Archivi categoria: curiosità

Keanu Reeves aiutò passeggeri dopo l’atterraggio d’emergenza

Keanu Reeves aiutò passeggeri dopo l’atterraggio d’emergenza

Keanu Reeves aiutò passeggeri dopo l’atterraggio d’emergenza qualche mese fa su un volo della United da San Francisco a Los Angeles

Keanu Reeves aiutò passeggeri dopo l’atterraggio d’emergenzaKeanu Reeves aiutò passeggeri dopo l’atterraggio d’emergenza. In questi giorni si parla moltissimo di Dmitry Khlebushki, il passeggero del volo SU 1492 Mosca-Murmansk accusato di aver abbandonato l’aereo in fiamme con il bagaglio a mano, ritardando l’evacuazione di quelli dietro di lui. Il 5 maggio scorso il Sukhoi Superjet 100, ha fatto un atterraggio di emergenza sulla pista moscovita di Sheremetyevo, dopo essere stato colpito da un fulmine che ha messo fuori uso la strumentazione di bordo. Nell’impatto violento con il suolo il velivolo ha preso fuoco e 41 persone hanno perso la vita, alcuni si son salvati tra cui l’uomo accusato di aver ritardato la fuga di equipaggio e passeggeri.

Qualche mese fa Keanu Reeves, in questi giorni al cinema in con il terzo capitolo di John Wick, in una situazione non paragonabile perchè in tutta sicurezza, aveva aiutato i passeggeri del suo volo. Nessuno rischiava la vita è stato solo un guasto che non destava problemi per l’incolumità delle persone, ma Keanu Reeves si è mostrato ancora un a volta altruista.

Keanu Reeves aiutò passeggeri dopo l’atterraggio d’emergenza 2 Il volo della United Airlines era partito da San Francisco in direzione Los Angeles quando alcuni problemi tecnici costrinsero i piloti ad un atterraggio di fortuna a Bakersfield. Nessuna conseguenza grave per i passeggeri se non l’essere rimasti a piedi ed essere costretti a trovare un metodo alternativo per proseguire il loro viaggio.

Secondo quanto raccontato ai media dai passeggeri sembra che la star di Matrix, dopo aver recuperato i suoi bagagli e aver aiutato gli altri a prendere i propri effetti personali, abbia coordinato il resto del viaggio. L’attore ed i passeggeri hanno proseguito la tratta su un bus. Ovviamente dopo che i passeggeri si sono accorti che quello che si stava prendendo cura di loro era Keanu Reeves, non hanno perso l’occasione per immortalare il momento facendo una serie di selfie con il famoso attore.

Non è la prima volta che l’attore si mostra disponibile ed altruista

Il protagonista di Matrix è sempre stato disponibile per i fan, gentile con tutte le persone che incontra ed ha aiutato i bisognosi in più circostanze. Da quando fu diagnosticata la leucemia alla sorella, l’attore ha aperto una fondazione privata per la ricerca contro il cancro che aiuta i bambini affetti da questa malattia.  Si è anche messo a disposizione di Telethon America rispondendo al telefono per raccogliere donazioni.

L.M.

A Dio piace guardare

A Dio piace guardare…

…. a Dio piace guardare … Discorso fatto da John Milton (Al Pacino) a Kevin Lomax (Keanu Reeves) nel film del 1997 L’avvocato del diavolo di Taylor Hackford, film interpretato anche Charlize Theron e Connie Nielsen

L'avvocato del diavolo The Devil's Advocate Keanu Reeves, Al Pacino e Charlize Theron, Connie Nielsen A Dio piace guardare...Frasi e citazioni tratte dai film, ecco cosa dice John Milton (AL PACINO) nella pellicola

A Dio piace guardare. Per chi è che ti incolli tutti quei mattoni, si può sapere? Dio? È così? Dio? Beh, Kevin… Ti voglio dare una piccola informazione confidenziale a proposito di Dio: a Dio piace guardare! È un guardone giocherellone! Riflettici un po’: lui dà all’uomo gli istinti… ti concede questo straordinario dono e poi che cosa fa? Te lo giuro che lo fa per il suo puro divertimento, per farsi il suo bravo, cosmico, spot pubblicitario del film! Fissa le regole in contraddizione! Una stronzata universale! Guarda, ma non toccare… tocca, ma non gustare… gusta, ma non inghiottire! [Ride] E mentre tu saltelli da un piede all’altro lui che cosa fa? Se ne sta lì a sbellicarsi dalle matte risate! Perché è un moralista, è un gran sadico! È un padrone assenteista! Ecco che cos’è! E uno dovrebbe adorarlo? No, Mai!

(….)

Io sto qui col naso ben ficcato nella terra e ci sto fin dall’inizio dei tempi. Ho coltivato ogni sensazione che l’uomo è stato creato per provare. A me interessava quello che l’uomo desiderava e non l’ho mai giudicato e sai perché? Perché io non l’ho mai rifiutato nonostante le sue maledette imperfezioni! Io sono un fanatico dell’uomo, sono un umanista… probabilmente l’ultimo degli umanisti. Chi, sano di mente, Kevin, potrebbe mai negare che il ventesimo secolo è stato interamente mio? Tutto quanto Kevin! Ogni cosa! Tutto mio! Sono all’apice, Kevin! È il mio tempo, questo! È il nostro tempo!

Altri dialoghi tratti da L’avvocato del diavolo:

Questo è un arrosto di vitello…
Eddie Barzoon, Eddie Barzoon

L.M:

Eddie Barzoon, Eddie Barzoon

Eddie Barzoon, Eddie….

Eddie Barzoon, Eddie…. Questo è l’incipit della frase detta da John Milton (Al Pacino) nel film del 1997 L’avvocato del diavolo di Taylor Hackford, film interpretato anche da Keanu Reeves, Charlize Theron e Connie Nielsen.

Eddie Barzoon, Eddie... L'avvocato del diavolo The Devil's Advocate Keanu Reeves, Al Pacino e Charlize Theron 2Frasi e citazioni tratte dai film, ecco cosa dice John Milton (AL PACINO) nella pellicola

Eddie Barzoon, Eddie Barzoon. Be’, l’ho tenuto a galla per due divorzi, recupero da cocaina e una segretaria messa incinta. Ah, è una creatura di Dio anche lui. Ma sarà anche una creatura privilegiata? Ah, io lo avevo avvertito Kevin. L’ho assistito passo passo per tutta la vita. Lo vedevo sballonzolare di qua e di là come un giocattolo, un pupazzetto con la carica. 120 chili di avidità egocentrica in movimento. Il prossimo millennio è qui dietro l’angolo Kevin, Eddie Barzoon, guardatelo bene, perché è lui l’uomo immagine del prossimo millennio. Non è un mistero da dove arrivi la gente come lui, è gente che affila l’avidità umana al punto che riesce a spaccare un atomo tanto acuto è il desiderio; si costruiscono un ego grande come una cattedrale e collegano a fibre ottiche il mondo con ogni impulso dell’ego. Lubrificano anche i sogni più ottusi con fantasie a base di oro e di dollari finché ogni essere umano diviene un aspirante imperatore, il suo proprio Dio! E a questo punto dove si va?! E mentre noi ci arrabattiamo da un affare all’altro, chi è che tiene d’occhio il pianeta? L’aria si inquina, l’acqua imputridisce, perfino il miele delle api ha il gusto metallico della radioattività e tutto si deteriora sempre più in fretta. Non c’è modo di riflettere né di prepararsi. Si comprano futuri si vendono futuri dove non c’è nessun futuro. Siamo su un treno impazzito figliolo! Abbiamo miliardi di Eddie Barzoon che corrono a passo di jogging verso il futuro, tutti quanti si preparano a ficcare un dito in culo all’ex pianeta di Dio e poi se lo leccano e si mettono a digitare sulle loro immacolate tastiere cibernetiche per calcolare le stramaledette ore da fatturare e finalmente prendono coscienza; il biglietto te lo devi pagare da solo. Il gioco è cominciato, è tardi per ritirarsi adesso. Ormai hai la pancia troppo piena… Un uccello malandato! Gli occhi iniettati di sangue e urli per chiedere aiuto. Indovina un po’? Non c’è nessuno in giro! Sei tutto solo Eddie, sei un figlioletto che rigetto di Dio. Forse è vero, forse Dio ha lanciato i dadi una volta di troppo e cosi ci ha fregati tutti. (John Milton)

Altri dialoghi tratti da L’avvocato del diavolo:

Questo è un arrosto di vitello…
A Dio piace guardare

Arya Stark

Arya Stark

Arya Stark, un personaggio fondamentale soprattutto nell’ottava stagione di Game of Thrones della Hbo

Game of Thrones Arya Stark, Sansa Stark, Bran StarkArya Stark, interpretata da Maisie Williams, fin dal primo episodio nutre disprezzo verso gli usi e costumi di palazzo, predilige arco, frecce, spade e pugnali ai modi di fare di una Lady. Sarà il fratellastro Jon Snow a regalarle la sua prima spada, a cui lei da il nome Ago. Ha una meta-lupa di nome Nymeria.

Nel tragitto da Grande Inverno ad Approdo del Re, Joffrey Baratheon, erede al trono e promesso sposo di Sansa Stark, minaccia Arya e la ragazza viene prontamente difesa da Nymeria, che aggredisce Joffrey. Arya Stark fa fuggire la sua meta-lupa per evitare che venga uccisa, però non può fare nulla per salvare la vita di un amico che si trovava con lei al momento dell’incidente e il giovane ragazzo viene ucciso dal Mastino. Arya così comincia a provare odio nei confronti di Cersei Lannister, Joffrey Baratheon e del Mastino, Sandor Clegane e da quel momento cercherà in ogni modo di vendicarsi.

Giunti ad Approdo del Re, il padre Ned Stark (‎Sean Bean) le permette di prendere lezioni di spada con l’insegnante Syrio Forel. Dopo la morte improvvisa di Re Robert Baratheon, Ned Stark verrà accusato di alto tradimento dal nuovo sovrano, Joffrey Baratheon (Jack Gleeson), e viene imprigionato. Durante la cerimonia di condanna a morte del Lord di Grande Inverno il Guardiano della Notte Yoren trova Arya Stark tra la folla e le risparmia la decapitazione del padre. Per salvarle la vita, Yoren nasconde la vera identità di Arya Stark tagliandole i capelli, facendola passare per un ragazzo ed unendola ad un gruppo di giovani orfani e criminali destinati alla Barriera. Alcune guardie dei Lannister che incontrano nel tragitto però uccidono Yoren e catturano i ragazzi per portarli alla fortezza di Harrenhal, dove si trova Tywin Lannister, impegnato in un duro scontro con Robb Stark. Arya riesce a mantenere segreta la sua identità, e grazie a Jaqen H’ghar, un misterioso uomo a cui la ragazza aveva salvato la vita, riconquista la libertà e fugge.

Game of Thrones 8 Arya Stark, Sansa StarkLa sua fuga viene interrotta quando incontra il Mastino, che vuole riportarla alla sua famiglia sotto lauto compenso. Arya riesce a fuggire dalle grinfie del Mastino quando Brienne of Tarth lo sconfigge in duello. Arya Stark così decide di partire alla volta di Braavos, dove entra nella Casa del Bianco e del Nero. Qui sotto la guida proprio di Jaqen H’ghar, che le impone un durissimo addestramento, imparerà a essere “nessuno” ed una abilissima e spietata assassina. Arya Stark finito l’addestramento capisce che è giunta l’ora di tornare a casa e portare a termine la sua vendetta, spuntando gli ultimi nomi della sua lista.

Muove vendetta è contro Walder Frey (David Bradley), colpevole dell’omicidio della madre Catelyn Stark e del fratello Robb durante le Nozze Rosse. Arya Stark servirà al vecchio Lord Frey un pasticcio di carne preparato con i corpi dei suoi figli, Walder il Nero e Lothar Frey. Dopo avergli detto quali erano gli ingredienti di quello che aveva appena mangiato, gli taglia la gola rivelandogli la sua vera identità.

Dopo la morte di Walder Frey, si traveste da quest’ultimo per completare il suo piano: organizzare un banchetto alle Torri Gemelle con tutti i membri della casata e uccidere i figli maschi di Casa Frey con un potente veleno.

Arya Stark viene a sapere che Sansa Stark e Jon Snow hanno ripreso Grande Inverno e la ragazza decide quindi di tornare a casa.
Bran Stark dona ad Arya la daga in acciaio di Valyria ricevuta da Petyr Baelish.

Game of Thrones 8 Arya Stark gendryNell’ottava stagione di Game of Thrones la giovane Stark è un personaggio cruciale ai fini della vicenda

Arya Stark ha un ruolo fondamentale nell’ottava stagione perchè nella puntata Game of Thrones 8X03, è lei ad uccidere Il re della notte ed a sconfiggere gli Estranei durante la battaglia di Grande inverno. Arya conficca il pugnale in acciaio di Valyria nel corpo del Night King nello stesso punto in cui i Figli della foresta avevano messo l’ossidiana per generarlo.

Nella puntata Game of Thrones 8×04 Gendry trova Arya Stark intenta a scoccare frecce e le racconta con entusiasmo della sua nomina a Lord di Capo Tempesta e le chiede di diventare la sua Lady. Arya lo bacia e poi gli risponde che lei non è non sarà mai una Lady e gli augura buona fortuna. Alla fine della punta Arya Stark parte con il Mastino alla volta di Approdo del re.

Luca Miglietta

Jon Snow ignora Ghost

Jon Snow ignora Ghost

Jon Snow ignora Ghost nell’episodio Game of Thrones 8×04, un addio piuttosto freddo

Jon Snow ignora GhostJon Snow ignora Ghost nell’episodio Game of Thrones 8×04 uscito questa mattina su Hbo, Sky atlantic ed in streaming sulla piattaforma Now Tv. Questo non è passato inosservato ai fan della serie, si commiata dall’animale senza una carezza o anche solo un contatto fisico. Un addio piuttosto freddo, un cenno e basta per salutarlo.

Ghost, tradotto con Spettro nella versione italiana è il metalupo di Jon Snow. Alcuni pensano (o si augurano) che non sia un vero addio, pensano che alla fine della serie Jon Snow, ripristinata la normalità nei Sette Regni, decida di abbandonare le lotte di potere e trasferirsi negli spazi sterminati del nord. Qui ritroverà Ghost e trascorrerà il resto della sua vita nel nord da eremita. Un finale malinconico e romantico, ma son solo ipotesi di utenti di Reddit.

Jon Snow ignora Ghost un addio freddoIl metalupo di Jon Snow però è stato assente per tutta la settima stagione di Game of Thrones

C’è da dire che per tutta la settima stagione di Game of Thrones è mai comparso e viene menzionato giusto una volta nel quinto episodio da Sansa Stark. dice che è ingiusto da parte di Jon Snow aspettarsi che il Nord stia seduto calmo e tranquillo ad aspettarlo come fa Spettro. Nessuno si è mai preoccupato del perchè non fosse più apparso il metalupo.

Ma come vengono creati i metalupi? Lo ha spiegato nello scorso ottobre all’Huffington Post Joe Bauer, il visual effects supervisor di Game of Thrones. Ecco un estratto dell’intervista fatta dal noto quotidiano:

i metalupi sono difficili da creare, perché bisogna stare attenti a non fare errori, quindi alla fine si procede filmando dei veri lupi e lavorando su di loro, ingrandendoli. Ma i veri lupi si comportano solo in certi modi, dunque il lavoro con loro è piuttosto limitato.

Luca Miglietta

Game of Thrones 8×04

Game of Thrones 8×04

Game of Thrones 8×04, un puntata piena di colpi di scena, se non avete ancora visto la puntata non andate avanti nell’articolo, contiene moltissimi spoiler, salvate il link e leggetela in seguito

Game of Thrones 8x04 spoiler, riassuntoDopo aver vinto la Grande Guerra contro gli Estranei migliaia di persone sono morte e all’inizio di Game of Thrones 8×04 Jon Snow, Daenerys e i loro alleati bruciano i corpi dei caduti a Winterfell. Daenerys Targaryen dà l’ultimo addio a Ser Jorah Mormont, Sansa Stark piange Theon Greyjoy ed in segno di rispetto mette sul petto del cadavere una spilla con lo stemma degli Stark . Vengono salutati per sempre anche Beric Dondarrion, Edd e Lyanna Mormont.

Dopo il funerale si ritrovano tutti per bere e mangiare e durante il banchetto Daenerys Targaryen chiama Gendry e, dicendogli di sapere che è figlio dell’usurpatore Robert Baratheon, lo proclama il giovane Lord di Capo Tempesta. Tyrion Lannister si complimenta con la Regina dei draghi per la saggezza dimostrata con questa decisione e lei gli risponde: “Visto? Non sei l’unico a essere astuto”.

Tormund, Ser Davos e i Bruti sono tutti intorno a Jon Snow e si complimentano con lui, dall’altra parte della stanza Tyrion Lannister parla con Jaime Lannister, Brienne e Podrick Payne con il suo gioco della verità a base di vino. La Madre dei Draghi si sente sola e isolata nella sala.

Sandor Clegane viene raggiunto da Sansa Stark ed il Mastino le dice che è cambiata molto e che se lei lo avesse seguito lontano dalla capitale, non avrebbe subito quello che ha subito. Sansa Stark però risponde: “Se non ci fossero stati Ditocorto, Ramsay e tutto il resto, sarei stata un uccellino per sempre”.

Game of Thrones 8x04 spoiler, riassunto streamingGendry trova Arya Stark intenta a scoccare frecce e le racconta con entusiasmo della sua nomina a Lord di Capo Tempesta e le chiede di diventare la sua Lady. Arya Stark lo bacia e poi gli risponde che lei non è non sarà mai una Lady e gli augura buona fortuna.

Jaime raggiunge Brianne nella sua stanza, i due si baciano e trascorrono la notte insieme. In un’altra ala di Grande Inverno DaenerysJon Snow si baciano appassionatamente, ma subito dopo si allontanano a causa delle tensioni sulle origini del figlio di Rhaegar Targaryen e Lyanna Stark.

Jon Snow vuole dire la verità a Sansa e Arya, ma Daenerys gli chiede di non farlo. Jon dice di non volere il Trono di spade e che lei sarà sempre la sua Regina, ma la sua famiglia deve saperlo (ex sorellastre diventate cugine). La Madre dei draghi prova a convincerlo di non rivelare la verità in ogni modo: “non sarai in grado di controllarla, né di controllare le conseguenze che avrà sulle persone. Non importa quante volte ti inginocchi”.

Varys informa Daenerys che Yara Greyjoy ha riconquistato le Isole di Ferro in suo nome e che il nuovo principe di Dorne ha promesso di sostenerla.

Sansa Stark non nasconde di nuovo la sua antipatia per la Regina dei draghi

Prima che l’esercito si diriga verso Approdo del re Sansa Stark chiede a Daenerys di aspettare per permettere ai soldati di riposarsi ancora e di affrontare nuove battaglie. Prima che tra le due esploda un litigio Jon Snow interviene e ribadisce che il Nord combatterà con la Madre dei draghi.

Game of Thrones 8x04 spoiler, riassunto streaming 2Jon Snow incontra Sansa, Arya e Bran al Parco degli Dei dove i 4 discutono. Sansa esprime le sue perplessità, Arya pensa che il fratello abbia fatto bene a chiedere aiuto Daenerys per combattere contro il Night King, ma continua a non fidarsi della Madre dei Draghi. Jon Snow chiede a Bran di raccontare la verità sulle sue origini alle due sorellastre, dopo aver chiesto alle due donne di non rivelare mai quello che stanno per sentire.

Jaime e Tyrion si ritrovano a parlare, ma vengono interrotti dall’arrivo di Bronn e racconta ai due fratelli dell’ordine ricevuto da Cersei di ucciderli. Gli propone ai due di risparmiarli, se gli offriranno come ricompensa la possibilità di diventare lord il Lord di Alto Giardino. I due accettano.

Jon Snow poco prima di partire alla volta di Approdo del Re saluta Tormund, che vuol riportare il suo popolo al Nord. Jon chiede all’amico di portare con lui Ghost nel profondo Nord, dopo un caloroso abbraccio di addio. Poco dopo Jon Snow da il suo addio a Samwell Tarly e Gilly, che aspetta un figlio. La ragazza dice che se sarà un maschio lo chiameranno Jon, ma il giovane gli risponde che si augura che sia una femmina. Così Jon Snow e Ser Davos Seaworth lasciano Winterfell.

Tyrion va a salutare Sansa Stark e le chiede di dare una possibilità alla Regina dei draghi ma la Lady di Grande inverno continua a nutrire astio verso l’altra donna. Quando Tyrion sta per allontanarsi Sansa lo richiama e, nonostante il giuramento, rivela al Folletto la vera origine di Jon. Si capisce dalla frase “E se ci fosse qualcun altro? (erede al trono) Qualcuno migliore?”, che sta per dirglielo.

Game of Thrones 8x04 spoiler, riassunto streaming 3Mentre Daenerys a cavallo di Drogon, Rhaegal e la flotta Targaryen sono in viaggio verso Roccia del Drago cadono in un’imboscata tesa da Euron Greyjoy. Rhaegal cade trafitto da una pioggia di lance. La flotta di Daenerys viene annientata e i superstiti raggiungono faticosamente Roccia del Drago. C’è un altro problema: Missandei è stata catturata.

Varys convince Daenerys a non radere al suolo Approdo del Re e la Fortezza Rossa, dove Cersei ha fatto affluire il popolo. Nella scena successiva Tyrion e Varys parlano dello salute mentale della regina dei draghi e si interrogano se sia davvero lei la scelta migliore per il Trono di Spade.

A Grande inverno Jaime decide di partire alla volta della Capitale e Brienne prova a fermarlo dicendogli: “Sei un brav’uomo, ma non puoi salvarla”. Jaime però le risponde che non è vero che è un brav’uomo ed è stato lui a spingere Bran giù dalla torre di Grande Inverno e di avere ucciso e combattuto sempre e solo per Cersei.

Ad approdo del re le delegazioni di Daenerys guidate da Tyrion e quelle di Cercei capitanate da Qyburn si incontrano al di fuori delle mura. La Khaleesi vuole la resa di Cersei e che venga liberata Missandei.

La Montagna su ordine di Cercei uccide Missandei decapitandola chiudendo così ogni trattativa. L’ultima parola della donna prima di morire è “Dracarys”. La guerra è imminente e si vedrà in Game of Thrones 8×05 su Hbo, Sky Atlantic ed in streaming su Now Tv.

Luca Miglietta

Interpretazione dell’urlo di Jon Snow al drago

Interpretazione dell’urlo di Jon Snow al drago

Interpretazione dell’urlo di Jon Snow al drago nell’episodio Game of Thrones 8X03, che avete visto domenica scorsa. Se non avete ancora visto l’episodio non andate avanti, l’articolo contiene spoiler

Interpretazione dell'urlo di Jon Snow al dragoSulla rete qualche giorno fa è apparsa un’interpretazione dell’urlo di Jon Snow al drago che abbiamo visto nell’episodio Game of Thrones 8X03 andato in onda domenica scorsa su Hbo e Sky Atlantic oltre che in streaming on demand su Now Tv. L’articolo contiene spoiler della puntata Game of Thrones 8X03, se non l’avete ancora vista non andate avanti nella lettura.

Jon screamed at the undead dragon to distract it so Arya can run past and kill the Night King. The undead dragon was protecting the entrance to the Godswood. Watch it again, you can actually hear him scream “GOOOOO – GO – GO”. 10 seconds later the scene you can see the hair of a White Walker flying up when Arya sprints past the group of White Walkers. Jon once again was ready to sacrifice himself to kill the Night King.

In rete circola una teoria sull’urlo di Jon Snow al drago molto interessante, vI ho proposto uno dei messaggi a sostegno di questa teoria ed ora qui sotto vi scrivo la traduzione

Jon ha urlato al drago non morto per distrarlo in modo che Arya potesse correre e uccidere il Re della Notte. Il drago non morto stava proteggendo l’entrata verso il Godswood (albero sacro di Grande inverno, dove si trovava Bran Stark protetto da Theon Greyjoy). Guardalo di nuovo, puoi davvero sentirlo gridare “Vaiiiiiii – Vai – Vai”. 10 secondi dopo la scena puoi vedere i capelli di un White Walker volare in alto quando Arya sfreccia davanti al gruppo di White Walkers. Jon era di nuovo pronto a sacrificarsi per uccidere il Re della Notte.

Luca Miglietta

Melisandre

Melisandre

Melisandre, un personaggio importante in molti episodi della serie e vero e proprio deus ex machina della punta Game of Thrones 8X03

Game of Thrones melisandre Carice van HoutenMelisandre è un personaggio non sempre ricorrente ma importantissimo quando appare in Game of Thrones. Lei è interpretata da Carice van Houten nella serie televisiva della HBO. Melisandre è una sacerdotessa del Signore della luce, che si unisce a Stannis Baratheon (Stephen Dillane), in cui vede la reincarnazione del leggendario Azor Ahai.

Melisandre crede ciecamente nella potenza del suo dio e si fa beffe di chi segue le altre religioni, veste sempre di rosso ed ha delle visioni che riesce a vedere tra le fiamme.

Nella sesta serie di Game of Thrones resuscita Jon Snow, pugnalato a morte da dei compagni traditori dei Guardiani della notte. La donna pulisce le ferite del ragazzo e gli taglia alcune ciocche dei capelli e della barba per bruciarle tra le fiamme ed infine la sacerdotessa pone le sue mani sul corpo senza vita di Jon, cantando un’antica canzone di Valyria. Salva la vita a Jon Snow (Kit Harington), ma questo è solo una delle azioni chiave che la sacerdotessa del Signore della luce compie nella serie tratta dai libri di George R. R. Martin.

Game of Thrones melisandre Carice van Houten 2Nell’ottava ed ultima stagione di Game of Thrones, ha un ruolo ancora più importante, infatti Melisandre prima della decisiva battaglia di Grande inverno nella terza puntata, giunge a Winterfell.
Ser Davos Seaworth, che la conosce bene ed in passato l’ha osteggiata è meravigliato ed un po’ inquieto quando la Strega Rossa arriva a Grande inverno. Melisandre per tranquillizzarlo gli dice che prima dell’alba sarà morta. La comparsa di Melisandre prima dello scontro decisivo contro gli Estranei però non ci deve sorprendere perchè prima di andarsene da Roccia del drago e tornare a Volantis, nella settima stagione aveva promesso il suo ritorno a Varys:

tornerò, caro Ragno, un’ultima volta. Devo morire in questa strana terra, proprio come te.

Game of Thrones melisandre Carice van Houten jon snow daenerysIl ruolo chiave assunto dalla sacerdotessa del Signore della luce nella puntata Game of Thrones 8X03, intitolata The Long Night

Il ruolo della sacerdotessa non finisce qui: nella terza puntata dell’ottava stagione di Game of Thrones, fa scaturire il fuoco delle spade dei Dothraki e, quando i soldati non riescono a dare fuoco alle trincee, ci pensa lei con la sua magia. Dentro una sala del castello di Grande Inverno Melisandre incontra Arya Stark (Maisie Williams), mentre sono alle prese con la battaglia contro gli Estranei. Melisandre le rammenta il loro precedente incontro (terza stagione), quando la sacerdotessa dai capelli rossi aveva sussurrato alla ragazza:

vedo un’oscurità in te. E in quell’oscurità, gli occhi mi fissavano. Occhi marroni, occhi azzurri, occhi verdi. Occhi chiusi per sempre. Ci rincontreremo.

Melisandre quindi dice nuovamente una parte di questa frase ad Arya: “occhi marroni, occhi verdi e occhi azzurri”. Arya Stark capisce in quell’istante che è destinata a uccidere il Re della Notte, che ha gli occhi azzurri. Esce fuori dal castello e va a trafiggere il Night King salvando tutti quanti.

Nella parte finale della puntata Game of Thrones 8X03, dopo aver compiuto il suo destino ed aver salvato tutte le popolazioni dei Sette regni dalla terribile minaccia degli Estranei, Melisandre si toglie la collana magica, esce dalle mura del castello, si accascia a terra e muore.

Luca Miglietta

 

Game of Thrones 8X03

Game of Thrones 8X03

Game of Thrones 8X03, cosa è successo, riassunto della puntata ed anticipazione delle prossime

Game of Thrones 8X03 curiosità, spoiler, anticipazioni, chi è mortoGame of Thrones 8X03 era forse la puntata più attesa dell’ultima stagione, la più lunga di tutta la serie TV, interamente incentrata sulla battaglia tra gli alleati dei due Targaryen. La Battaglia di Grande Inverno soni 82 minuti di tensione, paura e scene molto cupe. Se non avete ancora visto l’episodio non proseguite nella lettera, è un articolo pieno di spoiler su questa puntata.
I primi dieci minuti di Game of Thrones 8×03 descrivono i momenti di attesa precedenti all’arrivo dell’armata dei non morti.

Il nemico è vicino, sta arrivando, ma prima della battaglia giunge a Winterfell Melisandre, la sacerdotessa del Signore della luce. Ser Davos Seaworth è meravigliato ed addirittura un po’ spaventato alla vista della Strega Rossa, ma lei per tranquillizzarlo gli dice che prima dell’alba sarà morta. La comparsa di Melisandre in Game of Thrones 8×03 non è così strana perchè prima di andarsene da Roccia del drago e tornare a Volantis, nella settima stagione aveva promesso il suo ritorno a Varys: “Tornerò, caro Ragno, un’ultima volta. Devo morire in questa strana terra, proprio come te”.
La battaglia ha inizio Daenerys Targaryen e Jon Snow cavalcano i loro draghi e fanno arrosto tutti i non morti che gli capitano a tiro. Mouiono tanti Dotharaki ed Immacolati, muore Edd, dopo avere salvato la vita all’amico Samwell Tarly e tutti i sopravvissuti si ritirano dentro Grande Inverno.

Game of Thrones 8X03 curiosità, spoiler, anticipazioni, chi è morto 2I soldati non riescono a dare fuoco alle trincee, ma ci pensa Melisandre con la sua magia. Inizia l’assedio del castello. Melisandre nel castello ricorda ad Arya Stark (Maisie Williams) ciò che le aveva profetizzato nella terza stagione: “Vedo dell’oscurità in te. E nell’oscurità vedo degli occhi che mi fissano. Occhi marroni, occhi blu, occhi verdi. Occhi che tu farai chiudere per sempre. Ci incontreremo ancora”, e subito capiamo che gli occhi blu a cui si riferiva sono quelli degli Estranei.

Lyanna Mormont si sacrifica per uccidere un gigante non-morto. Il Night king viene disarcionato da Viserion, così come Jon Snow (Kit Harington) da Rheagal e Daenerys (Emilia Clarke) rimane l’unica a cavalcare un drago. La regina dei draghi vede il Re della Notte vulnerabile a terra urla “Dracarys” ed il drago sputa fuoco contro di lui. Il Night king però resiste al fuoco e sopravvive, a quanto pare le fiamme non possono ucciderlo.

Daenerys viene attaccata dai non morti e disarcionata da Drogon, è nei guai, ma a salvarla corre in suo aiuto il fidato Jorah Mormont (Iain Glen), pronto come sempre a rischiare la vita per la sua amata regina. Jaime Lannister, Brienne, Tormund, Jon Snow, Samwell Tarly, Podrick e Il Mastino combattono nel castello, Tyrion, Sansa Stark e Varys se la vedono brutta nelle cripte.

Game of Thrones 8X03 curiosità, spoiler, anticipazioni, chi è morto jonIl Re della Notte raggiunge Bran e Theon. Theon dopo essere stato ringraziato da Bran per aver fatto di tutto per proteggerlo si lancia contro il Night King e muore. Bram guarda impassibile il re della notte, pare impossibile che qualcuno possa giungere a salvarlo, son tutti occupati nella battaglia. Nel momento più buio giunge Arya Stark che si lancia sul Re della Notte, che la prende per il collo. Sembra che stia per ucciderla, ma la ragazza trafigge il Night King con la daga di Valyria. Il Night king esplode in tanti pezzi di ghiaccio, così come tutto il suo esercito. Jorah, dopo aver salvato la sua Regina, alla fine della battaglia si accascia e muore. Daenerys è disperata

Melisandre dopo aver contribuito in maniera fondamentale alla sopravvivenza di tutti si toglie la collana lascia il castello e muore riducendosi in cenere.

Ora una serie di curiosità, chi è sopravvissuto alla battaglia di Grande inverno e momenti salienti che forse vi sono sfuggiti nella puntata Il trono di spade 8X03

ll bilancio della battaglia di Grande inverno tra i personaggi principali è meno pesante di quello che ci saremmo aspettati. A cadere in Game of Thrones 8X03 sono Melisandre, ser Jorah Mormont, Lyanna, Theon Greyjoy, Edd Tollett e Beric Dondarrion (Richard Dormer), compiuto lo scopo per cui il signore della luce lo aveva resuscitato più volte: salvare la vita Arya. Si son salvati Jon Snow, Arya Stark, Sansa Stark, Bran Stark, Daenerys, Tormund, Jaime, Brienne di Tarth, Gendry, Pod, Tyrion, Sandor Clegane, Ser Davos, Missandei, Sam, Gilly e Varys.

Game of Thrones 8X03 curiosità, spoiler, anticipazioni, chi è morto i viviArya conficca il pugnale in acciaio di Valyria nel corpo del Re della notte nello stesso punto in cui i Figli della foresta avevano messo l’ossidiana per generarlo, come avevamo visto nella visione di Bran durante la sesta stagione. L’arma inoltre dovrebbe essere il pugnale che Ditocorto diceva di aver perso in una scommessa in favore di Tyrion, lo stesso che nella prima stagione era stato usato dal sicario che aveva tentato di uccidere Bran. Proprio nella settima stagione Ditocorto (Aidan Gillen) lo cede a Bran, che a sua volta lo da alla sorella Arya.

Il regista dell’episodio Game of Thrones 8X03, Miguel Shapochnik, ha detto più volte di essersi ispirato alla battaglia del Fosso di Helm de Il Signore degli anelli: Le due torri, ma di non voler ripetere la scelta di illuminare tutto tramite fonti di luci innaturali. Alcune scene per questo motivo sembrano particolarmente buie e difficili da interpretare perchè i personaggi e gli ambienti sono immersi nella più completa oscurità. Del resto l’episodio s’intitola La lunga notte.

Luca Miglietta

Samwell Tarly

Samwell Tarly

Samwell Tarly, un personaggio fondamentale per le scoperte che fa in Game of Thrones

Game of Thrones samwell tarly ‎John Bradley jon snow Kit HaringtonSamwell Tarly è un personaggio molto importante della saga di Game of Thrones. George R. R. Martin ha molto probabilmente voluto rendere omaggio al grande scrittore fantasy J. R. R. Tolkien, dando il nome Sam alla spalla goffa, ma allo stesso tempo molto intelligente di Jon Snow. Samvise Gamgee è l’amico e compagno fidato di Frodo Baggins nella famosissima saga letteraria e cinematografica de Il signore degli anelli.

Samwell Tarly, interpretato da John Bradley, quando lo conosciamo nella prima serie di Game of Thrones è un timido ed impacciato ragazzo che non ha la stoffa per far parte dei Guardiani della notte. Al Castello Nero è deriso e maltrattato dai compagni e subito Jon Snow comincia a provare simpatia per lui scegliendo di aiutarlo a destreggiarsi in un ambiente tanto pericoloso.

Game of Thrones samwell tarly ‎John Bradley jon snow Kit Harington 2Samwell è un brav’uomo che pensa a salvare donne e bambini anche a rischio di passare dei dei guai. Sam nel corso della serie ucciderà un Estraneo e scoprirà la vera natura della minaccia che incombe sui Sette Regni. Ama moltissimo leggere libri antichi e questa sua passione sarà fondamentale per scoprire come uccidere gli Estranei e soprattutto conoscere le vere origini dell’amico Jon Snow. Negli antichi volumi della cittadella scopre che è figlio di Rhaegar Targaryen, il fratello maggiore di Daenerys e di Lyanna Stark, la sorella minore di Ned Stark (‎Sean Bean). Il vero nome con cui è stato battezzato Jon è Aegon Targaryen, una scoperta importantissima.

Samwell rivelerà all’amico che non il bastardo Stark, ma ha sangue reale nelle vene nella prima puntata dell’ottava stagione di Game of Thrones. Seguiranno aggiornamenti

Luca Miglietta