Addio Apu

Addio Apu Nahasapeemapetilon

Addio Apu, a tarda notte ci è arrivata la smentita del produttore esecutivo dei Simpson, Al Jean, speriamo vada come dice lui

Addio Apu NahasapeemapetilonAddio Apu Nahasapeemapetilon. I Simpson si preparano a dire addio ad uno dei personaggi storici: Apu Nahasapeemapetilon, il gestore indiano del Jet Market di Springfield. Si tratta del mini-market di fiducia della famiglia Simpson, Marge e Homer Simpson si recano quotidianamente a fare la spesa, Homer in particolare a comprare ciambelle, le birre ed altro junk food che fa ingrassare.

Addio Apu, la polemica sul suo personaggio è nata dopo il documentario del comico di origini indiane Hari Kondabolu

Questa decisione è stata presa dalla produzione dopo le polemiche scoppiate attorno al personaggio, definito “una caricatura nazista“ nel documentario “The Problem with Apu“, andato in onda nel 2017. Ha spiegato il Times:

nonostante sia stabilmente in televisione da oltre trent’anni, il personaggio di Apu risulterebbe non gradito a una buona fetta di persone appartenenti alle comunità indiane e asiatiche.

Addio Apu NahasapeemapetilonNel documentario il comico di origini indiane Hari Kondabolu aveva accusato gli autori dei Simpson di dipingere da trent’anni il personaggio in maniera stereotipata e razzista, a cominciare dal suo accento marcato, il modo in cui raggira i clienti e la merce scaduta in vendita nel suo market.

La decisione è abbastanza folle perchè ogni personaggio dei Simpson è una caricatura satirica della sua controparte nella società reale, a questo punto dovrebbero cancellare la serie perché tutti gli americani, italoamericani, scozzesi, inglesi, francesi possono essere definiti secondo questo termine di giudizio caricature razziste. A partire da Homer americano medio, non c’è un gruppo etnico o sociale che sia rappresentato meglio o peggio degli altri, sono tutti oggetto si satira.

A tarda notte ci è arrivata la smentita della cancellazione di Apu dalla sit-com del produttore esecutivo dei Simpson, Al Jean. Ha inoltre ribadito che Adi Shankar, il produttore cinematografico che ha diffuso il rumour, non è legato alla produzione della serie. Insomma non ci resta che sperare che sia vero.

Luca Miglietta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*