Johnny Hallyday e il cinema

Johnny Hallyday e il cinema

Johnny Hallyday e il cinema, una grande rockstar prestata alla settima arte

Johnny Hallyday e il cinema, una grande rockstar prestata alla settima arte

Non è stato solo il cantante rock più famoso di francia: il rapporto tra Johnny Hallyday e il cinema

Johnny Hallyday (nome d’arte di Jean-Philippe Smet, nato a Parigi, 15 giugno 1943 è considerato uno dei maggiori esponenti del rock francese, in sessant’anni di carriera è riuscito a vendere oltre cento milioni di dischi.

Oggi un milione di persone secondo la prefettura di Parigi hanno partecipato all’omaggio a Johnny Hallyday, morto nella notte tra martedì e mercoledì a 74 anni. In funerali si sono tenuti nella chiesa della Madeleine ed ha partecipato il presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron.

Un presidente della repubblica che, visibilmente commosso, prima della cerimonia funebre ha detto ai milioni di francesi che sono accorsi per l’occasione:

miei cari compatrioti, siete qui per lui, per Johnny Hallyday. Sessant’anni. Sessant’anni di carriera, 1000 canzoni, 50 album e voi siete ancora qui (..). Questo sabato di dicembre è triste, ma bisognava che voi foste qui per Johnny perché Johnny è sempre c’è sempre stato, per voi. Ha sempre cantato per voi. Una storia d’amore, un lutto, la nascita di un figlio, un dolore. È diventato per voi come un amico, un fratello. Johnny era vostro, del suo pubblico, Johnny apparteneva alla Francia. Johnny sarebbe stato felice di vedervi qui.

Johnny Hallyday e il cinema, una grande rockstar prestata alla settima arte.

Johnny Hallyday e Sylvie Vartan

Il discorso del capo dello Stato è stato applaudito da più di un milione di persone presenti danti alla Madeleine, alla Concorde e agli Champs Elysées. Parigi aveva già cominciato ieri a ricordare il cantante perché sulla Tour Eiffel era apparsa la scritta “Merci Johnny” e oggi, prima della cerimonia, il corteo funebre dopo essere passato per Marnes-la-Coquette dove il cantante risiedeva è passato per l’Arc de Triomphe e lungo gli Champs-Elysées fino a Place de la Concorde, dove si è poi diretto verso la chiesa della Madeleine. Tra gli attori presenti alla cerimonia ricordiamo Marion Cotillard e Jean Reno.

Trovate gli interventi dei due attori al funerale in questi due articoli:

Marion Cotillard al funerale di Johnny Hallyday
Jean Reno al funerale di Johnny Hallyday

Tra i suoi più grandi successi musicali vi possiamo ricordare: Viens danser le twist, Que je t’aime (della canzone esiste anche una versione italiana intitolata Quanto ti amo), Retiens la nuit, Marie, Requiem pour un fou, L’enviee Quelque chose de Tennessee.

Ora veniamo alla sua carriera di attore, nella quale Johnny Hallyday è riuscito a togliersi alcune soddisfazioni.                                          Johnny Hallyday e il cinema

Nel 1955, quando era un adolescente, è apparso in Les Diaboliques di Henri-Georges Clouzot. Successivamente, diventando un rockstar, Johnny Hallyday ha iniziato una carriera cinematografica paragonabile a quella di Elvis Presley, apparendo in film come Les Parisiennes, Cherchez l’idole e D’où viens-tu Johnny ?

Johnny Hallyday e il cinema, una grande rockstar prestata alla settima arte

Non era però entusiasta del suo debutto tanto da commentare in seguito: “on ne me confiait que des merdes” (Mi hanno confidato solo cazzate).

Johnny Hallyday trovò il suo primo ruolo importante in Italia nel 1969: quello di  Hud Dixon nello spaghetti western Gli specialisti, diretto da Sergio Corbucci. L’anno seguente interpreta Vlad in Point de chute, un film poliziesco di e con Robert Hossein.

Nel 1972, Johnny Hallyday recita nel film di Claude Lelouch L’aventure c’est l’aventure, dove suona anche la  traccia principale della colonna sonora del film.

In seguito, in un periodo lungo più di dieci anni, apparirà solamente in una pellicola cinematografica: Le jour se lève et les conneries commencent, commedia del 1981, realizzata da Claude Mulot.

Nel 1985, torna a recitare nella pellicola di Jean-Luc Godard intitolata Détective, un film che viene presentato al Festival di Cannes. La sua interpretazione viene molto apprezzata dalla critica.                                                       Johnny Hallyday e il cinema

Johnny Hallyday nel 1986 recita in Conseil de famille del regista Costa-Gavras.

Johnny Hallyday e il cinema, una grande rockstar prestata alla settima arte 1

Nel 1987, Johnny Hallyday è la stella di Terminus, un film di fantascienza simile all’australiano Mad Max 2. Il film francese è però un grosso fallimento commerciale.

Nel 1989 interpreta il ruolo principale della serie televisiva poliziesca David Lansky, anche però in questo caso va incontro a un fallimento: quattro episodi vengono trasmessi su Antenne 2, senza essere apprezzati dagli spettatori.

Nel 1992, recita nella commedia La Gamine, dove interpreta Franck Matrix, anche in questo cosa la pellicola va incontro ad un insuccesso commerciale.

Dopo queste delusioni Johnny Hallyday torna al cinema nel 1999 con Pourquoi pas moi?, film della regista Stéphane Giusti.

L’anno seguente, recita al fianco di Sandrine Kiberlain e interpreta un rocker in Love me della regista Laetitia Masson.                                 Johnny Hallyday e il cinema

Nel 2003, ha interpretato un gangster ormai invecchiato in L’Homme du train (L’uomo del treno), un film di Patrice Leconte, dove recita accanto a Jean Rochefort.

Johnny Hallyday e il cinema, una grande rockstar prestata alla settima arte 3

Johnny Hallyday e Karin Martin

La sua performance venne apprezzata dalla critica e gli valse il Prix Jean-Gabin.

Nel 2006 recita nel film Jean-Philippe, diretto da Laurent Tuel, dove interpreta un Jean-Philippe Smet che, in un universo parallelo, non è riuscito a diventare una star.

Nel 2009, ha fatto un’incursione nel cinema asiatico interpretando il ruolo principale nel thriller di Hong Kong Vengeance, diretto da Johnnie To.

Nel 2011, all’età di 68 anni, ha debuttato a teatro recitando in Le Paradis sur terre di Tennessee Williams, avendo come partner Audrey Dana e Julien Cottereau e dove viene diretto da Bernard Murat. Gli spettacoli si svolsero al Teatro Edouard VII di Parigi, dal 6 settembre al 19 novembre 2011.                               Johnny Hallyday e il cinema

Nel 2014 recita in Salaud on t’aime (Parliamo delle mie donne) di Claude Lelouch, un film in cui Hallyday recita con Sandrine Bonnaire e Eddy Mitchell.

Nel 2017, recita in Rock’n Roll di Guillaume Canet e in Chacun sa vie diretto da Claude Lelouch.

Luca Miglietta

Johnny Hallyday e il cinema, una grande rockstar prestata alla settima arte 6

Johnny Hallyday e Adeline Blondieau

Robert Rodriguez realizzerà un film con soli 7000 dollari

Robert Rodriguez realizzerà un film con soli 7000 dollari

Robert Rodriguez realizzerà un film con soli 7000 dollari: “Un nuovo film con un budget di 7.000 dollari”

Robert Rodriguez realizzerà un film con soli 7000 dollari

Robert Rodriguez sul set

Robert Rodriguez realizzerà un film con soli 7000 dollari, il regista metterà alla prova se stesso e cinque colleghi in occasione di un nuovo show che andrà in onda sugli schermi televisivi.

Robert Rodriguez realizzerà un film con soli 7000 dollari. Robert Rodriguez ha lanciato una sfida ad alcuni colleghi che dovranno cercare, in occasione della serie televisiva inedita Rebel Without a Crew, di realizzare un film con un budget di soli 7000 dollari

Rebel Without a Crew è anche il titolo di un libro scritto nel 1995 da Robert Rodriguez in un formato di diario. Il libro descrive gli inizi del giovane Robert Rodriguez, il suo periodo passato in una struttura dove facevano test medici in modo da guadagnare denaro per la realizzazione di El Mariachi con 7000 dollari, e le sue successive esperienze a Hollywood.

A essere messi alla prova saranno i suoi cinque colleghi Scarlet Moreno, Alejandro Montoya Marin, Bola Ogun, Bonnie-Kathleen Ryan e Josh Stifter e la somma sarà gestita dallo stesso Rodriguez. La somma di 7000 dollari non è una cifra casuale perchè è la cifra con cui venticinque anni fa, nel lontano 1992, aveva girato El Mariachi. La pellicola entrata anche nel Guinness World Records come film a bassissimo budget ad aver incassato al botteghino 1 milione di dollari.

Robert Rodriguez e gli altri registi avranno solo 2 settimane per girare i loro progetti, che poi verranno trasmessi in streaming sulla piattaforma go90 di Verizon Media e su El Rey Network.

Non ci resta che aspettare di vedere cosa verrà fuori da questo esperimento, sicuramente Robert Rodriguez non ci deluderà, possiamo esserne certi.

Jacques Brel e il cinema

Jacques Brel e il cinema

Jacques Brel e il cinema: tutti conoscono la sua carriera di cantante e compositore musicale, meno quella di attore e regista

Jacques Brel e il cinemaIl rapporto tra Jacques Brel e il cinema, uno straordinario cantante prestato alla settima arte con ottimi risultati

Jacques Brel e il cinema. Jacques Romain Georges Brel, nato a Schaerbeek l’8 aprile 1929 non è stato solo il più grande cantautore e compositore belga, ma anche un ottimo attore e regista.

Jacques Brel compose e registrò quasi esclusivamente in francese, tanto che è tuttora considerato nei paesi francofoni uno dei migliori compositori di tutti i tempi, alcune volte includeva nei suoi testi parti in fiammingo, come in Marieke. Registrò perfino alcune canzoni completamente in fiammingo come Le Plat Pays e Les bourgeois, ma a causa della sua scarsa conoscenza della lingua fiamminga, le traduzioni di queste canzoni furono eseguite da Ernst van Altena. Aveva un atteggiamento contradditorio verso i fiamminghi, perché a volte si dichiarava fiammingo e presentava se stesso come un cantante fiammingo, ma allo stesso tempo irrideva il loro stile di vita rozzo con canzoni come Les Flamandes. Alcuni anni dopo Brel si scagliò contro i flamingants, ovvero i sostenitori del movimento fiammingo. In La, la, la (1967) scrisse il verso «Vive les Belgiens, merde pour les flamingants» (Viva i belgi, merda per i “flamingants”), e in Les Flamingants (1977) dipinse i “flamingants” come «Nazis durant les guerres et catholiques entre elles» (Nazisti durante le guerre e cattolici tra di esse).

Nonostante Brel considerasse la Francia come la propria nazione spirituale (viveva per lo più a Parigi) ed esprimesse sovente dichiarazioni negative sulla propria terra, alcune delle sue migliori composizioni sono un omaggio al Belgio se pensiamo a Le plat pays e Il neige sur Liège.

Jacques Brel e il cinemaTra le altre sue composizioni più importanti ricordiamo:

Quand on n’a que l’amour, pubblicata nell’omonimo album del 1957, Ne Me Quitte Pas, brano scritto nel 1958 e pubblicato l’anno seguente, Les bourgeois, contenuta nell’omonimo album del 1962, Ces gens-là, scritta da Brel nel 1966 e La Chanson des Vieux Amants, scritta da Brel nel 1971, considerata una delle canzoni d’amore più belle e poetiche del cantante. La canzone celebra l’amore di una vecchia coppia di innamorati, ricordando i momenti del loro passato insieme. Una frase che risuona spesso nel ritornello è la dichiarazione di un amore che non si è mai spento con l’avanzare degli anni (“Je t’aime encore”, ovvero “Ti amo ancora” ).                      Jacques Brel e il cinema

Nel 1973 sì ritirò nella Polinesia francese, rimanendovi fino al 1977 quando tornò a Parigi e registrò il suo ultimo album. Morì nel 1978 a soli 49 anni di cancro ai polmoni, di cui era affetto da circa dieci anni e fu sepolto nel Calvary Cemetery ad Atuona, Hiva Oa, nelle Isole Marchesi (Polinesia francese) a pochi metri dal pittore francese Paul Gauguin.

Jacques Brel e il cinemaJacques Brel prese parte a svariati film, ma le sue interpretazioni come potrete immaginare non godono della stessa considerazione delle sue intramontabili esibizioni musicali. Ora vi parliamo, dopo esserci fermati come doveroso sulla figura dell’artista musicale, della sua carriere di regista ed attore.

Nel 1967 Jacques Brel ha iniziato la sua carriera cinematografica, comparendo in Les risques du métier di André Cayatte, con Emmanuelle Riva, Jacques Harden e Nadine Alari. Brel ha anche prodotto la colonna sonora con François Rauber. Il film racconta la storia di un’adolescente che accusa il suo insegnante di scuola elementare, Jean Doucet (Brel), di tentare di violentarla. La polizia e il sindaco indagano, ma Doucet nega le accuse. Doucet così deve affrontare un processo. Il film è uscito nelle sale il 21 dicembre 1967. I critici cinematografici hanno elogiato la performance di Brel.

Nel 1968 Brel è apparso nel film, La Bande à Bonnot, diretto da Philippe Fourastié e interpretato da Annie Girardot e Bruno Cremer. Ancora una volta, Brel ha prodotto la colonna sonora con François Rauber. La storia è ambientata nel 1911 a Parigi. Jacques Brel interpreta Raymond-la-science, un anarchico che viene rilasciato dalla prigione dopo aver scontato una condanna. Il film esce nelle sale il 30 ottobre 1968.

Nel 1969 esce il suo terzo film, Mon oncle Benjamin, diretto da Édouard Molinaro e interpretato oltre che dal cantante anche da Claude Jade e Bernard Blier. Anche in questo caso ha prodotto la colonna sonora. Il film è ambientato nel 1750 durante il regno di Luigi XV. Benjamin (Brel) è un medico di campagna innamorato di Manette, la figlia di un locandiere. Il film è uscito nelle sale il 28 novembre 1969.

Nel 1970 Jacques Brel compare in Mont-Dragon, diretto da Jean Valère e interpretato anche da François Prévost, Paul le Person e Catherine Rouvel. La sceneggiatura questa volta è di Robert Margerit. Jacques Brel interpreta il soldato Georges Dormond che seduce Germaine de Boismesnil e viene successivamente cacciato dall’esercito da uno degli amici di Germaine che è un colonnello. Dopo che il marito di Germaine muore, Dormond ritorna al castello della vedova in cerca di vendetta. Il film esce il 16 dicembre 1970.                                                            Jacques Brel e il cinema

Nel 1971 esce il suo quinto lungometraggio, Franz, il primo film diretto da lui stesso. Brel ha anche co-sceneggiato la sceneggiatura con Paul Andréota e ha prodotto la colonna sonora con François Rauber. Il film è stato interpretato anche da Barbara, Danièle Evenou, Fernand Fabre, Serge Sauvions, Louis Navarre, Jacques Provins e François Cadet. Il film parla di Léon (Brel) e Léonie (Barbara), che si incontrano in una casa di riposo per impiegati statali a Blankenberge. Léonie è timida e riservata ed ha un’amica, Catherine che è molto più estroversa. La maggior parte degli uomini è attratta dalla vitalità di Catherine, ma Léon è l’eccezione. Léonie è affascinata dalla personalità di Léon, gradualmente diventa sempre più attratta dal suo comportamento maldestro. Leon e Leonie così innamorano. Gli altri residenti, divertiti da questa improbabile storia d’amore, decidono di ostacolarla, cosa che spinge Léon al suicidio. Il film uscì nelle sale il 2 febbraio 1972 e, benché elogiato dalla critica, non fu un successo commerciale.

Nel 1971 Jacques Brel recita in, Les Assassins de l’ordre (Inchiesta su un delitto della polizia), diretto da Marcel Carné e interpretato da Paola Pitagora, Catherine Rouvel e Charles Denner. Brel interpreta Bernard Level, un giudice provinciale, che presiede ad un caso delicato: un uomo che è stato arrestato per un reato minore è morto durante l’interrogatorio della polizia. Quando Level decide di perseguire i poliziotti e avvia un’indagine, riceve minacce e intimidazioni da coloro che vogliono interrompere le indagini. Il film uscì il 7 maggio 1971.                                           Jacques Brel e il cinema

Nel 1972 esce il suo settimo lungometraggio, L’aventure, c’est l’aventure (L’avventura è l’avventura), diretto da Claude Lelouch. La storia segue cinque imbroglioni che decidono di passare dalla rapina in banca al rapimento politico. Tra i loro primi ostaggi è il cantante Johnny Hallyday. Il film fu pubblicato il 4 maggio 1972 e divenne un enorme successo al botteghino. Durante le riprese del film, Brel conobbe e si innamorò di una giovane attrice e ballerina, Maddly Bamy. Brel trascorrerà gli ultimi anni della sua vita con lei.                                                                     Jacques Brel e il cinema

Nel 1972 Jacques Brel appare in, Le Bar de la fourche, diretto da Alain Levent e interpretato da Rosy Varte e Isabelle Huppert. Brel interpreta Vincent Van Horst, un bevitore che ama la sua libertà e le sue donne. Nel 1916 lascia l’Europa, che viene dilaniata dalla guerra, e si trasferisce in Canada, con l’intenzione di incontrare Maria, l’unica donna che abbia mai amato. Sulla strada per il Canada, incontra un ragazzo che sogna di combattere nella guerra europea. Quando Vincent arriva al Bar de la Fourche, gestito da Maria, la trova però più vecchia. Trova consolazione così in un’altra donna, Annie, che spinge Vincent combattere un duello contro Olivier. Il film uscì il 23 agosto 1972.

Nel 1973 esce il suo nono lungometraggio, Le Far West, il suo secondo lavoro da regista. Il film è stato interpretato da Gabriel Jabbour, Danielle Evenou e Arlette Lindon. La storia parla di Jacques, un cittadino di 40 anni di Bruxelles, che incontra il fachiro Abracadabra che, prima di morire, gli conferisce un potere speciale. Jacques incontra Gabriel, un uomo generoso, che si traveste da Davy Crockett e che segue Jacques senza fare domande. I due compagni e altri nuovi amici partono alla conquista del Far West. Il Far West che cercano non può essere trovato, perché è un luogo immaginario, un pezzo di felicità sepolto nei loro cuori. Proprio come Voltaire cercò l’El Dorado e Antoine de Saint-Exupéry il pianeta sconosciuto. Il film uscì nelle sale il 15 maggio 1973.

Nel 1973 Jacques Brel appare nel suo decimo e ultimo lungometraggio, L’emmerdeur (Il rompiballe), diretto da Édouard Molinaro e co-interpretato da Lino Ventura, Caroline Cellier e Jean-Pierre Darras. Jacques Brel e François Rauber hanno prodotto la colonna sonora. La storia parla del killer Ralph Milan, che lavora per la mafia. Ralph Milan viene pagato per uccidere Louis Randoni, la cui testimonianza in vari processi potrebbe danneggiare l’organizzazione. Ralph aspetta la sua preda nella sua stanza d’albergo, ma viene interrotto dal suo vicino, François Pignon (Brel). Il film esce al cinema il 20 settembre 1973.

Luca Miglietta

Jacques Brel e il cinema

Denis Villeneuve racconta di come ha cacciato Ridley Scott dal set

Denis Villeneuve racconta di come ha cacciato Ridley Scott dal set

Blade Runner 2049, Denis Villeneuve racconta di come ha cacciato Ridley Scott dal set

Blade Runner 2049, Denis Villeneuve racconta di come ha cacciato Ridley Scott dal setBlade Runner 2049, Denis Villeneuve racconta di come ha cacciato Ridley Scott dal set, essendo l’autore della pellicola originale era una presenza troppo ingombrante

La settimana scorsa il regista canadese ha rivelato un curioso racconto di backstage in un’intervista rilasciata a Deadline, che era focalizzata sul suo amore per la fantascienza. Denis Villeneuve racconta di come ha cacciato Ridley Scott dal set di Blade Runner 2049, ovviamente gentilmente si intende.

Ridley Scott essendo il regista della pellicola originale si faceva vedere spesso sul set secondo quanto raccontato da Denis Villeneuve:

Era molto presente perché stavo lavorando con la sua sceneggiatura, le sue idee, il suo universo e i suoi personaggi, quindi pensavo a Ridley tutto il tempo. La mia responsabilità era quella di rispettare e onorare l’eredità del primo film. Ecco, all’inizio della lavorazione mi disse che mi avrebbe concesso tutto lo spazio, tutta la libertà di cui avevo bisogno, che si sarebbe messo da parte e che il film sarebbe stata una mia responsabilità, ma che, se avessi avuto bisogno del suo aiuto, chiaramente ci sarebbe stato. O, se volevo, potevo fare tutto da solo. Ed è stato il più bel regalo che potesse farmi perché non sarei stato capace di lavorare con Ridley che mi controllava da dietro la spalla. Un giorno è venuto sul set e, già dopo pochi minuti, è stato insostenibile averlo alle mie spalle. Ricordo di aver fatto una battuta, gli ho detto “Hey Ridley, chi sono i tuoi registi preferiti?” e lui “Amo Ingmar Bergman e Kubrick” al che io “Anche io amo Bergman. Per questo ti chiedo: come ti sentiresti a stare sul set di un film a dirigere il tuo film con Bergman che ti sta alle calcagna?”. Al che lui è scoppiato a ridere e si è allontanato dal set. Perché stavo cercando di dirigere Harrison Ford e pensavo “No, così non funziona”.

Blade Runner 2049, Denis Villeneuve racconta di come ha cacciato Ridley Scott dal set.Blade Runner 2049 è diretto da Denis Villeneuve e nel cast Ryan Gosling, Harrison Ford, Jared Leto, Robin Wright, Dave Bautista, Barked Abdi, Mackanzie Davis e Ana de Armas.

La pellicola è ambientata alcuni decenni dopo l’originale di Ridley Scott del 1982 e la sceneggiatura è opera di Hampton Fancher, anche co-autore della sceneggiatura dell’originale e Michael Green. Ridley Scott è produttore esecutivo del film e la distribuzione è stata affidata alla Warner Bros nel Nord America e alla Sony Pictures nel resto del mondo. Le riprese sono iniziate il 19 settembre 2016 e sono terminate il 25 novembre dello stesso anno.

Il padre di Woody Harrelson era un killer

Il padre di Woody Harrelson era un killer

Il padre di Woody Harrelson era un killer ad insaputa del figlio

Il padre di Woody Harrelson era un killerIl padre di Woody Harrelson era un killer, numerose sono state le sue vittime, tra queste il giudice John H. Wood Jr. nel 1981.

Il padre di Woody Harrelson era un killer. Lo stesso Woody qualche anno fa ha parlato alla stampa della terribile esperienza della scoperta che il padre Charles Harrelson era in realtà un killer professionista.

I miei si sono separati quando avevo sette anni. Ma lui era già da tempo in prigione. Entrava e usciva. Avevo undici anni quando ho sentito il suo nome alla radio: parlavano di Charles V Harrelson e del suo processo per omicidio. E io ero lì a pensare che non poteva essere un caso di omonimia. Sapevo che era mio padre! È stata una cosa terribile.

Il padre di Woody Harrelson era un killer Assassini nati - Natural Born KillersL’attore ha anche spiegato che ignorava cosa avesse fatto il padre grazie alla protezione di sua la madre dalle terribili notizie.

Lei non amava mio padre. Ma devo ringraziarla perché ci ha sempre tenuto lontani dalle brutte notizie: non ha mai parlato male di lui. Mai. Avrebbe potuto: del resto lui non era né il migliore dei mariti o dei padri.

L’attore ha più volte tentato di tirarlo fuori dal carcere nonostante non fosse il migliore dei padri.

Per anni ho provato a farlo uscire. Ho provato a fargli avere un nuovo processo. Non so se se lo meritasse, però ero un figlio che voleva aiutare il padre. Ho speso milioni di dollari nel tentare di riflettere, sbattendomi la testa al muro. Avvocati su avvocati.

Il padre di Woody Harrelson era un killer Assassini nati - Natural Born KillersWoody Harrelson ha interpretato spesso serial killer e personaggi con qualche rotella fuori posto; pensate ad esempio allo spietato killer di Assassini Nati – Natural Born Killers di Oliver Stone o al simpatico pazzo stermina zombie di Benvenuti a Zombieland.

Charles Voyde Harrelson (1938) è stato prima condannato a quindici anni per omicidio nel 1973, poi, uscito dopo cinque anni per buona condotta, ha avuto due ergastoli nel 1981 per per l’assassinio del giudice John H. Wood, Jr., avvenuto il 29 maggio 1979. Nel 1995 ha tentato la fuga dal penitenziario di Atlanta, ma è stato catturato e trasferito nel carcere di massima sicurezza ADX Florence, in Colorado. Muore in carcere a causa di un infarto nel 2007.

Luca Miglietta

Benvenuti a Zombieland Il padre di Woody Harrelson era un killer

Tom Cruise voleva farsi prete

Tom Cruise voleva farsi prete

Tom Cruise voleva farsi prete quando era ancora adolescente

Tom Cruise voleva farsi preteQuando non era ancora una star di Hollywood e si chiamava ancora Thomas Cruise Mapother IV, Tom Cruise voleva farsi prete. Il giovane Tom viveva a Louisville in Kentucky non si era ancora convertito a Scientology ed era ancora cattolico.

Sembra però che Tom da ragazzino sia entrato in seminario “più per imparare che per serie intenzioni di diventare prete”, come ha spiegato alcuni anni fa padre Ric Schneider al settimanale americano Newsweek. Il parroco ha anche raccontato che Tom quando era adolescente, nel 1976, andava a messa una volta al giorno e pregava dalla mattina alla sera.

Padre Ric ha inoltre raccontato che Tom:

aveva i denti strani e non era nemmeno così alto da far pensare che un giorno diventasse una star del cinema. Era un ragazzo come tanti altri, anche se s’isolava spesso e preferiva la solitudine.

Padre John Boehman, un altro prete che lo seguiva nelle lezioni, lo considerava un bravo ragazzo “anche se era sempre il primo a mettersi nei guai”.

Ric Schneider prima del 50esimo compleanno dell’attore e della lettera di divorzio dell’ex moglie Katie Holmes, gli ha spedito una foto di lui 14enne insieme ad un amico, scattata durante il seminario che ha frequentato in Ohio.

Katie Holmes, che cattolica, non aveva comunque mai completamente aderito a Scientology, eccezione fatta per il rito matrimoniale nel castello Odescalchi di Bracciano. Sembra tra l’altro che Scientology, la nuova fede di Tom sia stata una delle cause scatenanti del divorzio con l’ex stellina di Dawson’s Creek.

Il rapporto tra Tom Cruise e Scientology era già stato anche la causa del divorzio tra di lui e Nicole Kidman, sua seconda moglie. L’attrice australiana è cattolica e desiderava che i loro due figli, Isabella Jane e Condor Anthony, ricevessero il battesimo.

George Clooney aveva la paralisi di Bell

George Clooney aveva la paralisi di Bell

George Clooney aveva la paralisi di Bell, una sindrome che gli ha reso difficile l’adolescenza

 George Clooney aveva la paralisi di BellGeorge Clooney aveva la paralisi di Bell, una lesione funzionale nervosa che porta alla paresi del nervo facciale. Durante la scuola media l’attore americano era stato colpito da questo tipo di paresi facciale, che gli aveva parzialmente paralizzato il viso e reso quasi impossibile aprire un occhio.

A causa di questo problema Clooney è stato vittima di bullismo, diventando lo zimbello della scuola. I compagni di classe lo chiamavano Frankenstein. L’attore ricorda questo triste periodo:

E’ stato il momento peggiore della mia vita… ma l’esperienza mi ha reso più forte.

George Clooney aveva la paralisi di Bell, ma non è l’unico attore che ha dovuto affrontare questa sindrome che poteva essere un intralcio alla carriera.

Paralisi di Bell, è una sindrome che colpisce, in media, 25 persone su 100mila, ma nella maggior parte dei casi scompare dopo pochi mesi. George Clooney non è l’unico attore ad esserne stato colpito, infatti tra chi ha sofferto questa sindrome possiamo ricordare Sylvester Stallone, Pierce Brosnan, Katie Holmes, Ralph Nader, Amy Brenneman, Joe Mantegna, Terrence Howard, Jane Greer, Anupam Kher, Alexis Denisof e Jamey Sheridan.

Molti di loro sono riusciti a costruirsi una importante carriera non lasciandosi scoraggiare da questa piccola difficoltà che molti colleghi non dovevano affrontare. L’espressività del viso infatti è importante per la carriera di un attore, perchè lo rende più credibile e permette al pubblico di immedesimarsi e lascirsi trasportare maggiormente dai personaggi che interpreta.

 

Eva Green era bionda

Eva Green era bionda

Eva Green era bionda, poi ha deciso di virare sul nero corvino.

Ebbene sì, siamo Eva Green bionda sexy, Eva Green era biondaabituati a vederla coi capelli tinti di nero, eppure Eva Green era bionda

Eva green era bionda

Molti non sanno che in realtà il colore naturale dei capelli di Eva Green è un biondo scuro, ma ha iniziato a tingersi la chioma di colore corvino fin da quando aveva 15 anni.

La stessa attrice francese in due diverse interviste di molti anni fa, aveva rivelato alla stampa internazionale:

è tutta colpa della migliore amica di mia madre che si tingeva i capelli, e mi ha convinto a virare verso il nero da quando avevo 15 anni: non ho più smesso.

Tingevo i capelli di nero, perché il mio colore naturale è un biondo scuro, e non mi piacciono le vie di mezzo.

Eva Green anche in questo si mostra anticonformista rispetto a molte star dai capelli bruni che si tingono i capelli di biondo. Il biondo infatti ha un simbolismo molto forte, perchè  richiama raffinatezza e seduzione. Questo avviene anche perchè le bionde naturali sono poche nel mondo (1 su 20) e questo vale anche per le star di Hollywood.

Per esigenze di copione se li è più volte tinti di biondo, ma mai col suo colore naturale, pensate alla commedia fantasy Dark Shadows diretta da Tim Burton. In questo film del 2012 l’attrice divide la scena con Johnny Depp, Michelle Pfeiffer, Jonny Lee Miller ed Helena Bonham Carter.

Eva Green bionda sexy Dark Shadows, Eva Green era biondaChissà come sarebbe stata Eva Green con il suo colore naturale, ma non importa dopo tutto, è già bellissima e seducente così com’è, perchè tornare alle origini?

Qui sotto ecco una foto che dimostra la bellezza dell’attrice con il suo colore corvino.

Eva green sexy dark, Eva Green era bionda

I gatti al cinema

I gatti al cinema

Vi ricordate quante volte sono comparsi i gatti al cinema? Ricordate di che film si tratta? Jonesy, G.G. o Church vi sono familiari?

I gatti al cinema Tom e Jerry William Hanna, Joseph BarberaI gatti al cinema. I gatti sono diventati nel corso degli anni i protagonisti indiscussi di internet. Si possono trovare moltissimi video, meme o semplici fotografie di questo buffo animale, che fa sorridere e suscita simpatia e tenerezza. E’ diventato un vero e proprio business sulla rete, basta fare un giro su Facebook o altri social per farsi un’idea.

Quella dei gatti non è comunque una moda nata negli ultimi anni se pensate a Il libro dei gatti tuttofare (Old Possum’s Book of Practical Cats), pubblicato nel 1939 dal poeta Thomas Stearns Eliot. Da questo libro è stato tratto Cats, il famosissimo musical composto da Andrew Lloyd Webber. I gatti hanno fatto la loro comparsa molti anni fa anche nei cartoni animati, basti pensare al cartone Tom e Jerry creato da  William Hanna e Joseph Barbera o Gatto Silvestro, il felino dei cartoni animati Looney Tunes, ossessionato dalla voglia di catturare Titti e Speedy Gonzales. Alti gatti famosi dei cartoni animati sono Gli Aristogatti (The Aristocats) e Garfield.

I gatti al cinema sono comparsi moltissime volte, fin dagli anni cinquanta, nonostante farli recitare non sia una cosa semplice, perché difficilmente si riesce ad addomesticare un gatto a differenza del cane. Vi ricordate quali sono i gatti più famosi del cinema? Qui sotto vi presentiamo tutti i felini comparsi al cinema in ordine cronologico.

I gatti al cinema Gatto Silvestro, Speedy Gonzales Sylvester (Looney Tunes)I gatti al cinema

Cagliostro, Una strega in paradiso

Cagliostro è il gatto che compare nel film Una strega in paradiso (1958), diretto da Richard Quine.

Il gatto siamese, che divide la scena con Gillian ‘Gil’ Holroyd  (Kim Novak), non è un semplice animale, ma un vero e proprio stregone. Si tratta infatti dell’incarnazione di un avo della bella strega di cui s’innamora Shepherd ‘Shep’ Henderson (James Stewart). Tra gli attori anche Jack Lemmon.

I gatti al cinema Cagliostro, Una strega in paradiso Bell, Book and Candle James Stewart, Kim Novak gatto, CatLo stregatto, Alice nel paese delle meraviglie

Si tratta del gatto che compare nel film d’animazione prodotto dalla Walt Disney Productions, Alice nel paese delle meraviglie (1951).

Il cartone è diretto da Clyde Geronimi, Hamilton Luske e Wilfred Jackson ed è basato principalmente sul libro di Lewis Carroll Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie.
Lo Stregatto compare anche nel film diretto da Tim Burton Alice in Wonderland (2010).

I gatti al cinema Stregatto Cheshire Cat Alice nel Paese delle Meraviglie (Alice in Wonderland) Clyde Geronimi, Hamilton Luske, Wilfred Jackson Lewis CarrollGatto, Colazione da Tiffany

Il felino è il confidente di Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany (1961), diretto da Blake Edwards e tratto dall’omonimo romanzo di Truman Capote.

Il gatto non ha un vero e proprio nome perché come recita la protagonista: “io penso che non ho il diritto di dargli un nome… perché in fondo noi due non ci apparteniamo, è stato un incontro casuale”.  Il gatto che abita con Holly ha un ruolo fondamentale in Colazione da Tiffany, pensate anche solo all’ultima scena in cui Holly Golightly (Audrey Hepburn) e il suo innamorato vanno alla ricerca del gatto smarrito sotto la pioggia. Tra gli attori anche George Peppard, Martin Balsam e Mickey Rooney.

I gatti al cinema Gatto, cat Colazione da Tiffany (Breakfast at Tiffany's) Blake Edwards, con Audrey Hepburn, George PeppardG.G., F.B.I.: Operazione gatto

G.G. (Darn Cat o DC nella versione originale) è il gatto di F.B.I.: Operazione gatto (That Darn Cat!),  un film Disney del 1965 diretto da Robert Stevenson.

G.G. è un furbo e smaliziato gatto siamese, che diventa fondamentale in un’operazione condotta dall’FBI, che ha lo scopo di liberare una donna. Tra gli attori Hayley Mills, Dean Jones e Dorothy Provine.

I gatti al cinema F.B.I. Operazione gatto (That Darn Cat!) Hayley Mills, Dean Jones, Dorothy ProvineTonto, Harry e Tonto

Tonto è il nome del gatto protagonista di Harry e Tonto (1974), un film di Paul Mazursky, con protagonisti Art Carney e Ellen Burstyn.

Tonto è il soriano rosso che accompagna il protagonista Harry Coombes in un lungo viaggio on the road attraverso gli Stati Uniti, dopo che l’uomo è rimasto senza casa.  Art Carney vinse l’Oscar per il miglior attore grazie all’interpretazione di Harry.

I gatti al cinema Harry e Tonto (Harry and Tonto) Paul Mazursky, Art Carney, Ellen Burstyn setJake, Il gatto venuto dallo spazio

Il gatto venuto dallo spazio (The Cat from Outer Space) è una divertente commedia del 1977 diretta da Norman Tokar e distribuito dalla Walt Disney Pictures Home Entertainment.

Il gatto venuto dallo spazio vede protagonista un soriano alieno Zunar-J-5/9 doric-4-7, che viene ribattezzato Jake dai suoi padroni adottivi sulla Terra. Tra gli attori Sandy Duncan e Hans Conried.

I gatti al cinema Il gatto venuto dallo spazio (The Cat from Outer Space) Zunar-J-59 doric-4-7 Sandy Duncan, Hans ConriedJonesy, Alien

E’ il gatto di Alien (1979), uno dei capolavori del regista Ridley Scott. Jonesy è il soriano rosso dell’ufficiale della USCSS Nostromo Ellen Ripley (Sigourney Weaver), l’eroina che combatte gli Xenomorfi nella fortunata serie di pellicole dedicate al predatore alieno.

Non vi possiamo spiegare il perché, altrimenti rovineremo la trama di un film fantastico, ma Jonesy ha un ruolo importante nella trama di Alien. Jonesy, sopravvissuto nel primo Alien, tornerà e se la caverà anche nel sequel, Aliens – Scontro finale, questa volta diretto da James Cameron, non compare invece in Alien³ – (1992) e Alien – La clonazione – (1997). Oltre a Sigourney Weaver, tra gli attori di Alien anche Ian Holm, John Hurt, Veronica Cartwright, Yaphet Kotto, Tom Skerritt.

I gatti al cinema Jonesy, Alien Sigourney Weaver, Ian Holm, John Hurt, Veronica Cartwright, Yaphet Kotto, Tom Skerritt USCSS Nostromo Ellen RipleyGenerale, L’occhio del gatto

L’occhio del gatto (1985) è un film del diretto da Lewis Teague, basato su due storie di Stephen King  (Quitters, Inc. e Il cornicione) e un soggetto originale scritto per il film. Il film vede tra i protagonisti Drew Barrymore, James Woods, Alan King, Kenneth McMillan e Robert Hays.

L’occhio del gatto è diviso in tre episodi collegati dalla presenza di un gatto, che si muove sullo sfondo nei primi due, e diventa protagonista principale nell’ultima storia. Il gatto protagonista dell’ultima storia si chiama Generale.

I gatti al cinema L'occhio del gatto (Cat's Eye) Lewis Teague Drew Barrymore, James Woods, Alan King, Kenneth McMillan e Robert Hays Generale, GeneralRufus, Re-Animator

Re-Animator (1985) diretto da Stuart Gordon, è un film horror fantascientifico tratto dal racconto del 1922 Herbert West rianimatore, dello scrittore statunitense Howard Phillips Lovecraft.

La pellicola racconta le vicende dello studente di medicina Herbert West, che inventa un siero per resuscitare i morti. I cadaveri ritornano in vita, ma non sono controllabili e diventano mostri che iniziano a uccidere. West riporta in vita con il suo fluido sperimentale fluorescente anche Rufus, il gatto nero di Dan che aveva ritrovato morto ammazzato. Tra i protagonisti Jeffrey Combs, Bruce Abbott e Barbara Crampton.

I gatti al cinema Re-Animator (1985) Stuart Gordon Howard Phillips Lovecraft Jeffrey Combs, Bruce Abbott, Barbara CramptonChurch, Cimitero vivente

Church è il gatto della piccola Ellie Creed in Cimitero vivente (1989), horror diretto da Mary Lambert e tratto dal romanzo Pet Sematary di Stephen King.

Nella pellicola Church è un gatto Certosino. Tra gli attori: Denise Crosby, Fred Gwynne e Dale Midkiff.

I gatti al cinema Church Cimitero vivente Pet Sematary, Stephen King Mary Lambert, Denise Crosby, Fred Gwynne, Dale MidkiffFiocco di Neve, Stuart Little

Fiocco di neve è gatto persiano bianco che cerca di catturare il topolino Stuart nel film Stuart Little – Un topolino in gamba (1999) di Rob Minkoff.

Sfigatto, Ti presento i Miei

Sfigatto (Mr. Jinx) è il nome del felino di casa Byrnes nel film Ti presento i Miei (2000) di Jay Roach. Nella pellicola compaiono Robert De Niro, Ben Stiller, Teri Polo, Blythe Danner e Owen Wilson.

I gatti al cinema Ti presento i miei (Meet the Parents) Jay Roach Robert De Niro, Ben Stiller, Teri Polo, Blythe Danner, Owen Wilson Sfigatto Mr. Jinx Ulisse, A proposito di Davis

Ulisse (Ulysses) è il gatto di A proposito di Davis (Inside Llewyn Davis), un film del 2013 diretto e sceneggiato da Joel ed Ethan Coen.

Ulisse è un bellissimo soriano rosso, che smuove il protagonista Llewyn Davis dalla sua inerzia esistenziale. A proposito di Davis vede tra i protagonisti: Oscar Isaac, Carey Mulligan, Justin Timberlake e John Goodman.

I gatti al cinema A proposito di Davis (Inside Llewyn Davis) Joel, Ethan Coen Oscar Isaac, Carey Mulligan, Justin Timberlake, John Goodman Ulisse UlyssesI gatti al cinema però non sono finiti qui:

Il gatto bianco di Ernst Stavro Blofeld

Il misterioso gatto bianco di Ernst Stavro Blofeld, acerrimo nemico dell’agente 007 nella serie di film dedicati a James Bond. Il suo nome però non lo conosciamo perché in nessuna delle sue apparizioni cinematografiche viene chiamato per nome. Gatto che viene parodiato in Austin Powers – Il controspione diretto da Jay Roach e con protagonista il comico canadese Mike Myers. Il felino del villain di 007 diventa il Signor Bigolo (Mr. Bigglesworth), lo Sphynx del Dottor Male.

I gatti al cinema Ernst Stavro Blofeld cat, gatto 007 James BondCatwoman

Impossibile non citare Catwoman (all’anagrafe Selena Kyle o anche Selina Kyle), un personaggio dei fumetti creato da Bob Kane e Bill Finger nel 1940 e pubblicato dalla DC Comics. Il personaggio è apparso anche nei cartoni animati, nelle serie TV ed infine al cinema. Catwoman è comparsa al cinema in Batman – Il ritorno (1992), diretto da Tim Burton, dove viene interpretata da Michelle Pfeiffer, nel 2004 è Halle Berry a vestire i panni di Catwoman, ed infine il personaggio è presente ne Il cavaliere oscuro – Il ritorno, terzo e ultimo capitolo della saga di Christopher Nolan dedicata a Batman. In quest’ultimo film è Anne Hathaway ad interpretare l’eroina con l’agilità e le movenze di un gatto.

I gatti al cinema Catwoman Halle Berry Sharon Stone sexyIn conclusione come si possono non menzionare, la signora dei gatti di Arancia Meccanica, il gatto di Don Vito Corleone nel Padrino, il felino de Il lungo addio o quello di Millennium – Uomini che odiano le donne. Si può anche citare Baby, il leopardo domestico di Katharine Hepburn in Susanna!. Non lo è ma viene trattato come se fosse un gatto, con grande meraviglia del dottor David Huxley (Cary Grant).

I gatti al cinema non sono finiti qui perchè prossimamente faremo un nuovo articolo.

Luca Miglietta

I gatti al cinema Il padrino (The Godfather) cat, gatto Marlon Brando Francis ford coppola

Trucchi per girare le scene di sesso nei film

Trucchi per girare le scene di sesso nei film

Quali sono i trucchi per girare le scene di sesso nei film? Ve lo siete mai chiesti? Perché gli attori in scene così hot sono a proprio agio?

House Of Cards Kate Mara Kevin Spacey scene trucchi per girare le scene di sesso nei film e nelle serie tvTra poco vi sveliamo i trucchi per girare le scene di sesso sia al cinema, che nelle serie tv

Trucchi per girare le scene di sesso nei film. Spesso quando ci imbattiamo in una scena di sesso più o meno esplicito sorge spontanea la curiosità su come sia stato possibile girare quella scena. Ci si chiede anche come gli attori riescano ad essere naturali, circondati da altri attori, il regista ed il resto della troupe.

A detta di moltissimi attori e registi infatti le scene di sesso sono proprio le più complicate da girare: è difficile riuscire a simulare un’azione così intima e personale in maniera realistica tanto da convincere lo spettatore della pellicola. I trucchi per girare le scene di sesso nei film sono molti: i cuscini messi fra i due corpi, le protesi, i capi intimi invisibili e le imbottiture per evidenziare i muscoli. Fondamentali sono anche il posizionamento delle luci e la scelta dell’inquadratura, che spesso richiedono molto tempo e una buona dose di ingegnosità da parte del regista di turno.

Girls HBO 2 Trucchi per girare le scene di sesso nei film e nelle serie tvCome ha dichiarato al New York Times Judd Apatow, autore e produttore della serie Girls anche il il movimento degli attori durante le scene di sesso può essere un problema:

se provi o pensi troppo diventa un pessimo porno.

Forse uno dei metodi più impiegati è quello di utilizzare una sorta di slip color carne a cui vengono tagliati gli elastici. Questi slip sono poi fissati sulla pelle tramite dei cerotti che vengono accuratamente resi invisibili allo spettatore tramite il trucco di scena.

Nei film in cui le scene sono decisamente più esplicite e distinguibili invece si utilizzano altri trucchi per girare le scene di sesso. Si impiegano ad esempio protesi finte in lattice che ricostruiscono il loro corpo, oppure con un ingegnoso metodo si simula il sudore. Secondo The Independent infatti, nelle scene di sesso spinto, gli attori vengono spruzzati con acqua di rose e glicerina per ricoprire il corpo di gocce che facciano pensare al sudore. A volte, per rendere la scena ancora più realistica, si aggiunge anche della crema idratante, che crea un ulteriore strato oleoso sulla pelle.

anne hathaway love and other drugs Amore & altri rimedi Trucchi per girare le scene di sesso nei film e nelle serie tvUn altro trucco utilizzato dalle attrici è sicuramente quello della parrucca pubica, impiegata in numerosi film, pensate a quella utilizzata da Kate Winslet in A voce alta – The Reader, da Anne Hathaway in Amore & altri rimedi, o da Dakota Johnson in Cinquanta sfumature di grigio. Questo strumento, chiamato in gergo merkin, non è però un’invenzione hollywoodiana, perchè è stata inventato addirittura alla metà del 1400 per prevenire i pidocchi. Un trucco che veniva utilizzato dalle prostitute, che lo impiegavano inoltre per mascherare possibili malformazioni o effetti di qualche malattia contratta. Secondo il responsabile del trucco della serie tv Boardwalk Empire il merkin infatti serve a creare l’illusione di un inguine perfetto, che nella realtà spesso non esiste.

I trucchi per girare le scene di sesso nei film non sono certo finiti qua, perchè John Turturro ne ha adottato uno davvero ingegnoso per simulare un amplesso. L’attore e regista italoamericano ha rivelato in un’intervista che per il suo film Romance and Cigarettes aveva chiesto a Kate Winslet di sedersi su una piccola palla di quelle che si usano per gli esercizi in palestra, in modo da simulare una scena di sesso frenetico con lei seduta sul partner. Veniva poi utilizzata un’inquadratura che facesse sì che gli spettatori vedessero solo l’espressione del viso dei due attori in movimento, ma non i loro corpi.

Romance & Cigarettes John Turturro James Gandolfin Susan Sarandon Kate Winsleti sexy red dress fire streaming trucchi per girare le scene di sesso nei film e nelle serie tvUn altro stratagemma utilizzato dall’industria cinematografica sono i copricapezzoli. Nei film e nelle serie tv vengono utilizzati dei tipi particolari di copricapezzoli: sono color carne e danno l’impressione allo spettatore che il seno dell’attrice sia completamente nudo. Questo metodo è stato utilizzato durante le scene hot tra Kate Mara e Kevin Spacey in House Of Cards, come aveva raccontato l’attrice due anni fa alla rivista Playboy.

Quando non si possono utilizzare trucchi per girare le scene di sesso viene ripreso un sosia dell’attore che non vuol essere ripreso. Keira Knightley ha rivelato che nelle scene più erotiche Domino si è fatta sostituire da una controfigura. L’attrice ha infatti scherzato:

quel sedere? Non è mio, magari l’avessi così.

Luca Miglietta

Domino (2005) Tony Scott Keira Knightley, Mickey Rourke, Edgar Ramirez, Lucy Liu streaming Trucchi per girare le scene di sesso nei film e nelle serie tv