaina, cosa che ritarda l’inizio delle riprese, che cominciano solamente a luglio. Durante le riprese le cose non cambiarono, perché Belushi continuava a far tardi la notte per poi dormire tutto il giorno.

Dan Aykroyd ha raccontato di quel periodo:

la usavamo tutti, senza eccessi. Ma John la adorava. Lo teneva come vivo la notte, quella sensazione di superpotere in cui cominci a parlare e parlare e pensi di poter risolvere ogni problema del mondo.

Come nacquero i Blues BrothersDan Aykroyd ha anche ammesso a Vanity Fair che il film aveva un budget per la cocaina per le riprese notturne. Dan Aykroyd addirittura una sera non trovando più il suo collega e amico, aveva seguito un sentiero che portava ad una casa nelle vicinanze del set, l’unica che aveva a quell’ora trada ancora le luci accese. Bussò alla porta e chiese informazioni su John e il padrone di casa lo portò da Belushi che dormiva sul divano di casa sua dopo avergli “saccheggiato” il frigo.

Il regista John Landis aveva detto che sul set dei Blues Brothers John Belushi nell’uso della cocaina erapeggio di Tony Montana”. Regista che ha successivamente ha raccontato a Vanity Fair della situazione di Belushi:

è come un gioco. Lui la nasconde, io la ritrovo e la faccio sparire gettandola nel gabinetto. Probabilmente vale un mucchio di soldi, ma me ne frego. Mentre faccio ritorno alla mia roulotte, mi si avvicina John e con tono perentorio mi dice: “Che cosa hai fatto? ”, poi mi spintona e quasi mi getta sul tavolo. E’ patetico. Sta cercando di arrivare al tavolo per recuperare quanta più cocaina rimasta possibile. John, capito ciò che aveva fatto, mi abbracciò e iniziò a singhiozzare chiedendomi scusa. Entrambi siamo lì, seduti e piangiamo così gli dico “John, quello che stai facendo non ha senso”.

Come nacquero i Blues BrothersLa Universal nel frattempo era così preoccupata, per il fatto che ad ottobre le riprese non erano ancora terminate e che il budget aveva sforato di alcuni milioni, da cominciare a pensare ad una sostituzione di Belushi con una controfigura, o un suo ricovero, che però avrebbe allungato ulteriormente i tempi. Alla fine fu trovata la soluzione: Belushi fu affiancato da una sorta di tutore che in precedenza si era occupato del chitarrista degli Eagles Joe Walsh e le riprese a Chicago e a Los Angeles si conclusero in fretta.
Le vicissitudini riguardanti il film appena concluso non erano però finite, perché molti proprietari delle sale cinematografiche lo giudicarono un film “da neri” e sostennero che i bianchi non sarebbero andati a vederlo. Ritenevano inoltre che Aretha Franklin, Cab Calloway, Ray CharlesJames Brown, le leggende del soul protagoniste del film fossero fuori moda. Per questi motivi The Blues Brothers uscì il 20 giugno 1980 in solamente 600 cinema rispetto ai 1400 usuali per un film di quel budget.

Come nacquero i Blues BrothersMolti conoscono la pellicola cinematografica divenuta un grande cult, ma in pochi sanno realmente Come nacquero i Blues Brothers

Formazione originale dei Blues Brothers:

John Belushi – voce (deceduto)
Dan Aykroyd – armonica a bocca, voce
Steve Cropper – chitarra solista e ritmica
Donald Dunn – basso (deceduto)
Murphy Dunne – tastiere
Willie Hall – batteria, percussioni
Steve Jordan – batteria, percussioni
Birch Johnson – trombone
Tommy Malone – trombone, tromba, sassofono
Lou Marini – sassofono
Matt Murphy – chitarra solista e ritmica
Alan Rubin – tromba (deceduto)
Paul Shaffer – tastiere, arrangiamento
Tom Scott – sassofono

Come nacquero i Blues BrothersAltri membri dei Blues Brothers:

Jim Belushi – voce
John Goodman – voce
J. Evan Bonifant – armonica, voce
Joe Morton – voce
Cab Calloway – voce, armonica
Larry Thurston – voce
Eddie Floyd – voce
Sam Moore – voce
Don Gregory Blues – voce
Tommy McDonnell – armonica, voce
Rob Paparozzi – harmonic voce
Leon Pendarviss – pianoforte, voce, arrangiamento
Danny Gottlieb – batteria
Jimmy Biggins – sassofono
Anthony Cloud – tastiere
Birch Johnson – trombone
Eric Udel – basso
John Tropea – chitarra
Lee Finkelstein – batteria
Steve Potts – batteria
Anton Fig – batteria
Larry Farrell – trombone
Alto Reed – sassofono
Jonny Rosch – voce, armonica

Come nacquero i Blues BrothersMa ora veniamo ai dati tecnici di The Blues Brothers, la commedia musicale del 1980 diretto da John Landis e interpretato da John Belushi e Dan Aykroyd.

Titolo originale: The Blues Brothers

Paese di produzione: USA

Anno: 1980

Durata: 133 min (versione estesa 148 min)

Colore: colore

Audio: sonoro

Genere: commedia, azione, musicale

Regia: John Landis

Come nacquero i Blues BrothersAttori e ruolo:

John Belushi: Jake “Joliet” Blues
Dan Aykroyd: Elwood Blues
James Brown: reverendo Cleophus James
Cab Calloway: Curtis
Ray Charles: Ray, proprietario del negozio di strumenti
Aretha Franklin: moglie di Matt Murphy
Matt Murphy: Matt “Guitar” Murphy
Steve Cropper: Steve “The Colonel” Cropper
Donald Dunn: Donald “Duck” Dunn
Murphy Dunne: Murph
Willie Hall: Willie “Too Big” Hall
Tom Malone: Tom “Bones” Malone
Lou Marini: Lou “Blue” Marini
Alan Rubin: Mr. Fabulous
Carrie Fisher: donna misteriosa, ex-fidanzata di Jake lasciata all’altare
Henry Gibson: capo dei nazisti dell’Illinois
Eugene J. Anthony: Gruppenführer
John Candy: comandante di polizia Burton Mercer
Kathleen Freeman: sorella Mary Stigmata, “la Pinguina”
Steve Lawrence: Maury Sline, agente teatrale
Twiggy: ragazza chic
Jeff Morris: Bob
Charles Napier: Tucker McElroy
John Lee Hooker: Slim, cantante di strada
Frank Oz: ufficiale del carcere
John Landis: Trooper La Fong
Steven Spielberg: impiegato dell’ufficio delle tasse
Joe Walsh: uno dei carcerati nella scena finale
Paul Reubens: cameriere

Come nacquero i Blues BrothersSoggetto: John Landis, Dan Aykroyd

Sceneggiatura: John Landis, Dan Aykroyd

Fotografia: Stephen M. Katz

Montaggio: George Folsey Jr.

Musiche: AA. VV.

Scenografia: Hal Gausman, Leslie McCarthy-Frankenheimer

Trailer di The Blues Brothers in lingua originale: link streaming youtube

Luca Miglietta

Come nacquero i Blues Brothers The Blues Brothers streaming di John Landis. Con Dan Aykroyd, John Belushi, James Brown, Carrie Fisher, Cab Calloway, Ray Charles, Aretha Franklin 115

Stanley Kubrick il fotografo

Stanley Kubrick il fotografo

Stanley Kubrick il fotografo Stanley Kubrick.Stanley Kubrick è riconosciuto da tutti come uno dei più grandi registi di sempre, ma in pochi sanno che è stato nondimeno un ottimo ed apprezzato fotografo. Prima di mettersi dietro la macchina da presa e girare capolavori come Shining, Il dottor Stranamore, Arancia Meccanica o Full Metal Jacket, nel 1945 a soli diciassette anni fu assunto come apprendista fotografo dalla rivista statunitense Look magazine e diventò in breve tempo uno dei più giovani e promettenti fotografi in circolazione.
Tutto era iniziato quattro anni prima, quando, il giorno del suo tredicesimo compleanno Stanley riceve in regalo dal padre la sua prima macchina fotografica, momento che segna la svolta nella sua vita, perché comincia a capire di avere un innato talento nel descrivere il mondo attraverso le immagini.
La sua prima fotografia pubblicata su Look magazine ritrae un edicolante di New York affranto il giorno della morte del presidente Franklin Delano Roosevelt, dopo pochi mesi il giovane Kubrick sarà definitivamente assunto dalla rivista.
Il suo genio venne subito alla luce in una serie di scatti che ritraggono l’America del dopoguerra e che sono oggi conservati al Museum of the City of New York, che custodisce circa 20mila negativi.
Ecco alcune foto nelle quali potrete notare il suo talento di fotografo:Stanley Kubrick il fotografo Stanley Kubrick, a tale of a shoe-shine boy, 1947Stanley Kubrick il fotografo Stanley Kubrick, myths of a Paddy Wagon Stanley Kubrick il fotografo Stanley Kubrick, Personalities of the circus, marzo 1948 Stanley Kubrick il fotografo Stanley Kubrick, Ritratti e sperimentazioni, 1946 Stanley Kubrick il fotografo Stanley Kubrick, The New York Subway, 1947 Stanley Kubrick il fotografo Stanley Kubrick, Montgomery Clift. Stanley Kubrick il fotografo Stanley Kubrick, Montgomery Clift Stanley Kubrick il fotografo Stanley Kubrick, Dailies of a rising star, Betsy von Furstenberg, 1950 Stanley Kubrick il fotografo Stanley Kubrick, Columbia University, 1948  Stanley Kubrick il fotografo Stanley Kubrick, World sport boxing's two mythic heroes Rocky Graziano, dicembre 1949 Stanley Kubrick il fotografo Stanley Kubrick, myths of a Paddy Wagon. Stanley Kubrick il fotografo Stanley Kubrick, Montgomery Clift Stanley Kubrick il fotografo Stanley Kubrick, a tale of a shoe-shine boy, 1947                                                                                                                               Luca Miglietta

Il cinema catastrofico di Roland Emmerich

Il cinema catastrofico di Roland Emmerich

Roland Emmerich puIl cinema catastrofico di Roland Emmerich Independence Day con Jeff Goldblum e Bill Pullman di Roland Emmerichò essere considerato a tutti gli effetti uno dei registi più catastrofici della storia del cinema con le sue apocalissi, i suoi cataclismi e il rischio costante che l’umanità possa essere spazzata via. Emmerich dopo tutto è sempre stato bravo confezionare film spettacolari infarciti di moltissimi ed efficacissimi effetti speciali, che spesso, ma non sempre, fanno da padrone rispetto alla trama.
Per citarne alcuni basti pensare a Stargate, Independence Day, The Day After Tomorrow, 2012, Godzilla, in tutti questi cinque film il mondo e la vita umana rischiano di essere disintegrati. In Stargate una potentissima bomba nucleare aliena rischia di estinguere la razza umana; in Indipendence Day, The Day After Tomorrow e 2012 le città vengono rase al suolo, in Godzilla un mostro e i suoi eventuali cuccioli rischiamo diIl cinema catastrofico di Roland Emmerich Stargate streaming di Roland Emmerich con Kurt Russell, James Spader, Alexis Cruz, Viveca Lindfors e Erick Avari porre fine all’umanità. In tutti e cinque i film  solo i pochi e abili superstiti riescono a sconfiggere o limitare il mostro, gli alieni o i cataclismi naturali di turno.
Inoltre se proprio vogliamo essere cattivi si possono notare numerosissimi tratti in comune presenti nei suoi sopracitati film, eccetto in Stargate che viene ambientato su di un altro pianeta. Partiamo dal fatto curioso che New York deve essere assolutamente distrutta o devastata, quasi il regista avesse conto in sospeso con la Grande Mela.  Altro elemento che evidentemente peIl cinema catastrofico di Roland Emmerich The Day After Tomorrow - L'alba del giorno dopo streaming di Roland Emmerich con Dennis Quaid, Jake Gyllenhaal, Emmy Rossumr contratto deve essere per forza presente nei suoi lungometraggi, prendendo in esame questa volta Indipendence Day, The Day After Tomorrow e 2012 è il fatto che il Presidente degli Stati Uniti o qualche suo famigliare devono morire: muore la moglie del presidente in  Indipendence Day e muore il presidente degli USA sia in The Day After Tomorrow che in 2012.
Altro elemento essenziale dei suoi film è il fatto che il protagonista è normalmente uno scienziato (eccetto in 2012 nel quale è un romanziere) e che è l’unico che comprende prima di tutti ciò che sta accadendo. Questi però non viene mai creduIl cinema catastrofico di Roland Emmerich Godzilla streaming di Roland Emmerich con Jean Reno, Matthew Broderick, Maria Pitillo e Hank Azariato da nessuno, altrimenti il lungometraggio durerebbe troppo poco! Ma non temete, quando alla fine la situazione è quasi irrimediabile, l’impavido protagonista salva sempre le sorti dell’umanità. Da non dimenticare la situazione sentimentale del protagonista, sempre divorziato o quasi, questo perché in Godzilla è stato solamente mollato dalla sua ex. Ovviamente alla fine del film torneranno tutti felici e contenti! Un classico.

Luca MigliettaIl cinema catastrofico di Roland Emmerich Independence Day streaming di Roland Emmerich con Bill Pullman, Jeff Goldblum, Will Smith e Mary McDonnell

Toro Scatenato: quando Robert De Niro salvò Martin Scorsese

Toro Scatenato: quando Robert De Niro salvò Martin Scorsese

Toro Scatenato: quando Robert De Niro salvò Martin Scorsese Toro scatenato streaming con di Martin Scorsese con Robert De Niro, Joe Pesci, Cathy Moriarty, Frank Vincent, Nicholas Colasanto 2Può un film salvare una vita? A quanto pare sembra proprio di sì, almeno questo è quello che ha sempre raccontato Martin Scorsese a proposito di Toro scatenato. La vita di cui stiamo parlando per chi non lo avesse capito era proprio quella dello stesso regista italo-americano.
Il progetto era iniziato quando Robert De Niro, grande amico di Scorsese, gli presentò il libro Toro Scatenato, che Jake La Motta aveva realizzato assieme a Peter Savage e a Joseph Carter. Scorsese che stava ancora girando Alice non abita più qui decise che in futuro avrebbe fatto il film.
Dopo l’insuccesso di New York, New York il regista ebbe numerosi problemi dovuti al suo secondo divorzio e all’uso eccessivo di alcol e droghe che lo portarono a trascorre intere giornate a letto e a pesare solo più 49 chili.
Robert De Niro, che spesso andava a trovare il regista in osToro Scatenato: quando Robert De Niro salvò Martin Scorsese Toro scatenato streaming con di Martin Scorsese con Robert De Niro, Joe Pesci, Cathy Moriarty, Frank Vincent, Nicholas Colasantopedale, nel quale era stato ricoverato a causa di un’emorragia interna, cercava di convincerlo a girare il film per cercare di uscire da quella terribile situazione che lo avrebbe portato all’autodistruzione.
Scorsese, appena uscito dall’ospedale, seguendo il consiglio dell’amico, decise finalmente che avrebbe portato a termine il progetto di Toro scatenato. Si dedicò così anima e corpo con De Niro alla scrittura della sceneggiatura del film.
Toro scatenato ottenne un ottimo successo, salvò letteralmente la vita di Scorsese e permise a De Niro di conquistare il suo secondo Oscar.

Scorse parlando del film disse “Lo girai come un kamikaze. Ce l’avevo messa tutta. E pensavo che sarebbe stato il mio ultimo film

 

Titolo originale: Raging Bull
Lingua originale: inglese
Paese di produzione: Stati Uniti
Anno: 1980
Durata: 129 min
Colore: B/N con sequenze a colori
Audio: sonoro
Rapporto: 1.85:1
Genere: biografico, drammatico, sportivo
Regia: Martin Scorsese
Attori: Robert De Niro, Cathy Moriarty, Joe Pesci, Frank Vincent, Nicholas Colasanto, Theresa Saldana, Mario Gallo, Frank Adonis, Joseph Bono, Frank Topham, Lori Anne Flax, Charles Scorsese, Shay Duffin, Jack Lotz, Kevin Breslin, Michael Badalucco, Geraldine Smith, Peter Savage, Laura James, Martin Scorsese
Soggetto: Jake LaMotta, Joseph Carter, Peter Savage
Sceneggiatura: Paul Schrader, Mardik Martin
Produttore: Irwin Winkler, Robert Chartoff
Fotografia: Michael Chapman
Montaggio: Thelma Schoonmaker
Musiche: AA.VV.
Scenografia: Gene Rudolf
Trailer in italiano: Toro scatenato
Trailer in lingua originale: Raging Bull eng

Luca Miglietta
Toro Scatenato: quando Robert De Niro salvò Martin Scorsese Toro scatenato streaming con di Martin Scorsese con Robert De Niro, Joe Pesci, Cathy Moriarty, Frank Vincent, Nicholas Colasanto 1

I film maledetti

I film maledetti

I film maledetti, pellicole che hanno avuto molte sfortune intorno alla loro lavorazione oppure successivamente

I film maledetti. Da sempre il cinema è stato associato a fatti drammatici e incidenti, soprattutto a causa dei frequenti incendi che si verificavano nelle sale di proiezione per via della celluloide di cui erano fatte le pellicole, che era altamente infiammabile.
I film maledetti Alcuni film nascono sotto una cattiva stella, altri invece sono stati funestati da così tante sciagure,  lutti,  incidenti e misteri inquietanti, sia prima che dopo la lavorazione, da guadagnarsi a tutti gli effetti l’appellativo di film maledetti.
Eccovi una breve presentazione in
ordine cronologico delle pellicole maledette della storia del cinema, non vi resta che accendere il lettore dvd e sbarrare porta e finestre…

Nosferatu (1922)

I film maledetti NosferatuNosferatu è un film muto diretto da Friedrich Wilhelm Murnau e proiettato per la prima volta il 5 marzo 1922. La sceneggiatura del film è ispirata liberamente al romanzo Dracula di Bram Stoker e Murnau per non pagare il diritto d’autore dovette modificare il titolo, i nomi dei personaggi (il Conte Dracula diventa il Conte Orlok) e i luoghi (è ambientato a Wisborg anziché a Londra). Purtroppo per lui gli eredi di Stoker gli fecero causa e fu condannato per violazione del diritto d’autore a distruggere tutte le copie della pellicola. Murnau però riuscì a salvarne una pellicola, permettendo al film di sopravvivere e di giungere ai giorni nostri.
Il vero mistero legato a questo film è senza dubbio il suo protagonista, l’attore tedesco Friedrich Gustav Max Schreck. Intorno alla figura del Conte Orlok interpretato da Schreck aleggiano molte leggende. Secondo alcuni non sarebbe mai esistito un Max Schreck e ad interpretare il Conte Orlok ci sarebbe stato lo stesso regista abilmente truccato. Altri invece credono che Murnau si fosse recato nei Carpazi per cercare un vero vampiro. Ad alimentare nel tempo le strane leggende riguardo all’esistenza dell’attore tedesco ha contribuito la curiosa coincidenza legata al significato del nome Max Schreck, che in tedesco significa all’incirca “Massimo Terrore”. Tutta
I film maledetti Nosferatuvia l’ipotesi dello Schreck attore sembra essere confermata dagli annali di teatro, dove tra i protagonisti minori vi sono citazioni riguardanti un tale Max Schreck.
 Voci non confermate parlarono di misteriosi incidenti sul sete di riprese quasi esclusivamente notturne, alimentando le leggende legate alla pellicola, che venne poi ripresa dal film L’Ombra del Vampiro di E. Elias Mehrige, nel quale si ripercorre le tappe della lavorazione di Nosferatu.

Il Conquistatore (1956)

I film maledetti il conquistatoreIl Conquistatore è un film epico diretto dal regista americano Dick Powell. Il film è considerato sia un fallimento commerciale che di critica, tanto da essere ritenuto uno dei peggiori film degli anni cinquanta.
La maledizione riguardante questo film non venne alla luce per molti anni, fino a quando molti dei componenti della troupe non iniziarono a morire.
Delle 220 persone che componevano il cast e la troupe 91 hanno contratto e sviluppato una qualche forma di cancro e 46 di loro sono deceduti di malattia.
Per citarne alcuni nel 1963 morì di cancro il regista Dick Powell e poco dopo lo seguì l’attore Pedro Armendariz, che si suicidò ormai all’ultimo stadio di questo male. Susan Hayward, Agnes Moorehead e John Wayne moriron
I film maledetti il conquistatoreo di cancro nel decennio successivo.
La causa di tante morti per la stessa malattia si è pensato fo
sse legata a St. George nello Utah, il luogo scelto per le riprese, distante poco più di cento miglia dal sito di un esperimento nucleare nel Nevada. Il governo federale ha sempre negato che le cause fossero collegate alle radiazioni provocate dagli esperimenti.

Rosemary’s Baby (1968)

I film maledetti Rosemary's Baby - Nastro rosso a New York.Rosemary’s Baby – Nastro rosso a New York, del 1968, è diretto da Roman Polanski e tratto dall’omonimo romanzo di Ira Levin. Questo film ha legato il suo nome a un terrificante fatto di sangue.
Il film narra la storia della nascita dell’anticristo e Roman Polanski si avvale della consulenza di Anton LaVey fondatore della Chiesa di Satana.
L’aver reso noti culti e credenze dei satanisti non deve essere piaciuto molto a Charles “Satana” Manson perché alcuni mesi dopo, mentre il regista si trovava in Inghilterra, il criminale ha ordinato l’esecuzione di Sharon Tate, moglie del regista, che era incinta di otto mesi, proprio come la protagonista del film.
L’omicidio, compiuto da un uomo e tre donne plagiati da Manson è avvenuto nella villa di Cielo Drive, il 9 agosto del 1969.
Manson stesso, nel giustificare i propri atti, afferma di essere stato
I film maledetti Rosemary's Baby - Nastro rosso a New Yorkispirato dai Beatles e nello specifico dalla canzone Helter Skelter.
Rosemary’s Baby è famoso anche per un altro triste episodio: il palazzo dove è stato girato, il Dakota di New York, fu anche il luogo dove John Lennon fu ucciso l’8 dicembre 1980. L’assassinio inoltre avvenne esattamente nel punto dove nel film di Polanski precipitava uno dei personaggi. Uno dei film maledetti per eccellenza. Quentin Tarantino ha girato il film Once Upon a Time in Hollywood ispirato agli omicidi della setta di Charles Manson tra cui quello l’attrice Sharon Tate.

L’esorcista (1973)

L’esorcista è diretto dL'Esorcista I film maledettial regista americano William Friedkin e tratto dall’omonimo romanzo di William Peter Blatty, che scrisse anche la sceneggiatura del film.
Questo film ebbe così tanti incidenti che il regista chiese al reverendo
Thomas Bermingham di effettuare un vero esorcismo sul set, però quest’ultimo ritenne che non fosse una buona idea perché avrebbe contribuito ad incrementare l’agitazione tra il cast e decise invece di benedire il set.
Tra i fatti accaduti, che permettono di considerarlo uno dei film maledetti, si possono ricordare:

  • un incendio dopo due giorni di riprese distrusse quasi interamentI film maledetti L'Esorcista 3e gli interni della casa dei protagonisti, causando un ritardo per le riprese di diverse settimane e danni per 200.000 dollari
  • una moderna macchina di refrigerazione costata 50.000 dollari accusò molti malfunzionamenti;
  • Ellen Burstyn e Linda Blair riportarono problemi alla schiena, la prima addirittura dopo un incidente sul set restò paralizzata per alcuni giorni
  • prima che la fase di produzione fosse conclusa morirono almeno sei persone legate alla produzione tra cui il figlio appena nato di un assistente, un guardiano notturno, l’attrice che interpreta la madre di padre Karras, il fratello di Max Von Sydow e il nonno di Linda Blair
  • Jack MacGowran, il cui personaggio muore nel film, morì poco più di un mese dopo l’uscita nelle saleI film maledetti L'Esorcista
  • secondo il giornalista di American Hollywood Joe Hyams, a Roma, in una piazza nelle vicinanze del cinema Metropolitan che stava proiettando il film, una croce alta oltre due metri, dopo essere stata colpita da un fulmine, cadde dal tetto di una Chiesa dove era stata posata circa 400 anni prima
  • Strana sparizione della gigantesca statua del demone assiro Pazuzu che, spedita in Iraq per le riprese del prologo, finì per qualche strano motivo a Hong Kong.

 Il Presagio (1976)

Il Presagio è diretto da Richard Donner e tratto da un romanzo di David Seltzer.
Anche questo film come Rosemary’s Baby parla della nascita dell’anticristo e durante e dopo le sue riprese ebbe numerosi e strani incidenti misteriosi tra i quali:

  • L’aereo proveniente da Los Angeles su cui viaggiava il protI film maledetti Il presagioagonista Gregory Peck fu colpito da un fulmine. Tre giorni dopo sullo stesso aereo stava viaggiando David Seltzer quando venne nuovamente colpito da un fulmine
  • la stazione metropolitana di Green Park a Londra saltò in aria mentre la troupe cinematografica ci si stava recando
  • per realizzare alcune riprese dall’alto il regista noleggiò un piccolo aeroplano, questo, poco dopo essere decollato, perse quota e precipitò investendo in pieno l’auto sulla quale viaggiavano la moglie e i figli del pilota. Morirono tutti
  • lo specialista per gli effetti speciali John Richardson, autoreI film maledetti Il presagio 1 della celebre sequenza della decapitazione del fotografo, quando si trovava in Belgio sul set del film Quell’ultimo ponte, ebbe un incidente d’auto frontale. La fidanzata, che era in auto con lui, morì decapitata. Quando si riprese e scoprì che la ragazza era morta, su un cartello stradale lesse la scritta Liège 66,6 km (666 il simbolo del diavolo).

Superman (1978)

Superman è un supereroe dei fumetti maledetto, perché ha poI film maledetti Superman Christopher Reevertato sfortuna a tutti gli attori che lo hanno interpretato.
La disgrazia più famosa è quella legata all’attore Christopher Reeve, protagonista del film Superman del 1978 diretto da Richard Donner. Reeeve, il 27 maggio 1995, durante una gara di equitazione a Charlottesville in Virginia, cadde da cavallo riportando lo spostamento di due vertebre cervicali con la seguente lesione al midollo spinale. A causa dell’incidente Reeve ebbe una paralisi permanente dal collo in giù, perdendo l’uso di tutti gli arti e della capacità di respirare autonomamente. Da quel tragico fatto fino alla morte, avvenuta 9 anni dopo, è rimasto su una sedia a rotelle e collegato a un respiratore artificiale.
Molto meno conosciuti sono i fatti legati ad altri due attori:

  • Kirk Alyn negli anni quaranta interpretò una serie su Superman e dopo questa esperienza non riuscì più a trovare lavoro. L’attore sostenne che i direttori di casting ritenevano che fosse troppo legato alla figura di Superman e che non sarebbe stato credibile in alcun altro ruolo. Alla fine si ritirò in Arizona, maI film maledetti Superman Kirk Alyn gli fu concesso un  cameo non accreditato nel film del 1978 Superman: Il film, dove interpretava il padre di Lois Lane.
  • Negli anni cinquanta George Reeves interpretò Superman nel film Superman e l’uomo talpa (1951) e la serie televisiva Le avventure di Superman. Anch’egli rimase senza lavoro per le medesime ragioni di Alyn, ma la sua reazione fu peggiore: nel 1959, pochi giorni prima di sposarsi, si tolse la vita sparandosi un colpo di pistola alla tempia. La morte fu archiviata come suicidio, ma altre teorie persistono.

Poltergeist – Demoniache presenze (1982)

Poltergeist – Demoniache presenze, diretto dal regista ameI film maledetti Poltergeist - Demoniache presenze 2ricano Tobe Hooper, narra la    storia della famiglia Freeling che è andata ad abitare in una casa costruita sopra un cimitero e che per questo è infestata dagli spiriti.
Furono numerosi gli avvenimenti
luttuosi e inspiegabili legati a questo film e ai suoi sequel, che diedero vita alla cosiddetta “Maledizione di Poltergeist”, per citarne alcuni:

  • Heather O’Rourke, morta a soli 12 anni per una rara malattia, poco prima dell’uscita dell’ultimo film della serieI film maledetti Poltergeist - Demoniache presenze 3
  • Dominique Dunne, strangolata a 22 anni dall’ ex-fidanzato che non accettava la fine della loro storia
  • Julian Beck, consumato da un tumore allo stomaco
  • Will Sampson, deceduto in seguito a delle difficoltà dovute ad un trapianto.

La maledizione legata a Poltergeist alcuni credono che sia dovuta al fatto che la casa dove vengono ambientati gli episodi sorga davvero su un anticoI film maledetti Poltergeist - Demoniache presenze cimitero indiano. La casa utilizzata nel film inoltre fu seriamente danneggiata da un terremoto nel 1994: il garage fu distrutto dalle fondamenta, la strada di accesso dovette essere ricostruita, il muro sotto la finestra principale e il muro del giardino si mostravano cadenti e collassati.

Tre Scapoli e un bebè (1987)

I film maledetti Tre Scapoli e un bebèTre scapoli e un bebè è diretto da Leonard Nimoy ed è un remake hollywoodiano del film francese Tre uomini e una culla del 1985. E’ davvero curioso trovare tra i film maledetti un film comico, però, in una scena del film, quasi nascosto da una tenda, sembra esserci il fantasma di un bambino di nove anni. Questo bambino era rimasto ucciso pochi anni prima da un colpo partito accidentalmente dal fucile del padre, proprio nella casa in cui vennero girate alcune scene del film.
La presenza del fantasma fu scoperta nell’agosto 1990, quando una donna, assistendo alla proiezione del film, riconobbe il proprio figlio defunto. Oltre
a questa scena pochi secondi prima, nella stessa inquadratura, allo stesso posI film maledetti Tre Scapoli e un bebè 1to, appare qualcosa di molto simile a un fucile.
 In seguito il regista dichiarò che il fantasma che si intravede per qualche secondo non era altro che una sagoma fotografica raffigurante l’attore Ted Danson, realizzata a fini promozionali e dimenticata sul set, minimizzando l’evento. Secondo molti qualcosa di strano è comunque accaduto.

Il Corvo (1994)

I film maledetti Il corvo - The Crow 2Il corvo è diretto da Alex Proyas e  tratto dall’omonimo fumetto di James O’Barr. Anche questo merita di far parte dei film maledetti.
Il film segna l’ultima interpretazione cinematografica di Brandon Lee, morto accidentalmente a causa di un colpo di pistola, che sarebbe dovuta essere caricata a salve, pochi giorni prima della fine delle riprese.
Secondo molti la morte di Brandon non fu causata da una tragica coincidenza ma dalla mafia cinese, che in passato aveva cercato di uccidere anche il padre.
Questa scena fu girata il 31 marzo 1993, a Wilmington, nel Nort
I film maledetti Il corvo - The Crow 4h Carolina. Sfortunatamente un frammento di un proiettile a salve, usato in precedenza per altre scene, finì nel tamburo della pistola e ferì mortalmente Brendon Lee. Le inchieste successive confermarono che la morte di Brandon Lee era accidentale e non furono trovati diretti responsabili, si parlò solo di negligenza della troupe.
Questa maledizione però più che riguardare il film sembra proprio aver preso di mira la famiglia Lee: Bruce, il padre di Brandon, morì anch’egli in circostanze che non sono mai state chiarite lasciando
a metà la realizzazione del film L’ultimo combattimento di Chen, che fu completato usandI film maledetti Il corvo - The Crowo una controfigura. Da segnalare un particolare inquietante pensando alla fine di Brandon: ne L’ultimo combattimento di Chen Bruce interpretava la parte di un esperto di arti marziali che rimaneva sfigurato e si fingeva poi morto, proprio dopo che qualcuno aveva cercato di ucciderlo sostituendo sul set una pistola caricata a salve con una caricata a proiettili veri.

I film maledetti dagli anni 2000 in poi

Matrix Reloaded (2003)

I film maledetti Matrix ReloadedMatrix Reloaded è il secondo film della trilogia fantascientifica di Matrix diretta da Lana e Andy Wachowski e precede Matrix Revolutions.
Questo secondo capitolo durante le riprese vide la morte dell’attrice Gloria Foster, che interpretava l’Oracolo e quella della cantante Aaliyah, che interpretava il ruolo di Zee e che non è riuscita a completare le riprese perché morì in un tragico incidente aereo assieme a otto m
embri della sua troupe. Successivamente è stata sostI film maledetti Matrix Reloaded 4ituita da Nona M. Gaye.
 Oltre a ciò la lavorazione fu funestata da strani incidenti sul set e misteriose sparizioni di pellicole.
 I fratelli Wachowski inoltre hanno dichiarato di aver pensato subito a Brandon Lee come possibile interprete di Neo e solo dopo la sua tragica scomparsa venne affidato a Keanu Reeves.

Batman – Il Cavaliere Oscuro (2008)

I film maledetti Batman - Il Cavaliere Oscuro 2Il cavaliere oscuro è il terzo film della trilogia incentrata su Batman e diretta dal regista britannico Christopher Nolan. Questo film ha visto la morte dopo le riprese, il 22 gennaio 2008, di Heath Ledger, che interpretava Joker per un’overdose accidentale di farmaci a soli 28 anni.
La leggenda vuole che Heath fosse stato ucciso dal suo stesso personaggio, The Joker. L’attore scomparso, come aveva raccontato in molte interviste, per calarsi maggiorante nel ruolo che doveva interpretare, legge
va gialli e guardava film horror e voleva imparare a terrorizzare il suo pubblico. Questo ruolo gli deve essere entrato dentro a tal punto da non riuscire a liberarsene neppure di notte, tanto da non riuscire a dormire più di due ore e per questo ha iniziato ad usare calmanti e Ambien, un potente sonnifero. Alcuni giorni dopo la sua morte, Jack NicholsI film maledetti Batman - Il Cavaliere Oscuro 3on, che ben conosceva la figura del Joker avendolo magistralmente interpretato alcuni anni prima (Batman nel 1989) dichiarò: “Quando seppi che Heath era stato scelto per la parte di Joker lo chiamai e gli dissi di stare molto attento”.
 Ledger non è stato l’unica vittima del film perché il 26 settembre 2007 mori pure Conway Wickliffe, il tecnico degli effetti speciali. Conway mentre girava una scena del Cavaliere Oscuro si schiantò con il veicolo 4×4 contro un albero.
Al termine dei titoli di
coda del film compare la frase «In memory of our friends Heath Ledger & Conway Wickliffe» (in italiano In memoria dei nostri amici Heath Ledger e Conway Wickliffe), ai quali la pellicola è stata dedicata.
Il protagonista Christian B
I film maledetti Batman - Il Cavaliere Oscuro 1ale dopo la conclusione delle riprese è stato arrestato per aver aggredito e percosso la madre a la sorella in seguito a un improvviso e immotivato raptus che gli aveva sconvolto la mente, avvenuto nella sua suite presso il Dorchester Hotel di Londra.
Ad agosto Morgan Freeman, che nel film interpreta Lucius Fox, è rimasto vittima di un grave incidente stradale rischiando la morte.

Ho dedicato infine un articolo a parte alle incredibili sfortune che ha dovuto subire Terry Gilliam nella lavorazione di L’uomo che uccise Don Chisciotte. Ci sono voluti ben diciotto anni prima che questo film potesse venire alla luce, dopo tantissimi ritardi, infortuni e cambi di cast. Non sono neppure mancate devastanti intemperie atmosferiche e problemi e litigi nella produzione. Uno dei film che merita a tutti gli effetti di essere compreso tra i film maledetti. Ecco l’articolo che vi spiega in dettaglio cosa è accaduto tra il 2000 ed il 2018 gli anni trascorsi perchè il film potesse venire alla luce: Il Don Chisciotte maledetto di Terry Gilliam.

Luca Miglietta
I film maledetti Batman - Il Cavaliere Oscuro

Ritorno al futuro (curiosità)

Ritorno al futuro streaming Back to the Future di Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox, Lea Thompsone Christopher Lloyd 2

Curiosità del film Ritorno al futuro:

1) All’inizio del film si vedono inquadrati gli orologi del laboratoRitorno al futuro streaming Back to the Future di Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox, Lea Thompsone Christopher Lloyd 75rio di Doc. Tra questi ce n’è uno con un omino appeso alla lancetta dei minuti. SI tratta di una anticipazione di quello che succederà nel finale del film.

2) L’amplificatore in cui Marty infila lo spinotto della chitarra nel laboratorio di Doc, è etichettato “CRM 114”, è un omaggio a due film di Stanley Kubrick: è il nome del decodificatore di messaggi del B-52 del film “Il dottor Stranamore” ed è il numero di serie dell’astronave Discovery One in 2001 “Odissea nello spazio”.Ritorno al futuro streaming Back to the Future di Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox, Lea Thompsone Christopher Lloyd

3) Il guidatore della Jeep all’inizio del film è Kevin Pike, il supervisore degli effetti speciali del film.

4) Un componente della giuria che giudica i complessi in gara all’audizione è interpretato dal cantante Huey Lewis, che ha cantato due brani della colonna sonora del film: “Power Of Love” e “Back In Time”.Ritorno al futuro streaming Back to the Future di Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox, Lea Thompsone Christopher Lloyd 88

5) Mentre i fratelli di Marty scompaiono a pezzi lui si dissolve interamente nella foto.

6) Se vogliamo essere precisi, sapere che il fulmine sarebbe caduto alle 10:04, non era sufficiente per poter permettere la riuscita del piano di Doc per permettere a Marty di tornare nel 1985. Per poter sincronizzare il passaggio della DeLorean col momento nel qRitorno al futuro streaming Back to the Future di Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox, Lea Thompsone Christopher Lloyd .23 save the clock toweruale il fulmine colpiva la torre dell’orologio era necessario sapere l’ora, i minuti, i secondi e i millesimi di secondo dell’evento. Sul volantino c’era scritto solo che il fulmine avrebbe colpito la torre dell’orologio alle 10:04 .

7) Quando torna nel 1985 Marty si accorgerà che la sua famiglia è migliorata ed è curioso che non sia minimamente cambiata la foto di Marty e i suoi fratelli quando riappaiono dopo il bacio tra George e LorraineRitorno al futuro streaming Back to the Future di Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox, Lea Thompsone Christopher Lloyd 880 clock

8) Quando il fulmine cade sulla torre dell’orologio la scena è spettacolare ma fisicamente impossibile per due motivi:
1) non può percorrere il filo in maniera così vistosa perché l’elettricità è molto più veloce.
2) se i cavi non sono attaccati non c’è collegamento a terra e l’elettricità non può percorrere un filo prima ancora che i due poli siano collegati.Ritorno al futuro streaming Back to the Future di Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox, Lea Thompsone Christopher Lloyd 5

9) Nella scena in cui Marty tornato nel 1985 cerca di salvare Doc dai terroristi libici si può notare che il parcheggio non si chiama più “Twin Pines Mall” come prima che Marty andasse nel passato, ma “Lone Pine Mall”. Questo accade perchè nel 1955 Marty abbatte con la macchina uno dei due pini della fattoria di Peabody.

10) In California è possibRitorno al futuro streaming Back to the Future di Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox, Lea Thompsone Christopher Lloyd OUTATIMEile avere targhe personalizzate di 7 lettere mentre la DeLorean ha la targa di 8 lettere: OUTATIME.

11) Il nome Emmett deriva dalla parola time (tempo) pronunciata al contrario e scandita in sillabe (em-it). Analogamente accade per il secondo nome Lathrop, derivato da portal (“portale”). Emmett Lathrop Brown.Ritorno al futuro streaming Back to the Future di Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox, Lea Thompsone Christopher Lloyd doc marty mcfly

12) Quando la DeLorean fa retromarcia per prepararsi a portare Marty e Jennifer nel futuro si vede la videocamera dello staff riflessa nella targa.

Ritorno al futuro streaming Back to the Future di Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox, Lea Thompsone Christopher Lloyd doc marty mcfly

Errori presenti nel film:Ritorno al futuro streaming Back to the Future di Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox, Lea Thompsone Christopher Lloyd 28

1) Nella scena nella quale Marty cade contro la libreria nell’inquadratura lunga tutti i fogli sono già caduti e la gamba sinistra è piegata, mentre in quella più ravvicinata alcuni fogli sono ancora in movimento per aria e le gambe sono stese.

2) Nella scena in cui Marty è attaccato alla macchina per andare a scuola si vede che ha un orologio al polso, mentre quando arriva a scuola e discute col preRitorno al futuro streaming Back to the Future di Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox, Lea Thompsone Christopher Lloyd 59side l’orologio non c’è più.

3) La pettinatura di Marty cambia dopo che Jennifer lo ha baciato sulla panchina.

4) Nella scena in cui Marty entra in casa e si appoggia a delle mensole è ben visibile un vaso di vetro pieno di cioccolatini colorati. Quando Biff si avvicina a Marty e apre il vaso per prendere Ritorno al futuro streaming Back to the Future di Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox, Lea Thompsone Christopher Lloyd 880una manciata di cioccolatini si può notare che ce ne sono molti meno dentro il vaso.

5) Nella scena in cui Marty e George McFly parlano della macchina che è stata distrutta da Biff George prima ha in una tasca tre penne, poi nell’inquadratura successiva ne ha solo due.Ritorno al futuro streaming Back to the Future di Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox, Lea Thompsone Christopher Lloyd 1

6) Quando Einstein entra nella macchina del tempo c’è lo skateboard di Marty dietro la DeLorean, poi quando la macchina si muove radiocomandata lo skateboard sparisce.

7) Nella scena in cui i libici sparano i primi colpi verso Doc si veRitorno al futuro streaming Back to the Future di Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox, Lea Thompsone Christopher Lloyd 1dono le scintille sul furgone alle sue spalle ma nessun buco o scalfittura sulla carrozzeria.

8) Quando il contadino spara a Marty con il fucile lo manca ma becca la propria cassetta delle lettere che si vede esplodere dall’interno.

9) Quando Marty nel ’55 sta camminando nel centro di Hill Valley la macchina che fa la propaRitorno al futuro streaming Back to the Future di Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox, Lea Thompsone Christopher Lloyd 12ganda elettorale per il sindaco Red Thomas prima ha 2 altoparlanti ma quando si allontana, nell’inquadratura dopo, ne ha solo uno.

10) Nella scena in cui il 5 novembre 1955 Marty e sua madre da giovane con la famiglia guardano “The Honeymooners” e in particolare l’episodio “L’uomo dallo spazio” con Jackie Gleason e Art CarneRitorno al futuro streaming Back to the Future di Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox, Lea Thompsone Christopher Lloyd george and marty mcflyy, commettono un anacronismo perchè lo spettacolo televisivo uscirà solo il 31 dicembre 1955.

11) Quando Marty nel ’55 dà a Doc il volantino “Save the Clok Tower” dove dovrebbe esserci scritto il numero di Jennifer nell’inquadratura quando Doc lo tiene in mano si può notare che la scritta non c’è.

13) Quando George e Marty parlano dell’incontro con l’alieno i suoi capelli sono tutti scompigliati ma poche inquadrature dopo è Ritorno al futuro streaming Back to the Future di Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox, Lea Thompsone Christopher Lloyd 29perfettamente pettinato.

14) Quando Marty va a sbattere contro due persone che escono dalla torre dell’orologio, in una scena il signore si mette in ginocchio e aiuta la signora a rialzarsi. In quella dopo, il signore è sdraiato per terra con sopra la signora.

15) Quando Marty mette la lettera nella tasca di Doc la mette in quelRitorno al futuro streaming Back to the Future di Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox, Lea Thompsone Christopher Lloyd marty mcfly johnny b goodela di destra, però alcune scene dopo Doc la estrae dalla tasca di sinistra.

16) La chitarra che Marty suona nel 1955 non esisteva, è stata inventata solo successivamente. La Gibson ES 335 è del 1958.

17) Quando la DeLorean non si mette in moto nel momento in cui suoRitorno al futuro streaming Back to the Future di Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox, Lea Thompsone Christopher Lloyd 37na la sveglia, Marty sbatte la testa contro il volante e suona il clacson della macchina. Il clacson nella DeLorean però si trova sulla maniglia delle frecce sulla destra e al centro del volante.

18) Quando accende l’auto per andare contro al fulmine nel ’55 si  notano varie chiavi e un’etichetta attaccate al portachiavi. Quando Marty torna nel 1985 e prova ad accendere l’auto non c’è più nulla attaccato alla chiave principaRitorno al futuro streaming Back to the Future di Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox, Lea Thompsone Christopher Lloyd 881le.

19) Quando Lorraine tira fuori il libro di George ha un braccialetto nella mano destra ma subito dopo, quando passa il libro a Marty non ce l’ha più.


Recensione fil
m: Ritorno al futuro IRitorno al futuro streaming Back to the Future di Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox, Lea Thompsone Christopher Lloyd 222

Citazioni e dialoghi: Ritorno al futuro I (Citazioni e dialoghi)

Le mutande indossate da Marty

Scena del treno di Ritorno al futuro – Parte III: ecco come è stata girata

Il centro commerciale Twin Pines Mall cambia nome: Twin Pines Mall

Colonna sonora: Ritorno al futuro (colonna sonora)

Ritorno al futuro streaming Back to the Future di Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox, Lea Thompsone Christopher Lloyd 222